INPGI, STOP ALLA DECURTAZIONE DELLE PENSIONI SE NON SI DICHIARANO I REDDITI DA LAVORO

 

I giornalisti pensionati non si vedranno più decurtare automaticamente la pensione se non dichiareranno all’Inpgi i propri redditi da lavoro (anche nel caso si tratti di redditi pari a zero) o di redditi non comunicati alla Gestione separata.

La Cassa di previdenza inaugura una via più amichevole verso i suoi iscritti in quiescenza, cancellando una norma sul cumulo tra pensione e proventi da lavoro che ogni anno, puntualmente, desta preoccupazione e polemiche.

Lo fa perché, rispetto all’emanazione della legge che risale al 1996, oggi può servirsi di banche dati e dell’anagrafe tributaria per raccogliere le informazioni richieste dal regolamento. Così, da quest’anno (redditi 2016), chi percepisce una pensione di anzianità o è andato in prepensionamento conserva l’obbligo di presentare all’Inpgi la certificazione reddituale, ma se non lo farà non verrà più automaticamente sanzionato con una trattenuta pari all’importo di un anno di pensione spalmato sui ratei mensili. Sarà l’istituto ad acquisire direttamente i dati reddituali nelle banche dati dell’Agenzia delle entrate per quanti non presenteranno la dichiarazione richiesta.

Restano esclusi dall’obbligo comunque solo i pensionati con più di 65 anni di età, vale a dire quanti percepiscono una pensione di vecchiaia.

La misura, di speciale severità e molto elevata, sparisce “per non aggravare i pensionati”, specifica l’Istituto in delibera, ricordando di aver provveduto negli anni scorsi a ribadire tutte le informazioni sul cumulo, comprese quelle sulla sanzione, in caso di omessa dichiarazione. E anche di aver fornito un modello di autocerticazione nel quale i pensionati potevano indicare le proprie entrate da lavoro di qualunque natura.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


due × due =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.