INPGI-DRAMMA, SCOMPARE NELLA NOTTE DI MONTECITORIO L’EMENDAMENTO DEI COMUNICATORI

di Carlo Chianura

Portavoce di Puntoeacapo

Sorpresa a metà per l’Inpgi. Sembra ormai certa la cancellazione del famoso emendamento al Decretone 4 del 2019 che prevedeva l’ingresso obbligatorio dei comunicatori nell’istituto di previdenza dei giornalisti.

L’emendamento era stato in un primo momento dichiarato ammissibile dalla commissione Lavoro e prevedeva una serie di misure accessorie molto importanti. Una, contenuta nel quinto comma, stabiliva che era temporaneamente sospesa fino al 2021 la previsione contenuta nel decreto 509 che ha privatizzato le casse professionali secondo cui va obbligatoriamente mantenuto l’equilibrio di bilancio, pena il commissariamento.

Incerto quanto accaduto in seguito. Si possono solo fare ipotesi. E le ipotesi portano a una forte opposizione da parte del Movimento 5Stelle all’emendamento presentato da deputati della Lega. O forse di alcuni settori pentastellati, vale a dire quelli che fanno capo al sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’Editoria Vito Crimi. Tra i più vicini a Davide Casaleggio e alla Fondazione Rousseau, Crimi non ha mai nascosto in questi mesi l’ostilità verso le vecchie regole della professione e in generale del welfare giornalistico.

In questa direzione va l’organizzazione a partire dal 25 marzo degli Stati generali dell’informazione, con l’ambizioso obiettivo di riscrivere proprio quelle regole.

Venerdì la presidenza dell’istituto ha fatto un ultimo, estremo, tentativo di preservare l’emendamento-comunicatori, perorando la causa in un incontro al ministero del Lavoro. Inutilmente.

Nella notte tra venerdì 15 e sabato 16, quando sembrava che l’accordo tra Lega e M5S sul punto potesse reggere, i cinquestelle hanno opposto il loro no e a notte fonda l’emendamento è scomparso.

Non è ancora detta l’ultima parola, perchè tecnicamente la norma potrebbe rientrare nel Decretone durante la discussione in aula, prevista la prossima settimana prima dell’approvazione di Montecitorio e del ritorno al Senato per l’approvazione entro il 29 marzo. E’ chiaro che a questo punto si possa solo fare un atto di fede.

In ogni caso, dovremo attendere solo una decina di giorni o anche meno per sapere come andrà a finire. Non sarà così facile e immediato invece capire quali saranno le ripercussioni pratiche per l’istituto, sempre più alle prese con le proprie difficoltà strutturali che porteranno a sforare il prossimo bilancio di un paio di centinaio di milioni.

Difficile fare previsioni, naturalmente. Diciamo che sono al momento confermate le analisi pluriennali dei consiglieri di Inpgi Futuro e di Puntoeacapo. Per ora fermiamoci alla cronaca dei fatti e magari incrociamo le dita per sperare nel colpo di scena finale positivo.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


14 − tredici =