AGENZIE, UNO SCIOPERO DIFFICILE MA INEVITABILE PER DIFENDERE IL PLURALISMO

 

di Corrado Chiominto *

Niente notizie da Ansa, Agi, Adnkronos, Radiocor, Askanews, Dire, Il Velino, LaPresse, Nove Colonne.
I giornalisti delle agenzie di stampa italiane, in modo compatto, hanno deciso di incrociare le braccia nel giorno in cui a Roma sono riuniti i capi di Stato europei per il sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma.

E’ una decisione grave che arriva per contestare la scelta di un bando di gara europeo che rischia di metterle in ginocchio il settore e soprattutto dopo che, alla richiesta di un confronto serrato, il ministro Luca Lotti ha risposto scaricando sui giornalisti le difficoltà di dialogo.

Per il giornalismo italiano è un black out coordinato che non trova esempi nel passato e vuole porre l’attenzione sui rischi in arrivo con un bando di gara europeo. In ballo ci sono i posti di lavoro di 800 giornalisti.

Ma non solo. La gara europea rappresenta una strettoia che punta a impoverire il settore, una mina per il pluralismo informativo del Paese che passa anche attraverso le Agenzie di Stampa, una vera e propria dorsale informativa per l’Italia.

Per i colleghi dei quotidiani e delle altre testate, ma anche per quelli dei molti inviati giunti a Roma, il lavoro di copertura del vertice romano sarà sicuramente più difficile. Alla fine per i cittadini l’informazione sarà meno ricca. Anche perché, in contemporanea, mancherà la copertura in diretta dei giornalisti di Sky.

La decisione – che apre un vero e proprio scontro tra i giornalisti delle agenzie e il governo – è stata presa dopo una settimana nella quale i Cdr delle otto principali agenzie avevano chiesto un confronto con il ministro Luca Lotti.

Per dare forza alla propria posizione i giornalisti lo scorso martedì si erano riuniti in assemblea contemporaneamente e – dall’Ansa all’Agi, da Radiocor ad Askanews – i cdr avevano ricevuto il mandato all’utilizzo di un pacchetto di sciopero. A nulla è servito nemmeno l’incontro tra il segretario della Fnsi con i rappresentanti di Lotti a Palazzo Chigi.

Per questo il coordinamento delle agenzie ha chiesto un incontro con il ministro e una chiara indicazione di disponibilità ad un vero confronto su soluzioni alternative al bando di gara europeo per il settore.  Ma hanno ricevuto in cambio un comunicato-sberleffo nel quale, a fronte della richiesta, si è risposto con una chiusura di fatto: la nota, pur promettendo la convocazione del segretario della Fnsi per parlare del bando, ha accusato i Cdr di aver ‘’compromesso unilateralmente la fase di dialogo e  collaborazione tra le parti’’.  Insomma, uno schiaffo.

La scelta per le agenzie di stampa  – da sempre abituate a rispettare i momenti più importanti della vita del Paese – non è stata facile.  Una scelta obbligata però valutando la pericolosità della strada intrapresa dal governo.  Le gare europee, peraltro imminenti, rappresentano un imbuto attraverso il quale  – in un momento già di grande crisi per l’editoria – si vuole di fatto razionalizzare il settore.

In concreto si mette a rischio la rischio la sostenibilità e, in alcuni casi, la sopravvivenza delle aziende e delle redazioni. Ma soprattutto si rischiano di compromettere il pluralismo dell’informazione e la salvaguardia degli interessi dell’informazione primaria italiana rispetto ai grandi gruppi editoriali stranieri, tra l’altro in alcuni casi  sovvenzionati da altri Stati. Non è cosa da poco. Tafazzi non saprebbe fare di meglio.

L’ipotesi sul tappeto, che il governo starebbe percorrendo e che i giornalisti contrastano, è quella di un doppio bando, uno per i servizi informativi interni, l’altro per quelli internazionali.  Apparentemente viene fatta passare come una scelta di rispetto di regole che non esistono, tanto che nessun Paese europeo le applica.

Sembra piuttosto una ripicca, dopo che il pressing per favorire accorpamenti tra agenzie – che avrebbero comportato sicuramente molti esuberi – non sono riusciti. Ora, con il bando europeo, se le agenzie più piccole rischiano di rimanere fuori dai giochi, per quelle più grandi è come affrontare una pericolosissima partita a dadi.

L’incertezza provocata in un momento di difficile crisi per il settore rischia di essere una bastonata. L’informazione, soprattutto quella di qualità, richiede investimenti, che in questo momento non sono nemmeno remunerativi. Ma soprattutto deve essere diffusa sul territorio, una caratteristica che – a eccezione della Rai, con i limiti che tutti conosciamo – solo le agenzie di stampa possono garantire. E che arriva dalla piccola radio locale ai grandi quotidiani, dalla televisione straniera alla stazione di periferia dei carabinieri.

Ecco perché scioperare, anche in un giorno in cui l’Italia è sotto i riflettori dei media internazionali, è  non solo giusto ma necessario.  E non solo per i giornalisti che vi lavorano.

 

* Consiglio consultivo di Puntoeacapo, Cda Casagit

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


venti + 15 =