ATTACCO ALLE PENSIONI, PUNTOEACAPO AI GIORNALISTI ITALIANI: DOBBIAMO DIFENDERCI, DITECI LE VOSTRE IDEE

Pubblichiamo di seguito la lettera sul progetto governativo di riforma pensionistica inviata dal portavoce di Puntoeacapo ai giornalisti italiani.

di Carlo Chianura

Portavoce di Puntoeacapo, Cda Inpgi

Gentile collega,
come hai certamente letto è in corso da parte del governo un tentativo di attaccare le pensioni al di sopra dei 4.000 euro mensili netti (per ora). Lo slogan è quello, noto, delle pensioni d’oro. Nel nostro caso, per la quasi totalità, le pensioni sono il frutto di decenni di lavoro e del conseguente versamento di cospicui contributi.

A questo link troverai il progetto di legge.

Non è detto che l’Inpgi sarebbe costretto, in quanto cassa autonoma, a seguire le stesse determinazioni di questa ipotetica legge.

Sta di fatto però che il rischio c’è ed è molto concreto. E che si tratterebbe di un attacco diretto ai diritti acquisiti, con possibili conseguenze incalcolabili.

Nell’inviarti un messaggio che il collega Sebastiano Messina ha indirizzato a Puntoeacapo, chiediamo a te, che insieme con noi ti sei mosso a difesa del diritto alla intangibilità delle pensioni, di inviarci opinioni e proposte.

In particolare su un punto: ritieni che ci si debba muovere subito o che sia il caso di attendere eventi che al momento sono non del tutto prevedibili? E se davvero fossero messi in discussione i diritti acquisiti, saresti disponibile a rivolgerti alla magistratura per tutelarli?

Commentate scrivendoci a giornalistipuntoeacapo@gmail.com o alla mail dei No Prelievo: giornalisti.noprelievo@gmail.com

Questo il testo di Sebastiano Messina, sulla pagina Facebook di Puntoeacapo – 12 agosto 2018

Cari amici, se avete letto la proposta di legge dei capigruppo di Lega e M5S per il taglio di quelle che loro chiamano “pensioni d’oro” avrete capito quello che sta per accadere . Questo governo si prepara a violare il “principio di affidamento” ricalcolando gli assegni degli attuali pensionati utilizzando un discutibilissimo metodo, che consiste nel tagliare le pensioni applicando un coefficiente legato alla differenza tra l’età in cui ciascuno è andato in pensione e una “età pensionabile” stabilita oggi per allora.

Si parla, l’avrete letto, di tagli fino al 20 per cento. Un taglio che oggi riguarderebbe le pensioni superiori agli 80 mila euro l’anno, ma che domani – se l’operazione funzionasse – potrebbe essere applicato a tutte le le altre pensioni.

Molti, me compreso, sono convinti che la Corte Costituzionale abrogherebbe una simile legge, ma è assai probabile che essa venga comunque approvata. Intaccando in modo permanente i diritti di chi è già in pensione.

C’è poi un secondo problema. Essa prevede che i risparmi ottenuti con i tagli non restino agli enti di previdenza, ma vengano versati in un Fondo Risparmio gestito direttamente dal Ministero del Lavoro, cioè da Di Maio. Questo significa che il risparmio per gli enti di previdenza sarebbe pari a zero.

Forse sarebbe il caso di battere un colpo.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


9 + sedici =