CASAGIT PER TE, UN SUCCESSO SIMBOLO DEI VALORI COSTITUENTI DI PUNTOEACAPO

 

di Carlo Chianura

Portavoce di Puntoeacapo

Lo straordinario successo di Casagit Per Te, la lista sostenuta da Puntoeacapo, è insieme un segnale di speranza e di cambiamento.
Speranza perché premia lo spirito di servizio con cui da sempre Puntoeacapo ha interpretato il proprio ruolo negli enti e nelle istituzioni di categoria. Cambiamento perché sembra contraddire l’arroganza con cui prima di questo voto la maggioranza della Fnsi aveva emanato una specie di ukase contro chiunque non interpretasse l’ortodossia. Quella stessa di chi grazie a un sistema federale falsato governa da decenni il sindacato con una minoranza di blocco che rappresenta sì e no il dieci per cento della professione.

L’altro dato politico è la coerenza del nostro risultato con quello registrato in altre regioni strategiche del Paese. E’ il caso soprattutto della vittoria in Lombardia della lista guidata dal fiduciario Costantino Muscau e dal vicepresidente Carlo Gariboldi. Risultati come questo, è evidente, modificano gli scenari di partenza.

L’affermazione di Casagit Per Te è poi anche una risposta a chi ritiene con superficialità che ormai il voto si esprima solo sulle persone, al di là delle sigle e dei simboli: i fatti dimostrano che non è così. Tanto è vero, per esempio, che Mario Antolini, il recordman di sempre delle preferenze Casagit, è vice portavoce di Puntoeacapo. E che ruoli importanti nella nostra associazione rivestono altri eletti.

Nel Lazio, ma anche in regioni importanti e simboliche come Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Campania, Puntoeacapo ha sostenuto una lista omogenea, che ha parlato una sola lingua. Una lista che ha rispettato quello che dal 2001 è l’imprinting della nostra associazione: la tutela dei giornalisti attivi e dei pensionati, come è scritto a chiare lettere nello statuto di Puntoeacapo.

Continueremo a sostenere la professione giornalistica “attraverso la tutela della rappresentanza, della difesa e della promozione dei diritti economici, sociali, professionali, sindacali e culturali dei giornalisti”.

E lo faremo senza partecipare a manovre di corridoio e men che meno a congiure di palazzo, ma ispirandoci esclusivamente al bene della Casagit e al rispetto degli interessi dei giornalisti iscritti.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


uno × 5 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.