EX FISSA, LA FNSI SCOPRE IL PASTICCIO E FA UNA MEZZA MARCIA INDIETRO

La ex Fissa si rivela ogni giorno di più un pasticcio vergognoso.

Dopo avere firmato in segreto due accordi che hanno ulteriormente depotenziato l’indennità contrattuale in seguito al vergognoso accordo del 2014, dopo avere escogitato una formula inedita secondo la quale è il debitore che decide se, come e quando restituire i soldi al creditore, dopo la geniale trovata di mandare sotto le feste di Natale una lettera che fissa il 31 dicembre come termine ultimo per un concordato deciso unilateralmente dal debitore, dopo che centinaia di lettere indirizzate ai circa 2.000 aventi diritto non sono arrivate a destinazione, ecco un altro irresistibile e autocomico colpo di scena.

La Fnsi, leggiamo in un comunicato, chiederà una proroga del termine per l’eventuale presentazione delle richieste di pagamento dell’indennità ex fissa in misura ridotta in una, tre o cinque rate. Lo ha detto il segretario generale Raffaele Lorusso in Consiglio nazionale, “facendo propri i timori espressi dal presidente dell’Unione giornalisti pensionati, Guido Bossa”.

«Siamo consapevoli – ha spiegato Lorusso – che il recapito delle lettere raccomandate agli aventi diritto, la cui spedizione per conto del fondo ex fissa è stata affidata all’Inpgi, potrebbe subire ritardi e disguidi, vista la concomitanza del periodo natalizio. Per questa ragione, nella riunione del comitato di gestione del fondo, alla ripresa dopo la pausa, chiederò che venga concessa una proroga per presentare le domande. Se infatti le lettere dovessero essere recapitate durante le vacanze o a ridosso del 31 dicembre, i colleghi eventualmente interessati ad esercitare l’opzione che prevede il pagamento in tempi più brevi potrebbero non avere tutti gli elementi necessari per decidere con cognizione di causa. La richiesta di proroga, comunque, non farà venir meno il termine per il pagamento della rata del 2017, che rimane fissato al 31 gennaio 2018».

Dunque la Fnsi, vale a dire uno dei soggetti firmatari della famigerata raccomandata, si smentisce e chiede in parte alla Fieg e in parte a se stessa di non ritenere più ultimativa la scadenza del 31 dicembre. Come se fosse stato impossibile capire che era di per sé un errore inviare durante questo periodo le lettere e per di più chiedere una risposta ad horas. Un pasticcio, come abbiamo scritto, anzi una sceneggiata. Aspettiamo la prossima puntata.

5 Commenti "EX FISSA, LA FNSI SCOPRE IL PASTICCIO E FA UNA MEZZA MARCIA INDIETRO"

  1. Mauro De Cesare | 24 dicembre 2017 ore 8:44 | Rispondi

    Buongiorno e Auguri,
    ma c’è chi ha ricevuto la lettera? Io no, cosa dovrei fare?
    Resto in attesa di lumi! Grazie
    Cordiali saluti
    Mauro DeCesare

    • Buongiorno Mauro, la lettera è stata ricevuta a macchia di leopardo. E siamo al 24 dicembre. Non devi fare nulla se non attendere che arrivi e capire quali sono entro il 31 dicembre le intenzioni di lorsignori. Buon Natale anche a te.

  2. Mi sembra di assistere ad una follia, che neppure Fantozzi avrebbe immaginato.
    Il sindacato unitario (?) dei giornalisti (inspiegabilmente sempre retto però da giornalisti appartenenti ad una unica precisa parte politica, alla faccia della unitarietà, a dispetto della trasversalità e dell’equa distanza dalla politica) ora ci pone un coltello alla gola per un prendere o lasciare su somme che sono nostri diritti.
    Questo è un furto bello e buono di soldi nostri, ma ci si nasconde dietro ad una foglia di fico.
    Non ho ricevuto la lettera e, comunque, se arrivasse il 27 non potrei rispondere entro i termini fissati perchè non sarò a casa per alcune settimane e, quindi, non la vedrò.
    La scelta dei modi e dei tempi dimostrano, però, come si voglia fare una sorta di ricatto, in nome dell’unitarietà il sindacato, quello stesso che con la Fieg e l’Inpgi ha “passato” stati di crisi editoriali molto discutibili e dubbi.
    Giocando su tempi capestro si tenta di far passare condizioni assurde, da esproprio.
    E’ la solita vecchia storia: cancellare i diritti e “giocare” sul poco e neanche subito.
    Paradossale!

    • Concordiamo, Dario. Nel frattempo però un sindacato sempre più debole e con meno iscritti punta ad accaparrarsi tutti gli enti di categoria. E la maggioranza silenziosa dei giornalisti resta passiva di fronte a tutto ciò.

  3. paolo becarelli | 31 dicembre 2017 ore 13:12 | Rispondi

    Dato per scontato che la questione ex fissa è una presa in giro sia nella sostanza sia nella forma, pongo tre domande a cui qualcuno vorrei che rispondesse.
    1) Il “buco” di liquidità che ha impedito il pagamento della ex fissa è determinato dagli editori che negli anni passati non hanno pagato. Quindi non si vede perché debba essere penalizzato anche chi era alle dipendenze di editori non evasori, quelli che hanno sempre versato il dovuto. Se i dipendenti Rai hanno ancora (e pagata subito) la ex fissa, pagata oltretutto con i soldi nostri del canone, perché non estendere questa modalità all’intera categoria? O forse si vuole sottolineare una volta di più che esistono giornalisti di serie A e di serie B?
    2) L’ammontare del mancato pagamento della ex fissa si stima intorno ai 100-150 milioni di euro. Non poco, eppure neppure una riga, che io sappia, è uscita su quotidiani e altri media per far conoscere all’opinione pubblica la rapina che si sta perpetrando ai danni di quasi 2000 colleghi. Come mai? Una possibile risposta la suggerisco io: gli editori si guardano bene da far uscire sui loro giornali il fatto che sono degli evasori. E i direttori si guardano bene da scontrarsi con gli editori.
    3) La FNSI si è sempre schierata contro i colleghi che hanno fatto causa per avere subito la ex fissa. Ora ha addirittura fatto a nostra insaputa un accordo con gli editori per non darci più niente. Noi cosa possiamo fare? Solo una cosa: non rinnovare più le tessere sindacali, togliendogli quindi il nostro sostegno finanziario. Ho parlato con diversi colleghi in questi giorni, e tutti siamo d’accordo che l’unica strada per penalizzare il sindacato è indebolirlo e non riconoscerlo più come nostro referene. Come si fa con i partiti nelle elezioni: chi ti ha tradito non merito il nostro voto. Quindi, perché non rendere tutti indietro le tessere? Magari con una manifestazione pubblica che anche i giornali non potrebbero lasciar passare inosservata?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


2 + diciotto =