EX FISSA, RATA 2017 A GENNAIO. A DICEMBRE LA PROPOSTA DI ROTTAMARE LE PROPRIE QUOTE

di Paola Cascella

La rata dell’ex Fissa slitta a gennaio 2018. Come avevamo anticipato ieri, verrà pagata per intero, ma tra il 15 e il 31 del primo mese dell’anno nuovo.

Lo ha deciso oggi la giunta della Federazione nazionale della stampa che per discuterne aveva riunito a Roma i segretari e i presidenti delle associazioni regionali. Ma il pacchetto delle novità non finisce qui.

Ciascuno dei quasi 2.000 pensionati aventi diritto riceverà entro la fine del 2017 una lettera con una rosa di proposte indirizzata a “smaltire” il debito col minor esborso possibile per le casse semivuote del Fondo deputato dagli accordi del 2014 a raccogliere la provvista destinata all’ex Fissa.

Uno sconto si direbbe in parole povere – e che sconto – da accordare agli editori che già godono di un tasso di interesse dall’oggi al domani quasi completamente azzerato. Ecco in che termini. Chi è in attesa, magari da otto anni, di avere la cifra potrà decidere di cancellare il suo credito che era stato rateizzato nei tempi biblici di 12-15 anni, accontentandosi solo di una percentuale del dovuto che però verrà versata subito, o comunque in tempi assai più ragionevoli.

Così, questo dovrebbe essere lo schema, ti pago il 49 per cento del dovuto se vuoi i soldi entro un anno, il 54 per cento se entro due, il 60 per cento se entro tre. Naturalmente a rate. E su base volontaria. Una proposta indecente? Si, certo, ma – diranno Fnsi e Fieg – bisogna fare i conti con le difficoltà della categoria.

E’ la proposizione degli accordi segreti stipulati tra l’anno scorso e quest’anno, di cui Puntoeacapo ha dato notizia nelle scorse settimane.

Bisognerà vedere il testo della lettera che verrà inviata ai pensionati, ma c’è chi prevede il ricorso a spauracchi  per convincere i più riottosi ad aderire alla proposta sconto selvaggio. Come quello che parla di un esperto attuario che avrebbe indicato nel 40 per cento delle adesioni al concordato la quota minima necessaria per evitare il default del fondo.

D’altro canto la sostanziale inadeguatezza del Fondo ex fissa è già purtroppo un fatto acclarato. Dunque, chissà, Fnsi e Fieg potrebbero far leva sulla ipotesi di rateizzare l’importo intero in un numero di anni superiore a quello attualmente previsto, oppure addirittura sul rischio di trovarsi a pretendere soldi quando le casse saranno vuote.

Un’ultima nota “di colore”: lo slittamento della rata da dicembre a gennaio sarebbe dovuto a una richiesta dell’Inpgi, che come sappiamo è soltanto, da sempre, l’ente pagatore dell’Ex Fissa. L’istituto avrebbe chiesto qualche settimana in più per versare le somme, visto che FIEG e FNSI finora non si erano degnate di comunicare nulla sulle loro decisioni. Del resto anche adesso, mentre scriviamo, neanche una parola sugli sviluppi della vicenda appare a chi apra il sito del sindacato dei giornalisti.

Aggiornamento del 7 dicembre 2017.

https://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=24157

 

6 Commenti "EX FISSA, RATA 2017 A GENNAIO. A DICEMBRE LA PROPOSTA DI ROTTAMARE LE PROPRIE QUOTE"

  1. E se voglio, come voglio, il 100% di quanto mi è dovuto? Vedrò moltiplicarsi le rate?
    Oppure il versamento in percentuale superiore al 60% non è neppure contemplato?

  2. Carlo di Renzo | 2 dicembre 2017 ore 18:23 | Rispondi

    Applicare retroattivamente norme decise dopo due o tre anni dal pensionamento e’ una cosa indecente. Io sapevo di poter contare su una certa cifra (anche se l’avrei ricevuta dopo uno o due anni), il suo mancato esborso mi ha procurato una serie di gravi problemi. Avevo chiesto un prestito all’Inpgi, ma loro i soldi li rivogliono indietro con gli interessi e nei tempi stabiliti: avevo anche proposto di scontarmi il debito dalla ex fissa… Che cialtroni!

  3. paolo becarelli | 2 dicembre 2017 ore 18:31 | Rispondi

    Davvero una schifezza. Prima ci rateizzano quanto dovuto e ci danno i soldi con il contagocce, adesso non vogliono neppure darci le briciole. Non si capisce però perché debba essere penalizzato anche chi era alle dipendenze di editori che hanno versato il dovuto. La logica vorrebbe altrimenti: ma qui ormai non siamo più in un paese dove vige il diritto bensì alla mercé di evasori prepotenti e incompetenti collusi. Io ho da anni stracciato la tessera Fnsi, cosa aspettate a farlo anche voi?

  4. Sono andata in pensione nel marzo 2011 e mi era stato detto che avrei avuto l’intero importo dopo quattro anni. Poi nel 2015 il banco è saltato. Ho avuto l’anticipo fisso e due piccole rate. Non so che dire. Se davvero i soldi non ci sono più temo sia inutile incaponirsi. Comunque mi adeguero’ a quello che verrà deciso dalla maggioranza dei colleghi sia per una questione di dignità, sia perché “pacta servanda sunt”: così dice il principio su cui si fonda il nostro diritto civile.
    Cari colleghi siamo messi davvero male se dobbiamo lottare per ottenere quello che ci spetta e che abbiamo pagato negli anni!

  5. Francesco La Spina | 4 dicembre 2017 ore 10:18 | Rispondi

    Io proprio non voglio piegarmi a questa incedenza.
    Se non accetto e la rateizzazione passa, per dire, a 20 anni e tra 15 le casse saranno vuote bisognerà arrendersi alla evidenza o il mio diritto in qualche modo dovrà essere soddisfatto? Perché almeno i miei figli potranno pagarmi un bel funerale…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


undici + 2 =