INPGI PAGA PARCELLA RECORD PER CAMPORESE. INPGI FUTURO SI ASTIENE, FIEG CONTRO

 

L’Inpgi rimborserà le spese legali al suo ex presidente Andrea Camporese, che nel giugno scorso è stato assolto con formula piena dalle accuse di truffa ai danni dell’Istituto e corruzione nel processo Sopaf. Lo ha deciso il Cda di via Nizza con l’astensione di Inpgi Futuro e il voto contrario del rappresentante della Fieg Francesco Cipriani.

Malgrado manchino ancora le motivazioni della sentenza e il parere dì congruità della parcella da parte del Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Roma, i vertici dell’ente verseranno subito il 30 per cento dei 348.805 euro (comprensivo di 26.010 euro per consulenze tecniche) di cui l’ex presidente ha chiesto il “ristoro” il 10 luglio scorso. Si tratta di una provvisionale che ammonta a 104.641,50 euro.

Secondo la direttrice generale Mimma Iorio, la restituzione della somma risponde non a una facoltà, ma a un preciso dovere da parte dell’ente poiché gli atti sui quali il Tribunale si è pronunciato sono stati compiuti da Camporese “nell’esercizio e a causa dell’incarico da lui svolto” . Ovvero esiste un nesso di causalità che obbliga il “mandante” Inpgi a rifondere le cifre spese al “mandatario”, cioè all’ex presidente.

Non solo. Inpgi non ha ritenuto di dover aspettare che la sentenza passi in giudicato, ovvero venga confermata in appello (se la Procura presenterà ricorso) ed eventualmente in Cassazione. Semplicemente si riserva di non procedere al perfezionamento del rimborso qualora gli ulteriori gradi di giudizio contraddicano la prima sentenza. E in quel caso al recupero di quanto già versato.

Un iter complesso del quale i consiglieri di Inpgi Futuro non sono stati messi nelle condizioni di vagliare i passaggi poiché le carte informative sono state rese disponibili soltanto la mattina del Consiglio di amministrazione e pochi minuti prima del suo inizio. Circostanza che avrebbe reso necessario un rinvio della decisione.

Un elemento sottolineato anche dal rappresentante Fieg che ha inoltre ricordato come alcune sentenze della Cassazione abbiano considerato il rimborso delle spese legali da parte di un ente una facoltà e non un obbligo qualora la sentenza di assoluzione non sia ancora passata in giudicato. La presidente Marina Macelloni che in un primo tempo aveva parlato di facoltà/obbligo ha poi precisato: “È un obbligo. Avremmo potuto aspettare che il verdetto diventasse definitivo, ma è già passato troppo tempo”.

Il consigliere di Inpgi Futuro e portavoce di Puntoeacapo Carlo Chianura ha messo anzitutto in evidenza che il precedente Cda e l’attuale si sono comportati correttamente nella vicenda Sopaf-Camporese, sia in riferimento ai ripetuti approfondimenti, sia per la decisione nel 2016 di costituirsi parte civile al processo.

“Questo non toglie che è inaccettabile pretendere una decisione in merito alla rifusione delle spese legali di Andrea Camporese con un documento consegnato pochi minuti fa. Anche perché questo non aiuta a capire se l’atto è davvero dovuto, in riferimento al fatto che siamo in presenza di una sentenza di primo grado e non definitiva, di cui non abbiamo ancora letto peraltro le motivazioni. “Né sappiamo se siamo tenuti a seguire le richieste del legale o attenerci e rispettare i minimi o i massimi tabellari”.

“Pleonastico” è stato definito dal consigliere di Inpgi Futuro il punto della delibera che delega la presidente a tutelare il buon nome dell’istituto da ipotetici danni di immagine intervenuti nella vicenda Camporese-Sopaf. “Il presidente pro-tempore, legale rappresentante, ha in sé questo potere”. A meno che questo punto della delibera non sia un messaggio, a posteriori o preventivo, per l’esterno.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


13 − 10 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.