GIORNALISMO, TRA VECCHIO E NUOVO GOVERNO, IN ATTESA DI UNA DISCONTINUITÀ POSITIVA

Andrea Martella, Pd, al posto di Vito Crimi nello strategico posto di sottosegretario alla Presidenza con delega all’Editoria. Laura Castelli, M5S, confermata viceministro dell’Economia. Francesca Puglisi, Pd, o Stanislao Di Piazza, M5S, sottosegretari al Lavoro con delega sugli enti di previdenza.

Non si può dire che, almeno sui nomi, non ci sia discontinuità sugli incarichi di sottosegretari e viceministri che avranno competenza sulle partite di vita e di morte che riguardano il giornalismo.

Auguriamoci sia terminata per esempio la stagione del fuoco ad alzo zero contro il giornalismo professionistico che ha caratterizzato anche per spirito identitario e fondativo del M5S la parentesi Crimi. Auguriamoci però che Martella questa discontinuità la segni anche rispetto ai suoi predecessori democratici che tanti favori hanno fatto nell’ultima legislatura e anche prima agli editori in termini di provvidenze e di prepensionamenti.

Se la viceministra Castelli è chiamata a confermare un atteggiamento quantomeno non ostile, gli interrogativi riguardano chi tra la Puglisi e Di Piazza avrà competenza sull’Inpgi, atteso nei prossimi mesi da una difficile riforma e da tanti interrogativi che riguardano la propria sopravvivenza.

Capiremo presto se la musica è cambiata in bene o in male…

1 Commento "GIORNALISMO, TRA VECCHIO E NUOVO GOVERNO, IN ATTESA DI UNA DISCONTINUITÀ POSITIVA"

  1. Giuseppe Cipriani | 17 Settembre 2019 ore 19:56 | Rispondi

    Ma quale difficile riforma? Già siamo come l’Inps, vogliamo fare peggio? Mi auguro che chi decide decida sotto stretto controllo di tutti i consiglieri…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


5 × 4 =