ASKANEWS A RISCHIO E SENZA STIPENDI: EDITORI A CACCIA DI PROFITTI SICURI, GOVERNO MIOPE

 

di Corrado Chiominto*

 

L’editore è stato chiaro: nessuno stipendio a gennaio se l’agenzia di stampa non riuscirà a vincere uno dei bandi di gara per i servizi stampa previsti dalla Presidenza del Consiglio.

Il destino dei lavoratori di Askanews – 130 tra giornalisti e poligrafici – è ora appeso ad un filo. La società editrice – che fa capo ad Luigi Abete, che è anche presidente della Banca Nazionale del Lavoro ed è stato presidente di Confindustria – sta tentando di scaricare sui propri dipendenti il non essere riuscita a conquistare una parte delle risorse che lo Stato attribuisce alle agenzie di stampa proprio per veicolare e rendere più ricca l’informazione di base del Paese.

Solo le decisioni che saranno prese dal governo nelle prossime ore potrebbe sbrogliare la matassa. E’ attesa infatti la riassegnazione di uno dei lotti da parte di Palazzo Chigi e potrebbe essere l’occasione per l’agenzia di stampa – nata dalla fusione di Asca e di TmNews (ex ApCom) – di essere ripescata proprio all’ultimo momento.

Askanews, per chi non lo sapesse, è una delle più importanti agenzie di stampa italiane. I giornalisti sono di qualità. Ma la vicenda è davvero emblematica, perché racconta bene la volontà di alcuni editori di realizzare profitti sicuri e la volontà della politica di tentare di asservire l’informazione attraverso meccanismi di assegnazione di fondi che – all’apparenza neutri – impediscono invece una programmazione degli investimenti.

Mettere su un tavolo i doveri e i diritti può aiutare a comprendere la vicenda. Agli editori spetterebbe il compito di gestire un’azienda, cercando le risorse per rispettare il contratti che ha stipulato, anche con i propri dipendenti. Un editore deve certo puntare ad avere un guadagno, ma tra i suoi doveri c’è anche quello di avere una programmazione.

Sono passati solo pochi anni da quando, sulla spinta proprio della politica che chiedeva una razionalizzazione delle agenzie italiane, l’Asca ha assorbito TmNews, trasformandosi in Askanews. Ma anche per questo i giornalisti – che stanno ora attuando una assemblea permanente – hanno pagato un prezzo. Il matrimonio, sia prima sia dopo, è stato aiutato anche dai sacrifici dei dipendenti.

Tra solidarietà, stati di crisi e Cig – è stato fatto un calcolo – negli ultimi 4 anni i giornalisti e i poligrafici della testata hanno messo sul tavolo 4 milioni di euro. Continuando, contemporaneamente, a fare quello che è il proprio dovere: cercare e diffondere notizie. Di qualità.

E’ per questo che è necessario trovare, presto, una soluzione. Perché – come era evidente sin dall’inizio (basta leggere quanto scritto su Puntoeacapo lo scorso marzo) – l’idea di affidare i fondi per la diffusione dell’informazione primaria a dei bandi di gara, come se le notizie fossero merci, sarebbe diventato un terno al lotto e avrebbe messo a rischio la sostenibilità di qualche agenzia.

Tutto confermato: il nuovo meccanismo – l’unico del suo genere per l’informazione in Europa – ha favorito i ricorsi e, lasciando fuori Askanews, non è nemmeno riuscito ad assegnare una delle tranche del bando per l’informazione estera. Quella che ora si tenta di riattribuire e alla quale sono legati i destini di 130 tra giornalisti e poligrafici. “In piena campagna elettorale, con continui allarmi sulle fake news, la nostra agenzia, che da quasi 50 anni assicura un notiziario completo, credibile e indipendente, vede in bilico la sua sopravvivenza e lancia un appello al governo, alle forze politiche, alle istituzioni e alle parti sociali’’, scrivono ora i giornalisti in una lettera aperta. Un appello condiviso da Puntoeacapo, da non lasciar cadere.

* Comitato consultivo di Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


3 × 1 =