INPGI, IL TAR DEL LAZIO SULLE DISMISSIONI: SÌ ALLA TRASPARENZA DEGLI ATTI

di Alessandra Spitz *

Importante sentenza del Tar del Lazio che – con la decisione dell’11 Ottobre scorso (11793/2019) – ha accolto la richiesta presentata da alcuni giornalisti riuniti nel Comitato inquilini dell’Inpgi di poter accedere agli atti relativi all’operazione di dismissioni degli immobili dell’Istituto di previdenza dei giornalisti italiani.

In particolare, si tratta dei documenti inerenti l’istituzione del Fondo dell’Inpgi Giovanni Amendola, l’affidamento della gestione del Fondo alla società InvestiRE SGR, le carte relative all’apporto degli immobili nel Fondo Amendola e le modalità di elaborazione dei pareri dell’esperto indipendente.

Il Tar del Lazio con la sentenza ha ribadito che “la gestione dei fondi e del patrimonio dell’ente previdenziale costituisce senz’altro un’attività di pubblico interesse (sentenza del Consiglio di Stato 696/2016) così come la perizia dell’esperto non può tradursi in un rapporto meramente privatistico, ma ha indubbia connotazione pubblicistica, perché la redazione della perizia influisce sull’operazione di acquisto del bene”.

I giudici amministrativi hanno inoltre ribadito la validità di un’altra sentenza del Consiglio di Stato (la numero 7 del 2012) in cui si stabilisce che “il generico interesse di un associato alla prudente e corretta amministrazione dell’Ente assume un connotato di palpabile concretezza in relazione alle criticita’ collegabili ad una perdita finanziaria, specie se ingente”.

Sulle operazioni di dismissioni dell’Inpgi sono sorte negli ultimi anni molte polemiche, espresse anche in sede di Cda e Consiglio generale dell’ente dagli esponenti di Inpgi Futuro, soprattutto per quanto riguarda l’aspetto della congruità dei valori attribuiti agli immobili dall’esperto indipendente.

Con questa sentenza il Tar afferma, in pratica che, quando è in gioco, il futuro del proprio trattamento pensionistico, tutti gli iscritti all’Inpgi hanno il diritto di accedere a ogni informazione significativa della gestione da parte dell’Inpgi per verificarne la prudente e corretta amminstrazione.

In altre parole, l’Inpgi deve adottare trasparenza totale sui propri atti e documenti e ciascun giornalista iscritto all’Istituto ha diritto di accedere agli atti anche se, afferma il Tar, “l’esistenza di una perdita finanziaria sia ancora tutta da dimostrare, se del caso, in sede giudiziale”.

* Consigliera generale per Inpgi Futuro, Comitato di gestione del Fondo Amendola

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quindici + 3 =