EX FISSA, IL PORTO DELLE NEBBIE DI UN SINDACATO DIVENTATO UN INCUBO

di Paolo Di Mizio *

Il sottoscritto è un giornalista pensionato dal 1° ottobre 2012 e, come altri mille novececento quarantasette giornalisti, vanta un credito di parecchie decine di migliaia di euro per la cosiddetta “ex fissa”, credito non onorato al momento di andare in pensione e successivamente rateizzato e calendarizzato con pagamenti che dovrebbero avvenire nel mese di dicembre di ogni anno.
Nei mesi scorsi, e ancor più nelle scorse settimane, si sono diffuse voci, riportate anche da tutti i siti web di riferimento della nostra categoria, circa la presunta impossibilità dell’INPGI di pagare la rata di Dicembre 2017 per mancanza di fondi da parte della FIEG.

A rendere ancora più preoccupanti tali voci, è intervenuta la dichiarazione del luglio scorso (ormai cinque mesi fa!) del Segretario Nazionale della FNSI secondo cui, se non fosse stata pagata la rata del 2017, il sindacato si sarebbe costituito a fianco dei giornalisti creditori nelle cause civili eventualmente da loro intentate per ottenere il pagamento della “ex fissa”.

Trovo stupefacente tale dichiarazione: non è lo stesso sindacato che si costituì nei giudizi civili contro, non a favore di, quei colleghi che in tribunale reclamavano il pagamento del credito? Può un Segretario Nazionale (della Fnsi – ndr) dotato di un minimo senso della responsabilità ventilare ipotesi talmente drammatiche e lasciarle sospese a un ipotetico “Se non sarà pagata…”?

Che cosa sa il Segretario (della Fnsi – ndr) che noi non sappiamo e che lui non ci dice?

Ma trovo ancora più stupefacente che, essendo ormai dicembre alle porte (mancano sei giorni), né il sindacato né la FIEG né l’INPGI sentano il dovere di comunicare come stanno le cose.

La rata del 2017 sarà pagata o no?

È vero che gli interessi sulla cifra del debito sono stati ridotti con effetto retroattivo, all’insaputa dei giornalisti creditori (circostanza che sarebbe un unicum senza precedenti nella storia del diritto finanziario)?

Vorrei una risposta diretta e limpida. Chiedo troppo?

Non si tratta dei diritti di una sparuta pattuglia di vecchi reduci strambi e rimbambiti, bensì dei diritti di un esercito di quasi duemila giornalisti che per decenni hanno pagato contributi, versato sontuose quote d’iscrizione, nonché accettato negli ultimi anni dolorosi “prelievi di solidarietà” (leggasi: decurtazioni della pensione).

Vorrei far presente che su quei soldi la totalità di noi fa conto non per sostenere viaggi alle Bahamas ma per pagare mutui casa e affitti, finanziare gli studi dei figli, saldare debiti, sottoporsi a cure mediche o interventi chirurgici, e far fronte ad altre impellenti necessità della vita.

È allucinante che a cinque giorni dal dovuto pagamento della rata, la FNSI – più ancora che la FIEG e l’INPGI – non senta il dovere di emanare una comunicazione chiara e trasparente. Tutto quello che abbiamo è zero virgola zero comunicazioni.

Avendo io stesso militato nella FNSI in altri tempi, leggermente più gloriosi di oggi, ero rimasto nell’illusione che il sindacato fosse un civilissimo benché imperfetto strumento di difesa dei lavoratori, e non invece un porto delle nebbie dove la dignità dei lavoratori svanisce e dove questi ultimi vengono assimilati a un gregge di pecore.

Un sindacato del genere, scusate, non è un sindacato: è un’allucinazione, un incubo.

* Lettera aperta inviata a Fnsi, Fieg, Inpgi

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


15 + diciannove =