INPGI, CHIESTO UN INCONTRO URGENTE A MATTARELLA E AL GOVERNO. INPGI FUTURO: GIUSTO COINVOLGERE LE MASSIME ISTITUZIONI

di Paola Cascella *

Un “incontro urgente” al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e ai ministri del Lavoro Luigi Di Maio e dell’Economia Giovanni Tria. Lo ha chiesto anche a nome del Cda e del collegio dei sindaci la presidente dell’Inpgi Marina Macelloni per illustrare “il particolare andamento della gestione previdenziale”, ovvero la situazione difficile della cassa dei giornalisti “alla luce dei processi di trasformazione che stanno interessando la professione giornalistica, e le relative conseguenze sul piano previdenziale”, verificatisi in questi ultimi anni.

Un gesto forte che Inpgi Futuro condivide e che Macelloni ha assunto dopo un lungo confronto in Cda, anche con la partecipazione dei due consiglieri rappresentanti della Presidenza del Consiglio e del ministero del Lavoro, sulle iniziative da mettere in campo in presenza di una crisi dell’ente che sembra inarrestabile.

Durante il dibattito Carlo Chianura, consigliere di Inpgi Futuro e portavoce di Puntoeacapo, aveva fatto riferimento proprio alla necessità di un coinvolgimento delle istituzioni più alte affinché fossero investite del problema-Inpgi allo scopo di individuare soluzioni strutturali alternative alla crisi della previdenza dei giornalisti.

La richiesta di incontro parte da via Nizza proprio mentre l’emendamento della Lega al Decretone (primo firmatario Massimiliano Capitanio) fortemente voluto dal sottosegretario Claudio Durigon per allargare la platea contributiva dell’Istituto, è approdato ieri in Parlamento. Col via libera della Camera, oltre diecimila comunicatori professionali entrerebbero a far parte a pieno titolo del popolo Inpgi, accanto ai giornalisti iscritti all’Ordine.

Lo stesso emendamento inizialmente sarebbe dovuto entrare nella legge di stabilità, ma è stato in seguito ritirato per la forte contrarietà del Movimento 5 stelle, che non manca di mostrare ostilità nei confronti del giornalismo professionistico. Ora la palla passa al Parlamento, ma è quasi certo che su di esso non confluiranno i voti dei 5Stelle. E’ proprio questo uno dei motivi di maggiore incertezza, in quanto se il M5S dovesse porre una pregiudiziale politica, la Lega dovrebbe scegliere di votarlo con le opposizioni. Il che non è affatto probabile.

Anche di questi temi Macelloni vuol parlare con il presidente Mattarella illustrando nel dettaglio quella che l’Istituto in tutte le sue componenti ritiene la soluzione idonea a mettere in sicurezza la cassa dei giornalisti, vittima, dice la presidente “di squilibri strutturali, ben compresi dalla sensibilità del sottosegretario Durigon”.

L’emendamento al vaglio del Parlamento è visto con favore anche da presidenti di altre Casse che appartengono all’Adepp. “Si tratta – ha detto tra gli altri Walter Anedda, al vertice della cassa dei dottori commercialisti – di una soluzione che esalta l’autonoma capacità del sistema previdenziale privato di garantire un sostegno di lungo termine, senza pesare sui conti dello Stato”.

* Cda per Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


10 + 3 =