INPGI, L’INCREDIBILE CASO LIGURIA: SE NON SEI DELLA MIA PARTE TI SBIANCHETTO

 

di Alessandra Spitz*

Una miscela micidiale di negazione della democrazia e arroganza proprietaria delle istituzioni.
Non si riesce a definire altrimenti la vicenda che vede protagonisti i vertici dell’Associazione stampa della Liguria e il suo collegio dei probiviri, ai danni del giornalista Gian Luigi Corti.

Una storia di regole violate due volte, prima con i comportamenti e poi con un giudizio assolutorio che stravolge i principi costitutivi della Fnsi.

Ma raccontiamo brevemente i fatti: nei primi mesi del 2016, in piena campagna elettorale per le elezioni degli amministratori dell’Inpgi (istituto di tutti i giornalisti italiani e non solo degli iscritti al sindacato), la segretaria della Associazione ligure, Alessandra Costante, ignorando la par condicio, oltre che la correttezza istituzionale, fa propaganda elettorale sul sito della Associazione ligure a favore dei “suoi” candidati favoriti, omettendo di informare i propri lettori ed iscritti che si è candidato anche, nella lista dei pensionati, il giornalista ligure Gian Luigi Corti, che oltretutto è anche il presidente dell’Unione pensionati della Liguria.

Corti, ovviamente, presenta un esposto al collegio dei probiviri, lamentando il comportamento discriminatorio adottato nei suoi confronti dalla segretaria Costante.

A sostegno della posizione di Corti ci sono, chiari ed evidenti, i principi scolpiti nello Statuto della Fnsi che afferma: “Il compito della Fnsi è difendere l’unità della categoria a fronte di qualsiasi tentativo di discriminazione”. “Il compito della Fnsi è difendere la libertà di stampa e d’informazione e il diritto di cronaca nei limiti e nel rispetto delle norme deontologiche della categoria, garantendo la pluralità degli organi di informazione, l’accesso alle fonti delle notizie e il diritto del cittadino di manifestare il proprio pensiero e di essere informato”. E ancora: “La Federazione della Stampa riconosce e basa la propria azione e la propria rappresentanza sul principio delle pari opportunità”.

Invece, che cosa decide il collegio dei probiviri della Liguria? Assolve a sorpresa la segretaria, pur riconoscendo che “è opinabile l’opportunità di prendere posizione a favore di uno dei contendenti, utilizzando gli strumenti di comunicazione dell’ Associazione, omettendo la presenza nella competizione di un altro candidato”.

La motivazione della assoluzione è dovuta al fatto che “tale evenienza (il comportamento della segretaria, ndr) – a giudizio di questo collegio – non si può configurare alla stregua di un comportamento antisindacale nè appare una discriminazione, come lamentato dal ricorrente, nel riguardo degli altri competitori, dal momento che è nella discrezionalità di ciascuno di promuovere il candidato che ritiene più vicino a sè e alla propria linea politica”.

Insomma, non è compito della segretaria Costante nè del collegio dei probiviri difendere l’unità della categoria di fronte alle discriminazioni, nonché il diritto di chiunque a essere informati e il rispetto del principio delle pari opportunità. L’unico principio che vale è: l’Associazione è mia e me la gestisco come voglio io.

Si tratta, con tutta evidenza, di atteggiamenti discriminatori e prevaricanti operati da una associazione che dovrebbe essere un esempio di democrazia, rispetto deontologico della informazione e delle regole statutarie.

Il collega Corti, di fronte a una decisione scandalosa, ha fatto ricorso agli organi nazionali della Federazione che, ne siamo certi, non potranno avallare il comportamento dell’Associazione ligure che ha ignorato i principi fondanti del sindacato unitario dei giornalisti.

Riteniamo però che questa vicenda rappresenti l’ennesimo campanello di allarme preoccupante presente e futuro per la democrazia del sindacato e per la correttezza dei comportamenti nelle campagne elettorali della categoria.

Alessandra Costante dovrebbe ricordare che le elezioni di Inpgi e Casagit non le consentono di svolgere quel ruolo “politico” che lei rivendica, trattandosi di enti il cui patrimonio appartiene a tutti i giornalisti e non certo a lei e alla sua linea politica.

Se si vuole continuare a fare politica, anche nelle situazioni in cui è d’obbligo la par condicio, si restituiscano prima i finanziamenti che Inpgi e Casagit girano per fornire servizi a tutti i giornalisti, senza discriminazioni di sorta.

* Consigliera generale per Inpgi Futuro, esecutivo di Puntoeacapo

 

2 Commenti "INPGI, L’INCREDIBILE CASO LIGURIA: SE NON SEI DELLA MIA PARTE TI SBIANCHETTO"

  1. Gian Luigi Corti | 4 maggio 2017 ore 9:18 | Rispondi

    Cara Alessandra, non ho parole per ringraziarti della tua presa di posizione a favore mio e della democrazia.

    Gian Luigi Corti

  2. VALERIO BARGHINI | 20 maggio 2017 ore 13:12 | Rispondi

    Cara Alessandra, ho letto con vivo interesse il tuo articolo su questa incresciosa vicenda. Sono un pubblicista iscritto all’Ordine della Lombardia dal 2009 e poligrafico dal 1990 in una nota e grande testata nazionale. Nel 2013 la società editrice della suddetta testata aveva stabilito che la sua redazione genovese era “cedibile” come ramo d’azienda ad altra società editrice. Ovviamente la vicenda ebbe una vasta eco mediatica con coinvolgimenti dei Cdr, dell’Associazione Stampa Ligure, del sindacato nazionale, ma anche delle Rsu e dei sindacati dei poligrafici. All’epoca ero rappresentante Uilcom nella suddetta azienda. Di fronte alla mia richiesta di trattare, stante la particolarità della tematica, unitariamente (poligrafici e giornalisti) la vicenda, prevedendo altresì un incontro congiunto a Genova, la risposta della collega (spero che la signora Costante non consideri lesa maestà l’utilizzo di questo sostantivo) ebbe a dire al sottoscritto che non vi era necessità di un incontro congiunto, perché insomma i giornalisti le tematiche che dovevano trattare erano “delicate” (sic!) e che magari, forse, chissà, l’incontro congiunto lo si poteva fare un’altra volta. Una maniera elegante per dire: i giornalisti sono una cosa, i poligrafici un’altra. Anche se concorrono a realizzare, con la pari dignità, lo stesso prodotto. Una pari dignità sconosciuta alla signora Costante. E articoli come il tuo, cara Alessandra (Spitz, per carità, specifichiamolo a scanso di equivoci) sono la conferma, su fronte diverso ma al contempo analogo, della posizione classista assunta da certi colleghi. Per carità, sempre che questi ultimi non considerino lesa maestà l’utilizzo del sostantivo.
    Valerio Barghini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


diciotto − 15 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.