INPGI, ASSALTO ALLE PENSIONI: “NON DOVREMO SOTTOSTARE AGLI ABUSI DEL GOVERNO”

Giornalisti impegnati per anni nelle organizzazioni di categoria, grandi firme, colleghi che hanno pensioni anche al di sotto dei 4.000 euro, giornalisti in attività. Il filo comune è l’attacco senza precedenti al patto previdenziale, secondo cui a fronte di un versamento di contributi, rispettando le regole in vigore tempo per tempo, sarebbe stato garantito e intangibile il diritto alla prestazione e il suo quantum.

Un grido di allarme unanime, che Puntoeacapo ha raccolto dopo la lettera ai giornalisti italiani e che non farà cadere.

La nostra tribuna resta aperta.

 

Pur convinto che alla fantasia degli irresponsabili non ci siano limiti, penso che il progetto Lega5Stelle sia, al momento, talmente confuso e pasticcione da essere irrealizzabile. A mio parere quando la Lega realizzerà quanto costerebbe una simile follia in milioni di voti non seguirà l’intenzione grillina e poiché Salvini non vede l’ora di tornare al voto (le Europee comunque sono vicine) ne prenderà le distanze. Va comunque sottolineato che l’idea leghista del contributo di solidarietà sarebbe addirittura peggiorativa rispetto a quello già applicato dai precedenti governi e questo non sembra un gran Cambiamento. Ordine e sindacato (e anche INPGI) potrebbero esprimersi ad esempio sui contributi versati dai giornalisti (e chiedendo finalmente una legge diversa sui contributi figurativi di un sacco di scrocconi). Ci sono cifre e dati indiscutibili. Anche se le recenti sentenze della Suprema corte (finora molto governativa) non sono state favorevoli, nel caso più funesto il ricorso sarebbe inevitabile.

Beppe Errani

 

Sono più che convinto che si debba intervenire subito. Non tanto per un’astratta difesa di principi, che pure sono importanti, quanto per mettere il più possibile sotto gli occhi dell’opinione pubblica che queste misure, ispirate a un egualitarismo selvaggio e meramente retorico, che serve solo a gettare fumo negli occhi e nascondere una palese incapacità programmatica strutturale, sono un attacco feroce a diritti acquisiti che, con l’espediente incostituzionale della retroattività, verrebbero drammaticamente lesi mentre dovrebbero essere intangibili. Anche se il mio tetto pensionistico è inferiore ai 4.000 euro tirati in ballo, per ora, non avrei esitazione alcuna a rivolgermi alla magistratura e avviare una battaglia legale da portare avanti fino all’ultima istanza.

Giuliano Capecelatro

 

Secondo me non c’è motivo di muoversi subito. Se le pensioni dei colleghi benestanti sono “frutto di cospicui contributi” – come dici tu – non c’è da aver paura. Si tratta d’altra parte di un ricalcolo per la riduzione delle quote retributive. Sebbene provvedimenti del genere siano impopolari, anche a mio modesto parere, trovo più che accettabile il taglio, vista la pessima congiuntura economica. Aggiungo una notazione personale. Io prendo 42 mila euro lordi l’anno, 2070 netti al mese, dopo essere stato oggettivamente dequalificato dall’agenzia Ansa e aver perso la causa decisiva per la (sfacciatamente) falsa testimonianza, davanti a una giudice incapace, di colleghi che oggi, dopo avermi rovinato la vita professionale e famigliare, si godono la loro ricca pensione ben superiore agli 80 mila euro. Solo il pensiero che, opponendomi alla legge, difenderei anche questa indegna gentaglia, e tutti i raccomandati di partiti sindacati e amici di famiglia, mi fa salire il sangue agli occhi.

Vittorio Spadanuda

 

Non so valutare quando sarebbe il momento più opportuno per muoversi. Ma credo comunque che occorra tutelarsi in ogni modo.

Massimo Franco

 

E’ illegale, anticostituzionale, pasticciato, banditesco e concepito solo per eccitare l’animo dei gonzi e dei politicamente sprovveduti. Ma c’è un aspetto di questo ventilato provvedimento che va molto al di là di quanto questi sprovveduti Robin Hood alla pummarola (con rispetto per l’onesto bandito di Nottingham e per gli spaghetti pomodoro e basilico) si ripromettono; è un aspetto del quale si parla poco ma che può fare molto male alla reputazione internazionale dell’Italia, oggi quanto mai importante (vedi spread ed investimenti esteri in calo).

Bisognerebbe cioè ricordare agli ideatori di questa prodezza legislativa che il diritto si fonda su alcune antichissime norme, prima tra le quali quella che recita “Pacta Servanda Sunt”. Se ho ben letto il cosiddetto provvedimento, si tratta di un prelievo forzoso a vita, che ricalcola arbitrariamente coefficienti già stabiliti al momento dell’entrata in pensione e che, in barba alla solidarietà sociale sbandierata dai proponenti, equivale ad una tassazione speciale verso una ristretta categoria di cittadini.

Oggi i “pensionati d’oro” ma domani magari “gli ebrei” perché notoriamente attaccati al denaro o “gli omosessuali” perché privano la patria di figli. Oltre ad adire le vie legali contro i banditi che potrebbero mettere in pericolo le pensioni che ci siamo sudati, potrebbe essere utile rivolgersi ai maggiori investitori internazionali, capitani d’industria tipo Elon Musk della Tesla o Bill Gates o che so io, e domandare “Voi investireste in un paese il cui governo da un lato vi potrebbe garantire trattamenti fiscali di favore in cambio dei vostri denari ma, dall’altro, non esita a varare leggi con valore retroattivo in ambito finanziario?”. Ci sarebbe da divertirsi, credetemi.

Giulio Pecora

 

Concordo sul muoversi prima… e sul ricorrere alla magistratura! Temo che questo vortice fascistoide e dissennato ignorante ecc. proceda come una schiacciasassi (a meno che Lega si scosti da 5stelle su questo progetto ingiusto).

Kicca Menoni

 

Non sono esperto della materia e dunque non so valutare il dettato del disegno di legge. Esprimo solo alcune personali considerazioni. Per semplificare, mi sembra di capire che chi dispone di una pensione pari a 79.999,99 euro lordi all’anno (5.714,285 per 14 mensilità) continuerà a percepirla; mentre chi ha una pensione pari a 80.000,1 euro annui (5.714,292 mensili) vedrà ridotto il proprio assegno, in misura che ovviamente non so determinare.

Un provvedimento che dunque appare assurdo e iniquo. Avrebbe avuto una sua logica, sia pure non condivisibile, se avesse riguardato, in maniera proporzionale, tutti i trattamenti pensionistici. Così evidentemente non è, e pertanto assume carattere discriminatorio e quindi, a mio avviso, anticostituzionale.

Ma naturalmente nutro poca fiducia in eventuali pronunciamenti della Corte Costituzionale, da sempre asservita alla politica in quanto dalla Politica vengono nominati i suoi componenti, non eletti dai cittadini, configurando così un classico caso di controllore controllato. Iniquo perché oltretutto non tiene conto di quei nuclei familiari dove entrano più pensioni (marito-moglie già lavoratori) il cui cumulo può tranquillamente superare i 4.000 euro mensili. Un provvedimento tuttavia sul quale, temo, ci sarà il consenso anche delle forze di sinistra che non hanno mai superato il non senso del togliere ai “ricchi” anziché dare ai “poveri” secondo la più becera delle logiche marxiste. E degli stessi italiani medi che, alimentati dalla più che palese “invidia di classe”, non si scandalizzano per chi guadagnerà 31 milioni all’anno, ma solo per chi ha 4.000 euro al mese, frutto di 35 o più anni di lavoro.

Suggerimenti? Non ne so dare, se non quello di dichiararmi fin da ora disponibile a sostenere, pur ribadendo l’assoluta mancanza di fiducia negli organismi giudiziari a tutti i livelli di un Paese ormai senza futuro, ogni azione legale.

Massimo Vitale

 

Penso che non dovremmo giocare di rimessa. Che sarebbe utile inviare subito un segnale all’ ARBITRO.

In discussione non ci sono solo le nostre pensioni. Se il disegno a 5 stelle andasse avanti approdando in Parlamento verrebbe messo in discussione lo stesso stato di diritto scaturito dalla Costituzione. Pacta non sunt più servanda…

Forse sarebbe utile chiedere un testo ad un bravo costituzionalista da rivolgere ( a firma dei nostri organismi, quelli che ci sono e dormono, oppure nuovi coordinamenti trasversali tra categorie diverse…) al Capo dello Stato. Un testo capace di “svegliare” il Paese, da pubblicare a spese nostre sulle principali testate.

Lucio Galluzzo

Sono assolutamente d’accordo con quanto scritto da Sebastiano, sebbene la mia pensione sia di molto inferiore ai 4.000 euro. Trovo TUTTE le decisioni (o meglio, le NON decisioni) di questo governo inaccettabili, e temo ulteriori azioni di stampo populista. È quindi chiaro che rimarrò al vostro fianco, con tutta la determinazione e la mia capacità alla lotta. Ivi compreso un ricorso alla magistratura. Non so immaginare quale possa essere un’azione preventiva, e come muoverci subito. Ma “battere un colpo” mi sembra necessario e indispensabile. Alla ripresa dei lavori, in settembre? O dopo Ferragosto? Consapevole che ormai rappresentiamo la Kasta, la strada è comunque impervia.

Silvia Mauro

 

Condivido la battaglia. Occorre muoversi SUBITO, attaccando innanzitutto il fatto che venga stabilito per legge quanto debba essere l’ammontare di una pensione, nonostante gli anni lavorati e i contributi versati. Allo stato attuale abbiamo un ventaglio diverso di pensioni a secondo della categoria, della professione, del livello raggiunto da ciascuno. Differenze del tutto legittime, che non sono certamente esempio di “privilegio”. Tantissimi di noi hanno LAVORATO spesso senza tutele economiche e previdenziali adeguate, conquistando poi un contratto regolare e arrivando alla pensione senza per forza aver raggiunto qualifiche (e relativi stipendi) di vertice. La manovra in atto è indubbiamente un primo passo verso un impoverimento generale della categoria dei pensionati, mediante una politica che cerca consenso elettorale a buon mercato e che pian piano farà apparire come “privilegiato” qualsiasi individuo che dovesse avere una pensione o uno stipendio superiore alla soglia governativa individuata da chi non ha una esatta percezione della situazione sociale ed economica.

Vincenzo Oliveri

 

Sono assolutamente d’accordo. Bisogna evitare di farci prendere in giro ed è necessario compiere tutti i passi necessari per tutelare i nostri diritti acquisiti. Anche ricorrendo alla magistratura.

Fulvio Gorani

 

Aspettiamo che esplodano le contraddizioni tra Lega e 5s. in ogni caso io sono pronto a rivolgermi alla magistratura: è stato già fatto un prelievo di tre anni basato sulla sentenza della Corte. poi l’Inpgi ne ha imposto un altro. Ora basta.

Giuseppe Mazzei

 

La lettura del disegno di legge non lascia spazio a equivoci e incertezze: l’eventuale nuova legge si applicherebbe certamente ai giornalisti, E comunque non vi è alcun dubbio che il gruppo dirigente Inpgi eserciterà formidabili pressioni per poter applicare la normativa alle pensioni dei giornalisti. Detto questo, mi sembra che dall’interno stesso del governo si stiano rendendo conto del guaio nel quale rischiano di cacciarsi.

Ciò detto, penso che occorrerebbe fin d’ora sollecitare le nostre firme più esperte e gli istituti più accreditati perché smontino scientificamente e giuridicamente i tentativi governativi.

Altro intervento necessario sarebbe quello sull’ INPGI per avere dati di impatto sui suoi pensionati e conoscere le sue intenzioni. Alle strette, il ricorso alle magistrature si imporrebbe.

Giuseppe Mennella

 

La miglior difesa è l’attacco. Anche se purtroppo il giornalismo, causa del suo mal pianga se stesso, da tempo non gode di vaste simpatie. In caso di tagli, io non potrò più pagare il mutuo per la casa, comprata alla mia tenera età – 75 anni domani Ferragosto – per mia figlia, e non potrò mantenere il suo bambino di appena sei mesi fintanto che mia figlia, 26 anni il prossimo mese, laureata in giurisprudenza, non trovi un lavoro. Campa cavallo… I Di Maio e i Salvini sono dei volgari grassatori: absit iniuria verbis. Con tutto il rispetto dovuto ai grassatori. Allego questo mio articolo recente.
E un paio meno recenti, ma ancora significativi: a questo link  e a quest’altro.

Pino Nicotri

 

Io credo che non dobbiamo farci trovare impreparati. E’ ovvio che non si possa fare opposizione ad una legge che ancora non esiste, ma occorre preparare comunque una class action (o quello che si riterrà più opportuno) qualora il testo presentato dovesse essere votato. In particolare mi preoccupa la condizione mia e di tutti quelli che hanno beneficiato della 416: siamo andati in pensione in anticipo perché ci era stato assicurato un certo trattamento. Ora si ipotizza una penalizzazione retroattiva per chi ha beneficiato di questa opportunità, senza che gli interessati possano tornare sui loro passi (Io che faccio? Mi faccio riassumere dalla Stampa per integrare i contributi che mi mancano?). Sintesi: parliamo con dei legali, prepariamo eventuali ricorsi. E se c’è da pagare, ovviamente, dividiamo le spese.

Raffaello Masci

 

Questo non sarebbe una prova di solidarietà, ma un puro e semplice furto. Sarei pertanto favorevole al ricorso alla magistratura per tutelare i diritti acquisiti.

Franco Mimmi

 

Sono dell’opinione che dobbiamo relazionarci da subito con quelle organizzazioni che già hanno protestato, ad esempio il Cida o i sindacati dei medici. Bisogna fare causa comune e organizzare iniziative intercategoriali.

Edoardo Girola

 

Sono dell’idea che bisognerebbe muoversi al più presto. Dicono di voler fare come Robin Hood, in realtà sono come i talebani. Animati da furore giustizialista non vedono l’ora di cancellare tutto: dignità, diritti acquisiti, sacrifici fatti da tanti colleghi che per decenni hanno versato fior di contributi (nel mio caso per 39 anni, anche se i miei anni di lavoro sono stati in tutto 45: ma all’inizio, quando ero in attesa di un certificato da praticante, alcuni editori non versavano). Buoni a nulla, ma capaci di tutto, diceva Longanesi. Capaci anche di massacrare la Costituzione pur di raccattare voti tra gli illusi. Già la tassazione è al 43%, paghiamo inoltre un “contributo di solidarietà” che sarebbe irregolare, adesso vogliono la “sforbiciata” esemplare per affamare chi ha lavorato una vita intera per costruirsi una pensione. Mi aspetto una ferma reazione da parte di tutti gli enti di categoria. Spero che ciascuno batta un colpo.

Tonino Raffa

 

Naturalmente sono accanto a voi qualunque azione deciderete/decideremo d’intraprendere. E credo che presto qualcosa andrà fatto. Quando? Leggo che la Lega oggi avrebbe dei dubbi sul provvedimento. Penso che si debba chiedere consiglio a qualche avvocato e a qualche costituzionalista di riferimento anche per decidere quali possono essere eventuali mosse preventive. Contate sul mio pieno appoggio.

Pietro Calderoni

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


2 × uno =