INPGI ALLA PROVA DELLA VERITÀ, PER IL SALVATAGGIO NON C’È PIÙ TEMPO DA PERDERE

di Carlo Chianura

Portavoce di Puntoeacapo

L’Inpgi è un malato terminale? Risvegliandosi dalla catalessi più o meno interessata della “categoria”, sembra ora che anche qualche giornalista attento se ne stia rendendo conto.

Lo sfondamento ormai certo dei 200 milioni di sbilancio per il 2019, unito all’irrompere di licenziamenti e cassa integrazione cosiddette di solidarietà, disvela quello che in tanti non hanno voluto vedere durante l’ultimo decennio.

L’istituto di previdenza è il ricco frigorifero che in questi dieci anni è stato allegramente svuotato dai cosiddetti editori con la connivenza del sindacato e la benevolenza per metà complice e per metà ignara della maggioranza che non ha mai smesso da 15 anni almeno di governare l’istituto.

Osserviamo non senza un certo disgusto che quel sindacato che oggi addita la crisi a pensionamenti, prepensionamenti, stati di solidarietà, casse integrazioni di comodo, è lo stesso sindacato che quelle misure ha sdoganato in questi anni con la scusa che “non si potevano lasciare i colleghi in mezzo alla strada”. Facendo finta cioè di non capire che con questa giustificazione si legittimavano le campagne di ristrutturazioni selvagge dei “prenditori” dell’informazione, spesso amici e sodali.

Puntoeacapo si è accorta di questo con la necessaria tempestività: basta digitare la parola Inpgi nel motore di ricerca interno di questo sito. Senonché, oggi che il re è nudo, deve anche osservare non senza un certo divertimento le lezioni di chi improvvisamente si accorge dell’ultimo giro di ballo sul Titanic.

***

In questi mesi, silenziosamente, abbiamo lavorato con la presidenza Macelloni perché si arrivasse a una soluzione-ponte che affrontasse con un minimo di visione il crollo della platea contributiva dell’Inpgi. Temo che l’allargamento ai cosiddetti comunicatori alla fine non arriverà, anche se spero di sbagliare.

Collaborare è stato doveroso anzitutto perché non era consigliabile fare dispetto a se stessi, giacché è interesse comune la salvaguardia del futuro previdenziale di tutti i giornalisti, i pensionati e gli attivi. E poi perché è doveroso riconoscere – pur non dimenticando le responsabilità pregresse – che questa presidenza ha svolto una riflessione sugli errori del passato. Solo motivi diciamo di cucina hanno impedito finora che questa analisi autocritica divenisse pubblica.

In questo scenario, gli editori non trovano di meglio che snocciolare dati (verissimi) sul crollo della pubblicità soprattutto per i giornali di carta e sulla débâcle delle vendite di copie, più che dimezzatesi in un ventennio. Con ciò però assolvendosi rispetto al peccato originale su cui incredibilmente mi trovo – almeno su questo – a dover dare ragione al sottosegretario Crimi: hanno inseguito le ristrutturazioni finanziarie e non hanno pensato al prodotto.

Basta leggere l’ultimo rapporto di Mediobanca per capire che la crisi dell’industria editoriale c’è stata ovunque in Europa, ma la differenza è che altrove si sono investiti capitali ingenti per il rilancio delle testate mentre in Italia si sono solo mandate a casa le persone, impoverendo le testate di professionalità alte senza neanche la consolazione di assumere i giovani.

***

Questo è quanto. Il problema è naturalmente che fare. Ebbene, credo che sia arrivato il momento di riconoscere che i giornalisti non possono oggi permettersi di avere una previdenza autonoma. Il che non significa che non ci sia una specificità della professione giornalistica, bla bla, eccetera eccetera. Ma che non si può litigare oltre con la realtà.

E’ il momento – per tutti – di prenderne atto. Non dicendo volgarmente salviamo le terga entrando nell’Inps, ma invece facendo finalmente una seria analisi su come si possa tornare alla situazione anteriore al decreto 509 del 1994. Un Inpgi autonomo ma con una garanzia dello Stato sulle prestazioni. Utilizziamo quel poco o quel tanto che è rimasto del nostro patrimonio per fare una proposta seria, non debole come lo sarebbe nel momento della totale decozione. Utilizziamo tutti i buoni argomenti di chi, nel mondo della politica e delle istituzioni, può esserci amico o almeno non nemico nel riconoscere quella famosa specificità della nostra professione, prima che gli insulti, le idiozie e gli sputi populisti possano avere la meglio.

In questo senso credo che in futuro Puntoeacapo potrà essere al fianco di chi vuole il cambiamento, quello vero naturalmente, a detrimento delle varie e ormai inaccettabili rendite di posizione della nostra categoria ma a tutela di ciò che è doveroso difendere e un giorno far prosperare.

Chi ci sta?

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


dieci + 12 =