EX FISSA, ANCORA A RISCHIO LA MINI-RATA 2017. INPGI FURIBONDA CON FNSI E UNGP

di Paola Cascella 

Sull’altare della ex fissa sembra tramontata l’intesa cordiale tra Inpgi e Fnsi. E ora il sindacato si pone più di qualche domanda sulla effettiva possibilità che il 31 gennaio sia pagata anche la quota minima da 3.000 euro (lordi) come obolo per il 2017.

E’ un sommario bilancio della Commissione paritetica Inpgi-Fnsi, svoltasi martedì 16 a Roma. Qualche spiraglio, ma nessuna vera schiarita e dunque nessuna rosea previsione realisticamente possibile, anzi: non ci sono decisioni definitive sull’ex fissa. Tanto che la Commissione paritetica (che questa volta ha visto la partecipazione inedita e assai polemica dell’Inpgi) ha stabilito di incontrarsi di nuovo il 25 gennaio prossimo, ovvero a soli sei giorni dall’annunciato pagamento della rata 2017.

Secondo i rumors, la ragione del rinvio starebbe proprio nella esiguità del Fondo che allo stato attuale può contare su circa 4 milioni di euro, mentre per onorare le promesse fatte pochi giorni fa dal segretario Fnsi Raffaele Lorusso in persona, ne servirebbero più di cinque. Anche perchè i 1948 colleghi in attesa, nel frattempo sono saliti a 1954, e come tutti sappiamo il loro numero, tra nuovi pensionamenti e prepensionamenti, è in costante ascesa.

Quel milione dunque deve essere trovato, e trovato al più presto. Da chi? Dagli editori che, va ricordato, inizialmente avevano proposto di non pagare affatto la rata, corrispondente al 2017.

I retroscena dell’altro giorno raccontano di una riunione burrascosa, nella quale Inpgi avrebbe polemizzato duramente con il sindacato che si era fatto avanti per dare una mano all’Istituto sul quale in queste settimane convergono centinaia di richieste di informazioni da parte dei pensionati che rivendicano la loro ex fissa.

Una proposta che è suonata come una prova di sfiducia. Via Nizza non ha gradito e l’avrebbe detto a chiare lettere ai vertici della Federazione, accusata di aver così voluto mettere in discussione le capacità organizzative dell’ente. Ma non solo. Le rimostranze hanno preso i toni dello scontro anche perchè è solo di una settimana fa, al termine di un Comitato esecutivo, la richiesta dell’Ungp alla Fnsi ”di sollecitare l’Inpgi ad una maggiore chiarezza, trasparenza, tempestività, nell’informazione, per dare ai colleghi certezze sulle scelte da compiere” in relazione alla proposta di decurtazione dei propri crediti. Un’altra prova di sfiducia e anche un tentativo di addossare all’Istituto responsabilità non sue. Quel primo richiamo avrebbe infastidito e indignato i vertici di via Nizza.

Ma torniamo alle cifre. Cifre oscure, ancora avvolte dal mistero. Non si sa a tutt’oggi quanto sia fattibile l’operazione di rottamazione del proprio credito in base alle tre opzioni proposte con lettera raccomandata a tutti i giornalisti in pensione aventi diritto (50 per cento del dovuto pagato in un anno; 55 per cento in tre anni; e 60 per cento in sei anni). Né si sa a che cosa andrà incontro chi continuerà a pretendere l’intera ex fissa.

Il debito del Fondo ammonterebbe a 130 milioni di euro. Una cifra gigantesca alla quale la Federazione penserebbe di cominciare a far fronte (insieme a Fieg e Inpgi) sollecitando l’Inpgi all’erogazione della seconda tranche di 23 milioni dei 35 già destinati al Fondo, che sono stati bloccati dai ministeri vigilanti con una lettera. Una lettera secretata che nessuno ha mai visto.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


11 − dieci =