INPGI 2, OK DEI MINISTERI LE NORME SUL WELFARE. C’È ANCHE LA DIS-COLL

Dopo circa due anni e dopo un palleggiamento che sembrava infinito, i ministeri vigilanti hanno approvato il nuovo Regolamento dell’Inpgi 2. I provvedimenti, adottati dal Comitato amministratore della Gestione separata, introducono importanti novità sia sul fronte delle prestazioni previdenziali che su quello delle scadenze in base alle quali assolvere gli adempimenti da parte degli iscritti.

Le modifiche sono state ispirate in particolare dall’esigenza di incrementare l’importo delle future pensioni, attraverso un duplice meccanismo che agisce in parte sull’aumento contributivo e in parte sulla destinazione, sulla posizione previdenziale di ciascun iscritto, di una quota rilevante dei rendimenti del patrimonio della Gestione.

Importanti novità consistono anche nell’aver previsto, tra l’altro, l’erogazione di una indennità di disoccupazione e una tutela infortunistica per i co.co.co. e un allargamento delle tutele per la maternità e per i congedi parentali, estesi anche ai liberi professionisti.

Soddisfazione viene espressa dalla presidente Marina Macelloni.

“Si tratta di norme che rendono giustizia a decine di migliaia di collaboratori”, commenta Carlo Chianura, consigliere di amministrazione dell’Inpgi per Inpgi Futuro: “si dà finalmente parità di accesso alle prestazioni rispetto al sistema generale Inps. Nel frattempo, non avendo potuto incassare i maggiori contributi da destinare al welfare generale e alle casse dell’istituto, l’Inpgi non ha riscosso importanti risorse e soprattutto i collaboratori non hanno potuto beneficiare per lungo tempo di queste misure”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


undici + tre =