INPGI, COMUNICATORI IN RIVOLTA. PUNTOEACAPO: VALUTARE UNA GIUSTA RAPPRESENTANZA

Giornalisti privilegiati e conti poco trasparenti: i comunicatori salgono sulla barricata contro l’ingresso in Inpgi.

A cinque mesi dalla legge che prevede il loro passaggio dall’Inps alla cassa di previdenza dei giornalisti a partire dal 2023, rivolgono un appello alle istituzioni “per essere ascoltati” e per aprire un tavolo tecnico “per la gestione dei criteri economici di fattibilità di un’operazione che, per come è stata condotta fino ad ora, punta a confermare – scrivono – privilegi immotivati di una categoria, quella dei giornalisti/informatori in forte crisi occupazionale”.

Nel documento, firmato da sette associazioni (ASCAI, CIDA, COM&TEC, CONFASSOCIAZIONI, FERPI, IAA, UNA), si dicono pronti a collaborare sul piano professionale, malgrado “le differenze strutturali di vocazione e di missione che distinguono gli informatori dai comunicatori”. Mondi paralleli, ma molto diversi. “Confonderli – sostengono fin dal titolo del comunicato – minerebbe le basi del nostro sistema democratico, peggio ancora se per interessi corporativi “.

Non solo. Lamentano anche di non essere mai stati coinvolti nella discussione durata oltre un anno, come ricordato dalla presidente Inpgi Marina Macelloni, che ha portato alla legge che prevede l’entrata dei comunicatori nella platea contributiva di Inpgi. Una legge che accanto a questa misura chiede a via Nizza un taglio dei costi di gestione e una riforma del sistema previdenziale. Ma, secondo i comunicatori, allo stato attuale, nessun taglio e nessuna riforma sarebbe neppure stata ipotizzata dall’Istituto.

In chiusura del comunicato l’affondo più duro: oggi come oggi “Inpgi non reggerebbe neppure se fosse coinvolto un esercito di comunicatori. Si intende privare l’Inps di 20-30.000 contribuenti per conferirli a una cassa privata in dissesto finanziario. Le criticità dell’Istituto, ammesse pubblicamente anche dai vertici della cassa, non possono essere risolte obbligando migliaia di soggetti a cambiare ente previdenziale (…). E quella che oggi viene proposta come soluzione irrinunciabile per l’Inpgi, sarebbe non solo manifestamente inefficace, ma avrebbe ricadute disastrose sul mercato della comunicazione, sull’Inps e sul futuro previdenziale di centinaia di migliaia di professionisti, giornalisti compresi”.

La posizione di Puntoeacapo

“Bisogna accogliere e ascoltare con molto rispetto le ragioni espresse dalle associazioni dei comunicatori”, afferma il consigliere di amministrazione di Inpgi Futuro Carlo Chianura, portavoce di Puntoeacapo. “Sembra tuttavia sfuggire all’analisi un dato di realtà, costituito dalla esistenza di una decisione del Parlamento che dispone – per ora a partire dal 2023 – l’ingresso dei comunicatori nell’istituto di previdenza dei giornalisti”. E’ necessario, conclude Chianura, “valutare a tempo debito l’opportunità di garantire una giusta rappresentanza e una collocazione istituzionale adeguata a una professione che i fatti indicano come parallela alla evoluzione del lavoro giornalistico”.

(p.c.)

2 Commenti "INPGI, COMUNICATORI IN RIVOLTA. PUNTOEACAPO: VALUTARE UNA GIUSTA RAPPRESENTANZA"

  1. Gian Franco Fabi | 7 Novembre 2019 ore 11:53 | Rispondi

    Se vogliamo stare al dato di realtà il decreto cosiddetto “salva-INPGI” non parla di comunicatori, ma di “ampliamento della platea contributiva dell’INPGI” con “l’eventuale passaggio di soggetti assicurati dall’INPS all’INPGI”. Nessuno ha ancora spiegato quale dovrebbe essere la figura giuridica professionale di questi “soggetti”, tale da obbligarli a passare all’Inpgi.

    • Carlo Chianura | 7 Novembre 2019 ore 15:31 | Rispondi

      E’ indubbio che i comunicatori non sono citati espressamente nella legge. Sa come noi però che a loro la legge si riferisce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


2 + 1 =