INPGI OBBLIGATA DAI MINISTERI A CAMBIARE PER SOPRAVVIVERE. PERCHE’ VOTIAMO NO AL BILANCIO

 

di Paola Cascella e Carlo Chianura *

Dai -7,4 milioni del 2012 ai 114,3 del 2016. Ogni 100 euro incassati per contributi, ci sono state uscite di 127 per spesa previdenziale. Un saldo negativo di 800 posti di lavoro in un solo anno.
L’esame del bilancio consuntivo 2016 conferma e anzi aggrava le preoccupazioni espresse negli anni scorsi dalla delegazione di Inpgi Futuro. Considerazioni che hanno portato il nostro gruppo all’astensione su tutti i bilanci dell’Assicurazione generale obbligatoria presentati dal 2014 e al voto contrario a partire dal 2015.

E’ ormai chiaro a tutti che il patrimonio dell’Inpgi, dunque di tutti gli iscritti, è stato terreno di spoliazione delle risorse in seguito agli accordi contrattuali e aziendali che hanno liberalizzato il ricorso a stati di crisi e a contratti di solidarietà non sempre giustificati dalle condizioni economico-finanziarie del sistema Fieg.

L’Inpgi si è trovato a gestire solo gli effetti negativi di questa congiuntura, incassando il crollo della contribuzione, sia per la perdita di migliaia di posti di lavoro, che per l’esplosione della spesa pensionistica.

Gli aspetti esogeni della crisi sono però solo una faccia della medaglia.

L’analisi del bilancio consuntivo 2016 mostra che, per motivi contingenti o per scelte esplicite, l’istituto ha piegato i propri conti a volte distorcendoli, come nel caso delle plusvalenze del fondo Giovanni Amendola.

Le plusvalenze immobiliari da conferimento, in quanto non realizzate sul mercato ma con un fondo di cui Inpgi ha il 100 per cento, esistono solo sulla carta. Pertanto il risultato netto contabile risulta alterato e il bilancio non dà una reale rappresentazione dell’andamento della gestione. Se ci fosse un bilancio consolidato, queste plusvalenze sarebbero eliminate.

Riteniamo doveroso tenere alto l’allarme sulla tenuta dei conti che, lo ha ricordato recentemente la nota del ministero del Lavoro sulla riforma pensionistica, nel caso dell’Inpgi deve garantire annualmente a norma di legge l’equilibrio finanziario e contabile.

Anche per i ministeri vigilanti insomma l’Inpgi deve cambiare per sopravvivere. A partire da ulteriori misure invocate senza mezzi termini, non escludendo la riduzione dei costi degli organi statutari e dalla revisione della macchina amministrativa, espressamente citati nella nota del ministero del Lavoro.
E’ per questi motivi che annunciamo voto contrario sul bilancio consuntivo Inpgi 2016.

* Consiglieri di amministrazione per Inpgi Futuro

Dichiarazione a verbale depositata nel Consiglio di amministrazione del 20 aprile durante il quale è stato approvato il bilancio consuntivo 2016 dell’Inpgi.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


diciassette + quattro =