CONTRATTO, UNA SENTENZA PUNISCE CHI OSA CONTESTARE. E IL SINDACATO FA L’ARROGANTE

di Alessandra Spitz *

Ci avevano insegnato che il sindacato è una libera associazione democratica che tutela i più deboli e che la magistratura è indipendente per poter fare giustizia in modo equanime e senza condizionamenti.

Oggi, invece, ci accorgiamo che questi convincimenti erano sbagliati e a dimostrarlo è la sentenza del Tribunale di Roma che dà torto ad un gruppo di colleghi che avevano impugnato il contratto di lavoro del 2014 siglato da Fnsi e Fieg.

La sentenza non entra nel merito del ricorso ma lo respinge basandosi semplicemente sulla mancata titolarità dei ricorrenti a costituirsi in giudizio, in quanto iscritti alle associazioni stampa regionali e non alla Fnsi (come se ci fosse un altro modo di essere iscritti al sindacato dei giornalisti!). In altre parole, il Tribunale di Roma nega a qualsiasi giornalista (a meno che non faccia parte della dirigenza della Fnsi) il diritto di contestare un contratto di lavoro che, a giudizio di molti, è stata una vera e propria svendita di buona parte dei diritti della categoria.

Ma l’aspetto più grave della decisione del Tribunale di Roma è che condanna i ricorrenti (molti dei quali precari e freelance) a pagare oltre 40 mila euro di spese di giudizio alle controparti (compresa la Presidenza del Consiglio).

Questa decisione – che si aggiunge alle molte sentenze che, soprattutto a Roma, hanno respinto le richieste di pagamento immediato della ex fissa a chi ne aveva pieno diritto con la singolare motivazione che nessuno è colpevole per il fatto che i soldi dell’apposito Fondo sono finiti – ha il sapore dell’accanimento, quasi del monito, nei confronti di chi aveva solo chiesto alla magistratura di poter esercitare un diritto democratico nei confronti di un contratto penalizzante e solo dopo aver sbattuto contro il muro di indifferenza della Fnsi nei confronti della categoria che dovrebbe rappresentare.

Tutti sappiamo che legge e giustizia non sempre sono concetti coincidenti ma crediamo che, in una società democratica e civile, questi principi debbano almeno essere contigui e che il sistema giudiziario dovrebbe porre tutti i diritti su un piano di parità.

In questo caso, invece, chi fa parte dell’élite decisionale, secondo il Tribunale, non può essere contestato e, anzi, si punisce il contestatore con una pena pecuniaria che faccia desistere chiunque dal riprovarci.

Il Re Sole, campione di assolutismo, non avrebbe potuto fare di meglio.

Ma al di là delle discutibili decisioni del Tribunale di Roma, la vicenda ha evidenziato una volta di più l’atteggiamento immorale di un sindacato sempre più indifferente alla realtà della categoria e sempre più intollerante alle critiche.

Dopo una condanna nei confronti di molti colleghi in serie difficoltà economiche, che si trovano ora costretti a pagare di tasca propria cifre non indifferenti, un sindacato con seri principi morali avrebbe almeno sentito il dovere di soprassedere sul risarcimento delle spese processuali. Tanto più che la Fnsi – sfruttando una rendita di posizione pur rappresentando una netta minoranza dei giornalisti – intasca dai colleghi, grazie ai contributi dell’Inpgi e della Casagit, più di tre milioni di euro l’anno e non ha quindi il problema di tirare la cinghia.

Invece la Fnsi non solo non ha sentito questa esigenza morale ma ha replicato con arroganza alle polemiche politiche scaturite dalla vicenda. Infatti, in una nota, ha quasi rivendicato con orgoglio la propria intolleranza nei confronti dei dissidenti: “Legittimo che una sparuta minoranza di giornalisti – afferma la Fnsi – abbia cercato di far annullare in giudizio un contratto nazionale di lavoro che, potrà piacere o no, è stato approvato da una larghissima maggioranza di giornalisti. Quello che non è accettabile – prosegue la nota della Fnsi – è che adesso, chi ha visto respingersi il ricorso pretenda che la Fnsi, dopo essere stata trascinata in giudizio ed esserne uscita a testa alta, si accolli le spese legali di chi ha promosso il ricorso”.

In altre parole, la Fnsi, non solo fa finta di ignorare che il Tribunale di Roma non è entrato nel merito del ricorso e lo ha semplicemente respinto per carenza di titolarità dei ricorrenti, ma respinge con disprezzo le critiche politiche arrivando ad affermare chiaramente che chi osa ribellarsi alla sua egemonia e la pensa diversamente deve essere punito severamente.

Al Presidente della Fnsi, che dovrebbe garantire il rispetto dello Statuto del sindacato, poniamo una semplice domanda: è questo l’atteggiamento che si addice ad una associazione che si autodefinisce libera, democratica, rispettosa di tutte le diversità e che difende i colleghi più deboli? Attendiamo una risposta.

* Esecutivo di Puntoeacapo

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


2 × 2 =