EX FISSA, A GENNAIO LA RATA MINIMA PER TUTTI. PIÙ VICINE LE TRANSAZIONI CON I SOLDI INPGI

di Paola Cascella

È in arrivo l’ex fissa. A fine gennaio la rata minima di garanzia di tremila euro lordi verrà erogata a tutti i giornalisti in attesa (anche dal 2010) di incassare la somma dovuta per contratto a chi abbia lasciato il lavoro per andare in pensione.

Dunque la percepiranno i colleghi che non hanno accolto l’offerta di rottamare il proprio credito, quelli che viceversa lo hanno fatto (sono 192, primi in graduatoria per chi ha maturato il diritto sino al maggio 2011), coloro che vorranno farlo in futuro, se sarà possibile, e anche chi è andato in pensione nel frattempo, fino al dicembre 2018. Una fascia, quest’ultima che è stata inclusa grazie alla decisione della Commissione paritetica Fnsi-Fieg di riversare nel Fondo tutte le risorse dell’esercizio 2018.

Una buona notizia, più volte annunciata, ma fino all’ultimo tutt’altro che scontata, come ogni aspetto che riguarda l’impresentabile gestione dell’ex fissa. Basti ricordare la lettera di Natale dell’anno scorso, corretta, smentita, in qualche caso mai arrivata, che proponeva perentoriamente l’offerta di rinuncia a una percentuale del credito in cambio del restante erogato subito.

Una schiarita intanto sembrerebbe annunciarsi anche per i giornalisti in attesa di decidere se accogliere l’offerta di rottamazione. Si tratta di circa mille colleghi che hanno manifestato interesse per l’opzione, ma il cui destino è appeso al via libera dei ministeri al prestito già deliberato dall’Inpgi alcuni mesi fa in favore della Fieg. Prestito sul quale Lavoro e Economia hanno espresso parecchie perplessità chiedendo ulteriori rassicurazioni.

Stamattina il Cda dell’Istituto ha deliberato di considerare adeguata l’entità dell’aliquota addizionale dello 0,35 al contributo che alimenta il Fondo integrativo, e a carico delle aziende editoriali, così come risulta dal monitoraggio periodico sollecitato dal ministero del Lavoro. Altrettanto congruo, e anzi vantaggioso per l’Inpgi, è stato considerato dal Consiglio di amministrazione il tasso di interesse del 4,60 per cento netto su base annua pagato dalla Federazione degli editori in relazione al prestito che Inpgi aveva già deliberato di erogare. Via Nizza lo ha confrontato con un paniere titoli obbligazionari, mutui e prestiti bancari.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


17 − 9 =