INPGI, SGRAVI CONTRIBUTIVI PER LE ASSUNZIONI DI GIORNALISTI FINO A 35 ANNI

di Paola Cascella *

Tornano gli esoneri contributivi per promuovere l’occupazione dei giovani giornalisti.

Fino a tutto dicembre 2018 (ma con effetto retroattivo al primo gennaio) ne potranno usufruire le aziende che vogliano assumere a tempo indeterminato colleghi al di sotto dei 35 anni. Dal primo gennaio 2019 la soglia di età si abbasserà a 30 anni.

Lo ha deciso ieri all’unanimità, con il voto favorevole di Inpgi Futuro, il Consiglio di amministrazione dell’Inpgi allineandosi alla legge del 2017, recepita dalla legge di Bilancio 2018 che mira al rilancio del mercato del lavoro anche attraverso incentivi al l’occupazione stabile giovanile con misure strutturali, ovvero non più a carattere temporaneo, com’è stato in passato.

L’esonero sarà a carico dello Stato e viene riconosciuto per un massimo di 36 mesi, al 50 per cento dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro. Contributi che sarcanno rimborsati alla cassa di previdenza dei giornalisti dall’Inps.

La misura ha sollevato i dubbi del rappresentante della FIEG e vicepresidente dell’Inpgi Fabrizio Carotti che ne ha definito “marginali” gli effetti prevedibili. Scettico anche il segretario FNSI Raffaele Lorusso (che pure non ha negato il suo voto positivo), che ne critica “l’impatto molto limitato per la nostra categoria”. Il segretario avrebbe preferito “sgravi tout court” o rivolti “alla riassunzione di colleghi licenziati”. E ha detto senza mezzi termini che “se fosse stato per me avrei rispedito questa faccenda al mittente. Dunque resto perplesso, ma ne prendo atto”. Unico effetto positivo, secondo Lorusso “la misura potrebbe portare qualche numero (giornalisti in più ndr), magari nel settore dell’on line”.

In realtà, se la delibera Inpgi verrà approvata dal ministeri vigilanti, già allo stato attuale potranno usufruire degli sgravi contributivi le aziende che hanno assunto 160 colleghi dall’inizio dell’anno.

* Cda per Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


sedici − 2 =