GIORNALISMO, BONUS MILIONARIO AI MANAGER: IL CDR DI RCS PERIODICI METTE IN MORA CAIRO

 

di Alessandra Spitz *

Importante e giusta iniziativa del Comitato di redazione di Rcs periodici che protesta per la recente assegnazione di 1 milione e 200 mila euro come premio di risultato ai dirigenti di prima fascia, mentre i giornalisti del gruppo continuano a sopportare pesanti sacrifici in nome del risanamento dell’azienda.

In una lettera aperta al presidente e amministratore delegato Urbano Cairo, il Comitato sottolinea che “di qualunque risultato si tratti, nessuno può negare che l’obiettivo si sia raggiunto soprattutto attraverso il lavoro e l’impegno delle redazioni, cui è stato negato peraltro il premio fisso (pari a circa 0,07 milioni di euro) in nome del piano di risparmi.

“Dal 2009 i giornalisti di Rcs periodici – sottolinea ancora il Comitato – subiscono stati di crisi senza soluzione di continuità. In particolare, dal 2016 siamo in cassa integrazione a rotazione, prima al 25% ora al 20,5%. E lo saremo fino al febbraio 2018. Un regime che incide pesantemente sulle nostre buste paga, e che dà all’azienda un risparmio sul costo del lavoro pari a 2 milioni 800mila euro l’anno”.

Il Comitato prosegue sottolineando che ”di fronte alla disponibilità dell’azienda di concedere premi ai dirigenti, per un principio di equità, che siamo certi non le sia indifferente, ci sembrerebbe corretta una riduzione della percentuale di cassa integrazione”.

Il Comitato perciò chiede a Cairo un incontro in tempi brevi per “discuterne apertamente e per esporle anche le difficoltà delle redazioni nello svolgimento del proprio lavoro”.

Insomma, l’arrivo di Urbano Cairo, dopo anni di pessima gestione da parte del cosiddetto gotha del capitalismo italiano, ha sicuramente risollevato i conti di Rcs come riconoscono gli stessi giornalisti del gruppo che si dicono lieti del fatto che il bilancio 2016 si è chiuso con un utile netto di 3,5 milioni di euro contro una perdita di quasi 178 milioni dell’anno precedente ed imputabile alla passata gestione.

Ma, proprio in nome di tutti i sacrifici fatti negli anni passati e che ancora stanno sopportando, i giornalisti di Rcs non possono rimanere indifferenti a una mancata equità di trattamento rispetto ai dirigenti, quando è stato il senso di responsabilità dei giornalisti a contribuire al risanamento.

I colleghi di Punteacapo sono del tutto solidali con i giornalisti di Rcs, ricordando che tutta la categoria, attraverso le ingenti spese sostenute dall’Inpgi con i numerosi stati di crisi, ha contribuito al risanamento di Rcs .

Siamo sicuri che un imprenditore capace di risollevare in così poco tempo il gruppo avrà la sensibilità di capire che non si possono chiedere sacrifici senza poi premiare con equità i propri dipendenti.
Urbano Cairo non ha certo colpa per la gestione precedente ma gli errori fatti dal cosiddetto vecchio gruppo dirigente dovrebbero essere un monito e un insegnamento per tutti coloro che vogliono fare impresa con successo ma anche con moralità.

* Esecutivo di Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quindici + diciassette =