ORDINE NAZIONALE, BALLOTTAGGIO ILLEGITTIMO NEL LAZIO. AVVIATO L’ESAME DEL RECLAMO

La Commissione Ricorsi del Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, presieduta da Dario Gattafoni, ha esaminato ieri il reclamo elettorale presentato da Laura Serloni e Pierluigi Franz per ottenere l’annullamento dei voti espressi nel Lazio a seguito del ballottaggio per eleggere 8 consiglieri nazionali professionisti dell’Ordine dei Giornalisti svoltosi l’8 e 9 ottobre scorsi.

Al centro della discussione è la grave anomalia venutasi a creare a seguito della dichiarazione di ineleggibilità d’ufficio di 2 consiglieri nazionali, cioè i giornalisti professionisti Andrea Garibaldi e Marco Mele, proclamati eletti in un primo tempo dalla Presidente dell’Ordine Regionale dei Giornalisti del Lazio Paola Spadari con comunicato ufficiale del 10 ottobre 2017.

Difatti il 13 ottobre l’allora Presidente del CNOG Nicola Marini, dopo opportune verifiche, ha dichiarato ineleggibili Garibaldi e Mele (appartenenti alla lista “Contrordine”) perchè non avevano una posizione INPGI attiva, come prescrive la recente microriforma della legge istitutiva dell’Ordine, e li ha sostituiti con i primi due dei non eletti, cioè Paolo Corsini e Marco Piccaluga (appartenenti alla lista “Un Ordine per te”).

Senonchè il controllo sul possesso dei requisiti prescritti dalla legge andava fatto prima, e non dopo, il ballottaggio dell’8 e 9 ottobre. Di conseguenza i colleghi Garibaldi e Mele sono stati irregolarmente ammessi dalla Spadari a parteciparvi, mentre dovevano esserne automaticamente esclusi.

Di conseguenza poichè nel Lazio dovevano essere eletti 8 giornalisti professionisti come consiglieri nazionali professionisti dell’Ordine dei Giornalisti il ballottaggio dell’8 e 9 ottobre si è svolto con solo 14 giornalisti in regola, anzichè con i previsti 16. Come è noto, infatti, il ballottaggio deve sempre svolgersi con un numero di candidati in misura doppia rispetto ai posti da ricoprire.

Questa situazione di palese illegalità è stata comunque già segnalata, per opportuna e doverosa conoscenza e per quanto di loro rispettiva competenza, anche al Ministero della Giustizia (vigilante sull’attività dell’Ordine dei Giornalisti) e alla Procura Generale presso la Corte d’Appello di Roma.

Di qui la richiesta di Serloni e Franz di annullare l’esito del voto dell’8-9 ottobre e di indire al più presto un nuovo ballottaggio nel Lazio.

Qualora il Consiglio Nazionale dell’Ordine, dopo aver valutato la proposta che gli perverrà dalla Commissione Ricorsi, decidesse, invece, di prendere tempo prima di indire il nuovo ballottaggio dovrebbe valutare e decidere:

  • a) se precedere il nuovo ballottaggio nel Lazio con il riconteggio d’ufficio delle 1.639 schede elettorali del Lazio, ma limitatamente a quelle su cui fossero stati riportati uno o entrambi i nomi dei giornalisti Andrea Garibaldi e Marco Mele, i quali non erano in possesso di un requisito prescritto dalla legge;
  • b) dichiarare d’ufficio nulle tutte le schede elettorali del Lazio su cui fossero stati riportati uno o entrambi i nomi dei giornalisti Andrea Garibaldi e Marco Mele in applicazione dell’art. 13, 3° comma, del DPR n. 115 del 1965 (Regolamento per l’esecuzione della legge istitutiva dell’Ordine dei Giornalisti 3 febbraio 1963 n. 69), che prevede che “Sono nulli i voti relativi ai giornalisti non in possesso dei requisiti prescritti, nonchè quelli eccedenti il numero dei candidati da eleggere”;
  • c) stilare una nuova graduatoria dei 14 candidati del Lazio in regola con le prescrizioni di legge sulla base dei voti di preferenza riportati da ciascuno di essi nel ballottaggio dell’8 e 9 ottobre scorsi, proclamando immediatamente eletti consiglieri nazionali i primi 8 più votati – anche se in via provvisoria – in attesa naturalmente dei risultati del nuovo ballottaggio come illustrato nel punto precedente.

Serloni e Franz hanno anche chiesto che per analogia e per il ripristino della legalità il CNOG dovrebbe indire un nuovo ballottaggio anche a Bologna per eleggere un consigliere nazionale professionista in rappresentanza dell’Emilia Romagna. Infatti anche in questo caso, a seguito della dichiarazione di ineleggibilità di Gerardo Bombonato da parte dell’allora presidente del CNOG Nicola Marini (sempre per il mancato possesso del requisito della posizione INPGI attiva) e il subentro al suo posto della collega Elide Giordani, va rifatto il ballottaggio perchè non vi ha partecipato il candidato in regola con i requisiti di legge giunto in graduatoria al 1° turno dietro alla collega Elide Giordani. Anche in questo caso il ballottaggio svoltosi a Bologna l’8 ottobre scorso appare contra legem.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


9 − otto =