INPGI, NUOVI DANNI ALLE PENSIONI DAL TAGLIO ALLA PEREQUAZIONE. PICCOLA GUIDA ANTI-MISTIFICAZIONI

di Carlo Chianura

Portavoce di Puntoeacapo

Tempo di legge di bilancio, tempo di mistificazioni. L’obiettivo della maggioranza di governo spesso è quello di creare fratture sociali e generazionali: dividere per comandare.

Ne sanno qualcosa i pensionati italiani, sulla cui pelle si sta giocando (non da oggi, per la verità) una partita truccata e velenosa.

Prendete il tema della indicizzazione delle pensioni, che da quest’anno saranno di nuovo colpite, come peraltro è già accaduto con il governo Monti e con il governo Letta. Saranno coinvolti anche i giornalisti, perché il regolamento Inpgi stabilisce che i meccanismi della perequazione seguono quelli del sistema generale.

Tralasciamo il fatto che un centesimo tolto per uno, due, tre anni, sarà un centesimo tolto per sempre. E che di fatto gli assegni saranno progressivamente e per sempre impoveriti, come accaduto ai colleghi fin dal lontano 2012.

Esaminiamo invece in che modo il Movimento 5Stelle, aiutato come vedremo anche da articoli imprecisi, confonde la realtà di fatto, mistificandola.

Un articolo del famoso Blog delle Stelle dall’evocativo titolo “Tutta la verità sulle pensioni” fa credere che il taglio della perequazione non penalizza ma invece tutela le pensioni: tutte le pensioni.

Qual è il trucco? Far credere che dopotutto anche una vecchia Finanziaria, quella del 2001, aveva trattato le indicizzazioni più o meno come il governo gialloverde.

Perchè proprio quella Finanziaria? Non è un caso. La legge 388 del 2000, vale a dire la Finanziaria per l’anno 2001, stabiliva all’articolo 69 le regole per le indicizzazioni delle pensioni al di sopra degli attuali 1.500 euro. Le pensioni furono sterilizzate dai provvedimenti di Monti e di Letta cancellando o riducendo la perequazione per alcuni anni. Dopo la sentenza della Corte costituzionale sull’argomento, il governo Renzi decise che i criteri stabiliti nel 2000 sarebbero ritornati validi a partire dal 2019.

Sul Blog delle Stelle viene pubblicata una tabella sulla perequazione delle pensioni sbagliata alla radice. Si omette di dire che la legge 388/2000 che sarebbe tornata in vigore nel 2019 sarebbe stata applicata per fascia di reddito (come avviene per l’Irpef, per capirci). In altri termini avremmo avuto una indicizzazione all’ 1,1% per la fascia fino a 3 volte il reddito, quindi allo 0,99% per la fascia da 3 a 5 volte e infine allo 0,825% sulla fascia oltre le 5 volte.

La legge di bilancio 2018 stabilisce invece che basta superare il limite dei 1522 euro per vedere defalcato – per sempre e con ricadute sempre maggiori – l’intero importo dell’assegno e non già una singola fascia. Vedere in proposito la tabella pubblicata all’interno di questo articolo del Sole 24Ore.

P.S. Per fortuna ci sono i giornali, penserete, a riportare le informazioni sul giusto binario. A leggere un articolo del Fatto viene da dire l’esatto contrario, visto che si dà sostanzialmente per buona la tesi del governo.

P.P.S. Piccola consolazione: i soldi derivanti dalla minore perequazione resteranno all’Inpgi. Come al nostro istituto di previdenza sono rimaste le mancate o minori perequazioni dal 2012 a oggi. Stiamo parlando di oltre 100 milioni di tagli alle pensioni. Una risposta a chi ritiene che i pensionati non abbiano già contribuito alla salute dei conti dell’Inpgi. In più, pagando da due anni un salato (e indebito) prelievo forzoso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


10 + 15 =