INPGI, DISMISSIONI: SE COMPRI CASA, SPUNTA UNA CATENA DI SPESE A SORPRESA

di Carlo Patrignani

Una faticosa corsa ad ostacoli per acquistare da inquilino un appartamento Inpgi. Una corsa durante la quale si scoprono tante società e tanti personaggi che formano una vera e propria filiera che somiglia tanto alle ben note scatole cinesi e che – è certo – non si adoperano, come si dice a Roma, aggratis.

Dalla capostipite Investire Sgr Spa si dipanano l’agenzia immobiliare che vende l’appartamento, la società di mediazione finanziaria suggerita per l’eventuale richiesta di mutuo, una new entry, la Yard, per la gestione tecnico-amministrativa del patrimonio inerente il Fondo, essendo scaduto il mandato della capostipite, e dulcis in fundo la Global Servire Srls per l’amministrazione del nuovo condomino, che prima era in capo all’INPGI.

Un passaggio quest’ultimo che non riguarda solo chi ha acquistato (che è una minoranza) ma pure chi ha optato per il rinnovo dell’affitto (che è la maggioranza).

Ognuno di questi attori si presenta a chi ha acquistato con alle spalle un accordo per la parte di sua competenza fatto mesi prima per cui ogni cosa è già definita e sistemata e solo dopo la conclusione dei singoli atti magari vengono date le informazioni che per correttezza e trasparenza avrebbero dovuto esser date a monte.

Ci si accorge, cammin facendo, che l’iniziale 25% di sconto a favore di chi acquista deliberato per incentivare la vendita viene eroso se non addirittura perso. Vediamo come.

Si parte con gli oneri del condominio che viene creato ex novo a tambur battente – è una procedura del tutto normale, si dice – subito dopo il primo acquisto con la Investire Sgr, che dispone della maggioranza relativa pari a circa 980 millesimi dei mille necessari per costituirlo.

Ciò comporta seduta stante tra i 10 e i 20 mila euro l’anno per il compenso al nuovo amministratore, cui poi si aggiungono spese postali, telefoniche, cancelleria/fotocopie, gestione c/c, assicurazione stabili per un totale di circa 7 mila euro, prima in carico all’INPGI, con il portierato che prima si pagava al 10% e ora per intero: attorno ai 50-55 mila euro l’anno, secondo gli anni d’anzianità.

Sommate a questi costi immediati alla costituzione del nuovo condominio ci sono le altre voci: con elettricità, acqua, gas e riscaldamento, manutenzioni varie, ascensore, si arriva alla bella cifra di circa 200mila euro l’anno, da ripartire tra proprietari e inquilini.

Chissà se anche per la costituzione di altri nuovi condomini le cose sono andate così o diversamente.

E chissà se contestualmente o giù di lì agli accordi anche sindacali intercorsi mesi addietro tra le singole società della filiera con la capostipite e forse anche l’INPGI, si erano informati i potenziali (pochi) acquirenti. Sarebbe stato molto più corretto e anche doveroso: a quel punto il potenziale acquirente conti alla mano o procedeva lo stesso all’acquisto o optava per il rinnovo dell’affitto o sceglieva altro.

La mancanza di trasparenza e correttezza e la disinformazione l’hanno fatta da padrone nella vendita e anche dopo: c’è da pensare che questo sia il modus operandi più redditizio per la filiera, ossia far trovare di fronte al fatto compiuto chi aveva aderito all’acquisto, usando una certa furbizia (?), un certo raggiro (?) lucidissimi.

Basta una firma o una sigla carpita e il verbale preconfezionato della prima assemblea condominiale è cosa fatta ma nella fretta si sono riportati orari di apertura e chiusura, persone presenti e luogo dove è tenuta, che non corrispondono affatto alla realtà, in altre parole falsi.

Alla prossima puntata, dopo – se ci sarà – una assemblea straordinaria per ratificare e apportare le dovute correzioni o altre iniziative in altre sedi.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


5 × tre =