INPGI, EX FISSA: ALIQUOTA ALLEGGERITA PER LA FIEG. NESSUNA NOTIZIA SUL FONDO

 

di Paola Cascella *

Cala l’aliquota con la quale la FIEG sta rimborsando all’Inpgi il finanziamento di 12 milioni concesso per pagare una parte dell’ex fissa, il trattamento previdenziale integrativo dovuto dagli editori ai giornalisti pensionati che in genere hanno maturato più di 15 anni di anzianità aziendale.

Lo ha deliberato il 20 giugno l’istituto di via Nizza dopo aver appurato che l’aliquota dello 0,35 per cento, stanziata con un accordo contrattuale del 2014 a copertura della tranche finanziata dall’ente, ha prodotto un surplus di 2,776 milioni tra il 2015 e l’intero 2016.

Un regalo agli editori mentre i giornalisti si sono visti rateizzare l’ex fissa fino a 15 anni? Più che altro uno “sconto” dovuto, ha spiegato la presidente Marina Macelloni, considerato che dei 35 milioni di finanziamento inizialmente previsto, alla Federazione degli editori sono stati erogati solo 12, anche a causa delle difficiltà finanziarie dell’istituto.

L’aliquota dello 0,35 era calibrata sull’importo di 35 milioni (mai concesso completamente): ecco spiegato il motivo della quota maggiore incamerata dall’ente previdenziale dei giornalisti. Passerà allo 0,11 per cento a partire dal mese prossimo. Il surplus di 2,776 milioni verrà utilizzato per ridurre la quota capitale del finanziamento erogato da via Nizza. La nuova rata che gli editori dovranno versare ogni anno per restituire il prestito passerà così da 914mila a 691mila euro.

Nessuna notizia invece sull’ex fissa vera e propria, un capitolo sempre avvolto da nebbie e voci contrastanti. Qual è la consistenza attuale del Fondo?, hanno chiesto in Cda i consiglieri di Inpgi Futuro. Verranno pagate puntualmente le prossime rate ai giornalisti in pensione? Lo sapremo a fine anno, ha risposto Macelloni.

Inpgi è solo l’ente erogatore delle somme dovute per contratto dalla FIEG. Che peraltro, con la FNSI ha firmato nel 2015 una convenzione impegnandosi a versare le somme dovute. E a monitorare lo stato del Fondo tramite una speciale commissione paritetica. Lo ha fatto? E con quale risultato? Né Francesco Cipriani, designato dalla FIEG, né il segretario FNSI Raffaele Lorusso, entrambi membri del Cda, hanno ritenuto di rispondere alle domande di Inpgi Futuro.

* Cda per Inpgi Futuro

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


otto − 1 =