EX FISSA, RATA 2017 A GENNAIO. A DICEMBRE LA PROPOSTA DI ROTTAMARE LE PROPRIE QUOTE

 

di Paola Cascella

La rata dell’ex Fissa slitta a gennaio 2018. Come avevamo anticipato ieri, verrà pagata per intero, ma tra il 15 e il 31 del primo mese dell’anno nuovo.

Lo ha deciso oggi la giunta della Federazione nazionale della stampa che per discuterne aveva riunito a Roma i segretari e i presidenti delle associazioni regionali. Ma il pacchetto delle novità non finisce qui.

Ciascuno dei quasi 2.000 pensionati aventi diritto riceverà entro la fine del 2017 una lettera con una rosa di proposte indirizzata a “smaltire” il debito col minor esborso possibile per le casse semivuote del Fondo deputato dagli accordi del 2014 a raccogliere la provvista destinata all’ex Fissa.

Uno sconto si direbbe in parole povere – e che sconto – da accordare agli editori che già godono di un tasso di interesse dall’oggi al domani quasi completamente azzerato. Ecco in che termini. Chi è in attesa, magari da otto anni, di avere la cifra potrà decidere di cancellare il suo credito che era stato rateizzato nei tempi biblici di 12-15 anni, accontentandosi solo di una percentuale del dovuto che però verrà versata subito, o comunque in tempi assai più ragionevoli.

Così, questo dovrebbe essere lo schema, ti pago il 49 per cento del dovuto se vuoi i soldi entro un anno, il 54 per cento se entro due, il 60 per cento se entro tre. Naturalmente a rate. E su base volontaria. Una proposta indecente? Si, certo, ma – diranno Fnsi e Fieg – bisogna fare i conti con le difficoltà della categoria.

E’ la proposizione degli accordi segreti stipulati tra l’anno scorso e quest’anno, di cui Puntoeacapo ha dato notizia nelle scorse settimane.

Bisognerà vedere il testo della lettera che verrà inviata ai pensionati, ma c’è chi prevede il ricorso a spauracchi  per convincere i più riottosi ad aderire alla proposta sconto selvaggio. Come quello che parla di un esperto attuario che avrebbe indicato nel 40 per cento delle adesioni al concordato la quota minima necessaria per evitare il default del fondo.

D’altro canto la sostanziale inadeguatezza del Fondo ex fissa è già purtroppo un fatto acclarato. Dunque, chissà, Fnsi e Fieg potrebbero far leva sulla ipotesi di rateizzare l’importo intero in un numero di anni superiore a quello attualmente previsto, oppure addirittura sul rischio di trovarsi a pretendere soldi quando le casse saranno vuote.

Un’ultima nota “di colore”: lo slittamento della rata da dicembre a gennaio sarebbe dovuto a una richiesta dell’Inpgi, che come sappiamo è soltanto, da sempre, l’ente pagatore dell’Ex Fissa. L’istituto avrebbe chiesto qualche settimana in più per versare le somme, visto che FIEG e FNSI finora non si erano degnate di comunicare nulla sulle loro decisioni. Del resto anche adesso, mentre scriviamo, neanche una parola sugli sviluppi della vicenda appare a chi apra il sito del sindacato dei giornalisti.

Aggiornamento del 7 dicembre 2017.

https://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=24157

 

9 Commenti "EX FISSA, RATA 2017 A GENNAIO. A DICEMBRE LA PROPOSTA DI ROTTAMARE LE PROPRIE QUOTE"

  1. E se voglio, come voglio, il 100% di quanto mi è dovuto? Vedrò moltiplicarsi le rate?
    Oppure il versamento in percentuale superiore al 60% non è neppure contemplato?

  2. Carlo di Renzo | 2 dicembre 2017 ore 18:23 | Rispondi

    Applicare retroattivamente norme decise dopo due o tre anni dal pensionamento e’ una cosa indecente. Io sapevo di poter contare su una certa cifra (anche se l’avrei ricevuta dopo uno o due anni), il suo mancato esborso mi ha procurato una serie di gravi problemi. Avevo chiesto un prestito all’Inpgi, ma loro i soldi li rivogliono indietro con gli interessi e nei tempi stabiliti: avevo anche proposto di scontarmi il debito dalla ex fissa… Che cialtroni!

  3. paolo becarelli | 2 dicembre 2017 ore 18:31 | Rispondi

    Davvero una schifezza. Prima ci rateizzano quanto dovuto e ci danno i soldi con il contagocce, adesso non vogliono neppure darci le briciole. Non si capisce però perché debba essere penalizzato anche chi era alle dipendenze di editori che hanno versato il dovuto. La logica vorrebbe altrimenti: ma qui ormai non siamo più in un paese dove vige il diritto bensì alla mercé di evasori prepotenti e incompetenti collusi. Io ho da anni stracciato la tessera Fnsi, cosa aspettate a farlo anche voi?

  4. Sono andata in pensione nel marzo 2011 e mi era stato detto che avrei avuto l’intero importo dopo quattro anni. Poi nel 2015 il banco è saltato. Ho avuto l’anticipo fisso e due piccole rate. Non so che dire. Se davvero i soldi non ci sono più temo sia inutile incaponirsi. Comunque mi adeguero’ a quello che verrà deciso dalla maggioranza dei colleghi sia per una questione di dignità, sia perché “pacta servanda sunt”: così dice il principio su cui si fonda il nostro diritto civile.
    Cari colleghi siamo messi davvero male se dobbiamo lottare per ottenere quello che ci spetta e che abbiamo pagato negli anni!

  5. Francesco La Spina | 4 dicembre 2017 ore 10:18 | Rispondi

    Io proprio non voglio piegarmi a questa incedenza.
    Se non accetto e la rateizzazione passa, per dire, a 20 anni e tra 15 le casse saranno vuote bisognerà arrendersi alla evidenza o il mio diritto in qualche modo dovrà essere soddisfatto? Perché almeno i miei figli potranno pagarmi un bel funerale…

  6. E’ davvero una vergogna. Sono andato in pensione nel 2011 e non ho avuto per intero l’ex fissa solo perché, dopo quattro anni di attesa, la mia pratica è andata in lavorazione qualche giorno dopo l’accordo/imbroglio fra Fnsi e Fieg, con la firma del nuovo contratto nazionale. Un mio collega, la cui pratica era stata lavorata qualche giorno prima, ha avuto tutto per intero. Cioè, fatali sono state le ferie di agosto degli impiegati Inpgi. Ora questo nuovo imbroglio, nell’indifferenza dei colleghi in attività, mentre sono raggiunto da continui inviti a sit-in in difesa della categoria. Una indecenza

  7. Marina Sbardella | 16 dicembre 2017 ore 22:43 | Rispondi

    Cari colleghi, pensionati e non…. pubblico il testo delle mie due lettere raccomandate di diffida inviate rispettivamente il 25 novembre e il 15 dicembre alla FNSI ALL’INPGI e alla FIEG. Esorto tutti a muoversi e a trovare un modo per costituirci in un gruppo che possa esercitare pressione afinche’ nostri diritti vengano salvaguardati.

    Lettera inviata il 15 dicembre:

    Faccio seguito alla lettera inviata in data 25 novembre 2017 per confermare che a tutt’oggi, 15 dicembre, non ho ricevuto alcuna risposta alla mia lettera raccomandata, ne’ ho ricevuto alcuna proposta da parte di INPGI, FNSI, FIEG relativa ad una presunta lettera di “concordato” avanzata dalla FIEG tramite la FNSI inerente la risoluzione anticipata e decurtata del credito che vanto sulla ex fissa. Lettera alla quale, a quanto si dice, si dovrebbe rispondere entro il 31 dicembre.

    Mi domando perchè la Fnsi ha tardato così tanto prima di far conoscere questa proposta? Questa lettera non poteva forse essere spedita dall’Inpgi a settembre, visto che la situazione di criticità del fondo Ex Fissa era già nota da tempo?

    Peraltro prima dir poter rispondere a un’importante e tranciante proposta di “concordato” con notevoli riflessi economici per i 1.948 giornalisti interessati, chiamati a pronunciarsi se rinunciare a decine di migliaia di euro e in certi casi anche a centinaia di migliaia di euro ciascuno, ritengo di avere il sacrosanto diritto di consultare un avvocato o un fiscalista per valutare ponderatamente i pro e i contro dell’offerta. Ma tra pochi giorni non è forse Natale? Non so quanti consulenti sarebbero disponibili nel pieno delle festività a rispondere alle mie richieste .

    Il fatto ancora più grave è che dopo sette anni di pensionamento ancora non conosco l’esatto ammontare del mio credito relativo all’Ex Fissa perchè non mi è stato volutamente mai comunicato, ne’ verbalmente ne’ nero su bianco, con tanto di cifre, nè di firma del debitore del fondo Ex Fissa. Nell’unica lettera ricevuta dall’INPGI mi viene comunicata una dilazione in 12 rate di un ammontare che, ritengo, dovrebbe contemplare anche il famoso 5 per cento di interessi di cui si parla nella lettera stessa.

    A tutt’oggi ho ricevuto una “una tantum” in data giugno 2015 e due rate del presunto ammontare maturato, in data dicembre 2015 e 2016.

    Finora gli unici a conoscere il loro credito sono stati i giornalisti che nel corso della loro vita lavorativa hanno cambiato azienda dopo almeno 15 anni ininterrotti, maturando così il cosiddetto “accantonamento” presso l’Inpgi. Solo loro hanno a suo tempo ricevuto dall’Inpgi una lettera con l’ammontare della somma accantonata, salvo poi scoprire, purtroppo, che si trattava di un improprio accantonamento, vista la corrispondente assenza di denaro che – anche in tempi di vacche grasse – la Fieg non ha mai realmente messo da parte presso l’Inpgi, limitandosi solo ad indicare il relativo importo.

    Peraltro la somma complessivamente dovuta ai 1.948 giornalisti creditori suppongo oscilli di continuo a seguito del cambiamento del tasso di interessi con effetto retroattivo come concordato tra Fieg e Fnsi negli accordi “segreti” dell’aprile scorso, svelati solo di recente da Puntoeacapo.

    Come si può quindi pensare che entro il 31 dicembre tutti i creditori possano rispondere alla proposta di rinunciare ad una bella fetta dell’Ex Fissa se la stragrande maggioranza neppure conosce l’importo fino ad oggi a loro dovuto? Al momento sembra utopistico.

    C’è poi da chiarire un altro punto di rilievo: il presunto 50 (o 45 o 40) per cento di decurtazione sarà al netto o al lordo della rata 2017? Facciamo un esempio pratico per far meglio capire di che si tratta.
    Supponiamo che la sottoscritta debba ancora ricevere a saldo per Ex Fissa 110 mila euro e che entro il 15 dicembre 2017 avrebbe dovuto percepire una rata di 10 mila euro. Questa rata sarà comunque pagata dal fondo e la proposta di concordato riguarderebbe solo la residua differenza, cioè 100 mila euro? O, invece, questa rata non sarà più pagata e la proposta di concordato riguarderebbe l’intero credito a oggi di 110 mila euro?

    Non è forse necessaria un’immediata risposta della Fnsi su questo delicato punto, visto che nel suo comunicato si legge che entro il 31 gennaio 2018 verrà erogata la rata 2017 senza però precisare se ciò prescinde dalla decisione “volontaria” dei 1.948 colleghi di accettare una decurtazione?

    A chi ci si deve poi rivolgere per avere dei chiarimenti: all’Inpgi, alla Fnsi o alla Fieg? E perchè la Fnsi fa le proposte? Non doveva essere, forse, la Fieg a doverle proporre e la Fnsi a dover trattare per i giornalisti in pensione dopo averli consultati? E che ci sta a fare l’Ungp – Unione Nazionale Giornalisti Pensionati? Non dovrebbe, forse, aiutare i colleghi a capire meglio?

    Un altro tema scottante sono gli interessi decurtati con effetto retroattivo dal debitore, cioè dalla Fieg, in base all’accordo dell’aprile scorso con la Fnsi. Ma quando mai si è visto che il creditore debba accettare questa decurtazione senza essere stato neppure consultato? E che valore ha, allora, questa decurtazione?

    Se ne tiene conto nel “concordato” oppure no?

    Tutto cio’ premesso, prima che spendiate soldi inutili per una lettera che non sia esaustiva e priva di qualsiasi valore legale

    VI DIFFIDO

    Ad inviarmi una qualsiasi lettera di “concordato” che a vostro parere dovrebbe avere valore di “ultimatum”,nella quale non figuri l’esatto ammontare del mio credito comprensivo di interessi, con la specifica degli interessi maturati fino ad oggi (5%) e gli eventuali successivi relativi alle tre proposte (decurtazione del 40 , 55 o 60 per cento). La Lettera dovra’ anche specificare se la rata di dicembre, posticipata a gennaio sara’ inclusa o no nell’eventuale concordato. Vi diffido inoltre ad inviarmi qualsiasi “ultimatum” temporale che non tenga conto dei tempi utili perche’ io possa consultare un avvocato e/o un fiscalista che mi possa illuminare, conti alla mano, della bontà di una decisione cosi’ importante.

    Distinti saluti

    Marina Sbardella
    Giornalista

    Da: marina.sbardella@pec.it [mailto:marina.sbardella@pec.it]
    Inviato: sabato 25 novembre 2017 22:00
    A: ‘posta@inpgi.it’ ; ‘marina.macelloni@ilsole24ore.com’ ; ‘direzione_generale@inpgi.it’ ; ‘mimma.iorio@inpgi.it’ ; ‘prestazioni@inpgi.it’ ; ‘segreteria.fnsi@fnsi.it’ ; ‘r.lorusso@repubblica.it’ ; ‘fieg@fieg.it’
    Cc: ‘dgprevidenza.div1@per.lavoro.gov.it’
    Oggetto: pagamento della rata 2017 della indennità ex fissa. Marina Sbardella pensionato INPGI
    Priorità: Alta

    La sottoscritta Marina Sbardella, giornalista pensionata dal 1° Aprile 2011, come altri mille novececento quarantasette giornalisti, vanta un credito di parecchie decine di migliaia di euro per la cosiddetta “ex fissa” che sarebbe dovuta essere pagata al momento stesso del pensionamento. Dopo circa quattro anni di attesa, proprio al momento in cui il credito finalmente avrebbe dovuto essere onorato dall’INPGI (ero arrivata al n. 30 della graduatoria), non e’ stata liquidata ed il credito e’ stato rateizzato e calendarizzato con pagamenti che dovrebbero avvenire nel mese di Dicembre di ogni anno.

    Nei mesi scorsi, e ancor più nelle scorse settimane, si sono diffuse voci, riportate anche da tutti i siti web di riferimento della nostra categoria, circa la presunta impossibilità dell’INPGI di pagare la rata di Dicembre 2017 per mancanza di fondi da parte della FIEG.
    Si vocifera inoltre che gli interessi sulla cifra del debito siano stati ridotti all’insaputa dei giornalisti e con effetto retroattivo.
    A rendere ancora più preoccupanti tali voci, è intervenuta la dichiarazione del Luglio scorso (ormai cinque mesi fa!) del Segretario Nazionale della FNSI secondo cui, se non fosse stata pagata la rata del 2017, il sindacato si sarebbe costituito a fianco dei giornalisti creditori nelle cause civili eventualmente da loro intentate per ottenere il pagamento della “ex fissa”. La stessa FNSI che si e’ costituita parte civile al fianco dell’INPGI nei confronti dei pensionati che chiedevano la liquidazione dell’ex fissa in unica soluzione al momento stesso del pensionamento.

    Tutto ciò premesso

    DIFFIDA

    L’INPGI, la FNSI e l’INPGI ad effettuare l’integrale pagamento dovuto nel mese di dicembre in base ai vigenti accordi senza alcuna arbitraria dilazione o riduzione.

    Rappresenta che in mancanza, agirà nei confronti dell’INPGI quale promittente nel contratto in favore di terzo che – come noto – prevede l’irrevocabilità dell’obbligazione assunta e di cui con la presente lettera dichiara voler profittare ai sensi dell’art. 1411 del codice di procedura civile. Agirà inoltre verso i vertici fi FIEG e FNSI per il risarcimento del danno collegato alla loro condotta omissiva e commissiva che ha condotto all’attuale incapienza.

    Distinti saluti

  8. VINCENZO OLIVERI | 19 dicembre 2017 ore 10:11 | Rispondi

    Aver abbandonato il sindacato al suo destino grigio già da dieci anni è la sola soddisfazione che ho in questa vicenda dove tutti i comprimari cercano di scaricarsi della reponsabilità di aver cancellato un dirittto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


15 − nove =