LIBERTA’ DI STAMPA, VIETATO DISTURBARE IL MANOVRATORE. I CASI BONAZZI E BORZI

di Paola Cascella

Questa è una storia esemplare, una storia di giornalisti che trovano le notizie, dunque fanno il loro lavoro, e proprio a causa di ciò finiscono nei guai, nei tempi bui del declino della libertà di stampa, del trionfo del precariato e della sostanziale indifferenza della categoria.

Tre componenti di uno stesso micidiale spartito che rendono sempre più difficile la pratica del mestiere “più bello del mondo”, e del diritto di ogni cittadino ad essere informato. Con molte nuvole nere all’orizzonte.

Primo fra tutti il decreto legislativo sulle intercettazioni che impedendo di pubblicare ciò che non è penalmente rilevante con lo scopo dichiarato di tutelare la privacy, in realtà vuole impedire ai media di raccontare ciò che illumina lo sfondo politico del Paese.

I protagonisti dell’ultima storia si chiamano Francesco Bonazzi e Nicola Borzi, che – Bonazzi il 16 novembre su La Verità, Borzi il 17 sul Sole 24 Ore – hanno raccontato che i soldi dei Servizi segreti erano custoditi nella Banca Popolare di Vicenza. Hanno fatto lunghe inchieste sulle banche “tossiche”, e alla fine, dopo molte puntate, senza nessuna smentita, sono approdati anche a questa circostanza.

Una circostanza evidentemente indicibile. Tempo 24 ore ed ecco che la Guardia di Finanza si presenta alla porta dei due quotidiani con un decreto di esibizione di documenti. Al Sole Borzi consegna una chiavetta, ma gli viene sequestrato pure il disco rigido del computer con l’archivio e le email, ovvero tutti i suoi strumenti di lavoro. Anche Bonazzi, che sta a Roma, ma una redazione non ce l’ha, informato dal direttore della visita dei finanzieri nella sede di Milano, fornisce una chiavetta, e tuttavia viene sottoposto ad un lungo interrogatorio che si conclude con la solita domanda: “Da chi ha saputo queste notizie”?

Infatti, l’obiettivo è uno soltanto, sempre lo stesso: la Procura di Roma, che ha aperto un’indagine contro ignoti per rivelazione di segreto di Stato (un reato gravissimo, fino a dieci anni di carcere), vuol sapere chi siano le fonti dei due giornalisti. Una richiesta di informazione vietata dal codice penale. Di più: il giornalista è obbligato al segreto professionale e alla tutela delle fonti, come recita, al di là di ogni dubbio, l’articolo 1 del Titolo 1 del Testo unico dei doveri del giornalista, ovvero il Codice di deontologia professionale.

Dunque anche se volessero, Borzi e Bonazzi non potrebbero rivelare alcunchè. Pena un procedimento disciplinare davanti al proprio Ordine. Per carità, non è certo la prima volta che succede in Italia. Ma in questo caso i due vengono “esaminati” dagli investigatori in qualità non di indagati, ma di semplici testimoni, quindi senza avvocato difensore.

Una linea discutibile, quella scelta dal capo della Procura Giuseppe Pignatone per ottenere l’informazione delle informazioni. Ma non certo in contrasto con il codice di procedura penale. La richiesta di rendere note le fonti, piuttosto, quella sì è stata più volte condannata dalla Corte di Cassazione e dalle Corti europee. Fuor dalla legge però quel che conta è che l’operazione si traduce in una pressione forte e concreta sul giornalista. A maggior ragione di questi tempi, dicevamo.

Bonazzi dopo anni di lavoro all’Espresso, al Secolo XIX, alla Stampa e a Dagospia, oggi è un free lance. E’ stato negli anni scorsi anche componente di giunta per Puntoeacapo a Stampa Romana. Lavora per la Verità, ma senza contratto. Borzi, consigliere generale dell’Inpgi, ha firmato esposti molto informati sul falso in bilancio al Sole 24 Ore, assai prima che scoppiasse il bubbone, guadagnandosi simpatie e odio imperituro. Ora è impegnato a riavere i suoi strumenti di lavoro. Fino a ieri il suo direttore non aveva ritenuto di commentare l’accaduto. Come il direttore di Bonazzi, del resto. Ha protestato l’Ordine della Lombardia, e sul suo sito l’Ordine nazionale ha ripreso la notizia. Per il resto silenzio.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


uno − uno =