GIORNALISMO, 15 ANNI FA L’ADDIO ALLA INDIMENTICABILE PAOLA ANGELICI

 

di Stefania Conti *

Quindici anni fa se ne andava Paola Angelici. Come descriverla a chi non l’ha conosciuta? Quando una persona muore, se ne parla sempre bene. Ma nel caso di Paola non è vuota ritualità.

Paola era una persona stupenda. E’ la semplice verità. Chi l’ha conosciuta sa quanta carica umana, simpatia, voglia di vivere avesse e sapesse trasmettere agli altri. Una persona bella e solare che sapeva ridere, aiutare, consolare e proteggere.

Una sindacalista appassionata come pochi, per bene, non interessata a prebende e poltrone. Una che ci credeva. Una sindacalista tenace. Tutti quelli che sono passati in quegli anni sotto la forca caudina del contratto a tempo possono testimoniare la sua volontà di non arrendersi mai. Si è spesa per i precari, e dunque i più deboli, con quella generosità che l’ha sempre caratterizzata.

Una pasionaria fino all’estremismo. Ma che vita! Che passione!

Oggi sarebbe nonna dello splendido Filippo: quanto mi sarebbe piaciuto vederla portarlo a spasso. Alla dolce Flor, come sempre, l’affetto mio e di tutti quelli che hanno voluto bene alla sua mamma. E che non la dimenticano. Semplicemente perché una donna così non si può dimenticare.

* Consigliera per Inpgi Futuro, esponente di Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


tredici − 4 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.