INPGI, PERCHÉ LA PARTITA POLITICA RIGUARDA ANCHE I GIORNALISTI ITALIANI

di Carlo Chianura – Portavoce di Puntoeacapo

Alcuni lettori ci chiedono quali ripercussioni potrebbero esserci per l’Inpgi da una ancora eventuale sfiducia al governo Conte e da una conseguente crisi di governo se non da un voto anticipato.

E’ una domanda legittima, considerando che l’emendamento al Decreto Crescita approvato a fine giugno ha fornito una road map precisa sui passi che l’istituto di previdenza dei giornalisti deve compiere per arrivare a un risanamento dei propri conti.

Come è noto, ogni ipotesi di commissariamento è stata sospesa fino al prossimo 31 ottobre. L’Inpgi ha inoltre tempo fino al 30 giugno 2020 per approvare una riforma che, chiede la legge, contragga le spese e incrementi le entrate. A partire dal 30 dicembre dello stesso anno il Parlamento ha impegnato il governo a prevedere soluzioni alternative, che potrebbero/dovrebbero consistere in un allargamento della platea contributiva: la famosa opzione comunicatori.

Che cosa accadrebbe nel caso in cui il governo Conte cadesse e si arrivasse a una ipotesi di governo alternativo (anche come maggioranza) o addirittura a elezioni anticipate?

La risposta è: nulla, se il riferimento è il quadro normativo prima illustrato. In realtà le conseguenze negative potrebbero arrivare per l’Inpgi su una ipotesi alternativa alla quale l’istituto tiene molto. Ci spieghiamo. Lo Stato, nello stesso Decreto, si è impegnato a “mettere a monte” dal 2023 una somma di denaro equivalente ai contributi che sarebbero tolti all’Inps nel caso in cui i comunicatori entrassero nel recinto contributivo Inpgi.

E’ opinione comune che interesse dell’istituto sarebbe quello di avvicinare quanto più possibile questo termine temporale. Una manovra di questo tipo potrebbe riuscire solo inserendo una modifica al Decreto, per esempio nella prossima Legge di bilancio.

E’ chiaro che, se dovessero cambiare radicalmente gli interlocutori, in questa o in una eventuale nuova legislatura, la questione si potrebbe complicare. Paradossalmente, un governo Pd-Cinquestelle potrebbe mandare a monte un lavoro cominciato da alcuni anni, se per esempio la responsabilità della materia passasse a una formazione come il M5S che detesta il giornalismo tradizionale e vaticina l’avvento di una èra in cui non dovrebbe esistere alcun filtro tra governanti e governati.

Al netto delle convinzioni di ciascuno, la partita politica sarà molto interessante anche per i giornalisti.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quattordici + sei =