CASAGIT PER TE, LA SFIDA DA VINCERE PER IL WELFARE DEI GIORNALISTI

 

di Rossella Lama *

E’ una sfida che dobbiamo e vogliamo cogliere. E, ne siamo certi, Casagit ha i numeri per vincerla.
Saprà trovare la strada per continuare a svolgere il ruolo di cassa integrativa sanitaria dei giornalisti e delle loro famiglie. Di tutti i giornalisti italiani, senza distinzione. Per questo era nata nel 1974, in una stagione in cui la nostra categoria era forte, i contratti accrescevano le tutele e gli stipendi erano  di tutto rispetto. E nella quale il sindacato aveva voce in capitolo, era un interlocutore temuto, ascoltato e rispettato dagli editori.

Sembrano anni luce fa, invece sono passati poco più di quarant’anni. C’è stato un proliferare di contratti atipici, di free lance pagati da fame, di precari ricattati che svolgono il loro lavoro da giornalisti senza i diritti, ma anche senza i doveri imposti dalla professione, che la firma del contratto di lavoro prevede.

Il nome di Angiolo Berti forse non dice niente ai più giovani di noi, è stato il fondatore e primo presidente di Casagit. Lo spirito con il quale appose la sua firma al primo  statuto di Casagit si è perso purtroppo nei mille rivoli in cui si è spezzettata la figura del giornalista, che ormai per larga parte resta esclusa dal contratto nazionale di lavoro.

E Casagit, che vive grazie ai contributi dei giornalisti attivi contrattualizzati e dei pensionati, è stata costretta negli ultimi anni a rimettere mano al tariffario per contrastare la tendenza al rosso profondo del bilancio. Ancora nel 2010 entravano 85 milioni di contributi all’anno. Oggi, dopo sei anni, siamo scesi a 80 milioni, in presenza di una popolazione che è invecchiata, che ha più necessità di assistenza sanitaria, sempre meno soddisfatta dal servizio sanitario nazionale in ritirata.

Per questo il fatto che negli stessi sei anni  Casagit sia riuscita a ridurre le spese per prestazioni dai 72 milioni di euro gli attuali 67 non può renderci contenti. Si sono tagliati molti sprechi, è vero, ma è innegabile che la coperta si sia ridotta. E non ci sono margini per procedere su questa strada. Se non si arresta l’esodo degli attivi dalle redazioni, se il sindacato non riuscirà a rendere il contratto nazionale più inclusivo, le entrate crolleranno a livelli incompatibili con qualsiasi forma di assistenza. Niente di questo dipende da Casagit. Non è nella disponibilità dei suoi amministratori.

Non potendo agire su fronte delle entrate, a Casagit resterebbe solo la leva delle uscite su cui continuare a intervenire per salvare il patrimonio e non dover portare i libri in tribunale. Ma abbiamo detto che arrivati a questo punto anche di tagli si può morire. Allora? Ecco perchè un radicale cambiamento è necessario.

Casagit si reggerà solo se invertirà la rotta del calo degli iscritti, scesi quest’anno per la prima volta sotto quota 50 mila. Il  sindacato farà la sua parte riuscendo ad allargare il perimetro del contratto? Purtroppo segnali positivi non se ne vedono.

Allora Casagit dovrà cercarli da altre parti, e  magari nel suo futuro non lontano non sarà più solo la Cassa autonoma dei giornalisti italiani, ma ingloberà altre categorie di lavoratori. Francamente non ci trovo niente di male se si va a star meglio tutti.

Poi c’è Casagit Servizi. Uno strumento fondamentale per poter vendere sul mercato quello che la Cassa sa fare. Organizzare previdenza integrativa per le tante categorie che vogliono dotarsi di una mutua sanitaria. Il successo ottenuto con i Profili 2, 3 e 4, dedicati ai giornalisti libero professionisti, con contratti atipici, e ai figli dei colleghi non più iscritti alla Cassa, è diventata una credenziale molto importante da spendere. Contatti sono stati già avviati e daranno i loro frutti.

Stiamo vivendo la stagione del cambiamento, che si prospetta radicale. Che chiede inventiva, la capacità di guardare avanti per costruire il futuro prossimo venturo, ma anche una grande prudenza e vigilanza, consapevoli del fatto che il settore della sanità, che è quello in cui ci muoviamo, si porta dietro interessi enormi, non sempre specchiati.

* Cda uscente Casagit, componente del Collegio dei probiviri di Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


tredici + nove =