INPGI, DAL 2020 SOSPESI I PRESTITI AGLI ISCRITTI PER RECUPERARE LIQUIDITÀ

di Paola Cascella *

Via Nizza stringe ancora i cordoni della borsa. Sotto il peso di un profondo rosso che rende indispensabile una sempre maggiore liquidità per poter pagare le prestazioni dei giornalisti, l’Istituto sospende i prestiti. Lo ha deciso mercoledì col voto unanime del Consiglio di amministrazione.

Il provvedimento scatterà a partire dal gennaio dell’anno prossimo e soltanto nei confronti degli iscritti a Inpgi 1 e dei dipendenti dell’ente. L’erogazione delle somme continuerà per la restante parte del 2019 e nei limiti dello stanziamento che era stato previsto nel piano di impiego dei fondi per l’anno in corso. I colleghi iscritti esclusivamente alla Gestione separata, che gode di bilanci in attivo, potranno invece continuare a usufruire della prestazione che per loro è stata anzi innalzata da 150.000 a 500.000 euro.

E’ dal 2015 che Inpgi, pur non rinunciandovi completamente, tiene sotto attento controllo il capitolo prestiti, tanto da aver ridotto lo stanziamento annuale a un massimo di cinque milioni di euro. Nel 2020 la sospensione che rientra in una politica non tanto di risparmio, quanto di complessiva ricerca di liquidità, come dimostra il ricorso a frequenti procedure di disinvestimento.

Inpgi Futuro ha motivato il proprio voto favorevole con le ragioni di necessità. “Votiamo sì con molta difficoltà”, ha affermato nella sua dichiarazione di voto Carlo Chianura, consigliere di amministrazione per Inpgi Futuro, “anche perché sembra che questa misura di welfare sia considerata in ambito istituzionale e politico come un privilegio inaccettabile, e dunque uno scalpo da esigere, nonostante gli interessanti tassi di interesse che i prestiti fruttano. Per questo consideriamo questa solo come una sospensione e non come una eliminazione della misura”.

In questa stessa ottica continua a restare in una sorta di limbo il finanziamento di 14 milioni di euro per l’ex fissa già deliberato diversi mesi fa dallo stesso Cda dell’Istituto. Un finanziamento bloccato a suo tempo dai ministeri vigilanti anche se particolarmente vantaggioso visto che godrebbe di un tasso di interesse netto del 4,60 per cento a carico della Federazione degli editori.

* Cda Inpgi per Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


uno × due =