INPGI, CASO SKILL: 704.000 EURO PER UN SISTEMA INFORMATICO MAI ENTRATO IN FUNZIONE

 

di Paola Cascella *

Il progetto fantasma di Skill, che avrebbe dovuto rivoluzionare il trattamento e la gestione dei dati dei giornalisti, è finora costato all’Inpgi 584mila euro più Iva, il che significa in totale 704mila euro, tutti a carico di via Nizza, giacchè l’Iva non può essere recuperata.

La cifra esatta, che fa lievitare di molto e di nuovo i numeri resi noti nei mesi scorsi (sempre col contagocce e solo grazie alle domande di chiarimenti dei consiglieri di Inpgi futuro), è stata precisata durante l’ultimo Cda dalla direttrice generale di via Nizza Mimma Iorio, anche stavolta su iniziativa mia e di Carlo Chianura.

Evidentemente la somma non può non sollevare scalpore giacchè Welf@re (nome del prodotto venduto come l’innovazione delle innovazioni dalla srl Skill di Verona), non ha mai visto la luce. Tanto che Inpgi ha chiamato in causa Skill (prima udienza 9 ottobre) tra l’altro per il danno subito dalla mancata dotazione, e in contemporanea ha fatto partire una segnalazione all’Anac.

L’occasione per conoscere a che punto sia l’imbarazzante vicenda, si è avuta nel corso del Consiglio di amministrazione che il 18 luglio ha deliberato, con l’astensione di Inpgi Futuro, di indire una gara d’appalto per l’acquisto di una macchina Ibm di ultima generazione con base di appalto pari a 150mila euro di cui comunque, ha spiegato Iorio, la Cassa dei giornalisti si sarebbe dovuta dotare anche se il progetto Skill fosse andato in porto.

Per la storia. Con delibera del CdA del 12 settembre 2012 l’Inpgi approvò l’acquisto del programma Welf@are prodotto dalla società Skill Srl di Verona con la relativa licenza d’uso fissando un tetto massimo di spesa di 950 mila euro più IVA, cioé 1 milione 140 mila euro comprensivo di Iva. Il contratto Inpgi- Skill fu firmato il 14 dicembre 2012.

La cifra esatta pagata dall’Inpgi tra il 9 gennaio 2013 e il 14 agosto 2014 è stata sinora complessivamente di 708.614,50 comprensiva di IVA (pari al 62% della spesa prevista). L’intera spesa è stata ripartita tra l’Inpgi 1 e l’Inpgi 2. Dal 14 agosto 2014 l’INPGI non ha più pagato nulla a SKILL.

Il nuovo “cervellone”, e il nuovo sistema, andranno a sostituire l’attuale piattaforma informatica, costituita da due macchine, sulla quale gira la maggior parte dei programmi dell’ente, divenuta obsoleta.

Inpgi definisce l’operazione indispensabile anche alla luce della riforma che ha stabilito il passaggio del calcolo pensionistico da retributivo a contributivo. E per ospitare le piattaforme relative alla gestione del patrimonio immobiliare confluito nel Fondo Giovanni Amendola. La base di appalto è pari a 150mila euro, con costo ripartito tra Inpgi 1 e Inpgi 2 perché sarà utilizzata anche per i numerosi giornalisti iscritti alla Gestione Separata.

* Cda Inpgi per Inpgi Futuro

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


tre × quattro =