GIORNALISMO, COSÌ I NUOVI APPRENDISTI STREGONI MINACCIANO ANCORA LA PROFESSIONE

di Carlo Chianura – Portavoce di Puntoeacapo

Eravamo stati davvero facili profeti in settembre quando avevamo paventato nuove disastrose politiche del governo contro il giornalismo e contro l’intero sistema del welfare.

La conferma arriva dall’emendamento presentato in Legge di bilancio (vedere a pagina 24 l’articolo 58 bis) dal sottosegretario all’Editoria Andrea Martella, nel quale si prevede la riapertura della stagione di caccia degli editori ai giornalisti in attività

Detto in due parole, decine, forse centinaia di nuovi prepensionamenti nei prossimi anni, depauperamento delle casse Inpgi per il crollo della contribuzione. In più, l’incentivo ad assumere in giornali, radio e tv anche nuove figure, attualmente assicurate presso l’Inps. Cornuti e mazziati, insomma.

E’ ora che i giornalisti rialzino la testa e tornino a interessarsi del futuro previdenziale della professione. E’ ora che le istituzioni e i rappresentanti dei giornalisti facciano capire ai nuovi apprendisti stregoni che con questi provvedimenti si impoverisce non solo una categoria ma anche il livello della vita democratica del Paese.

E’ indispensabile che le Camere non approvino questa nuova deregulation ideata ancora una volta da un sottosegretario Pd, ricompensato da ampie e elegiache interviste sui giornali di lorsignori.

2 Commenti "GIORNALISMO, COSÌ I NUOVI APPRENDISTI STREGONI MINACCIANO ANCORA LA PROFESSIONE"

  1. La crisi dell’editoria non l’ha inventata nessun sottosegretario rosso, giallo o verde che sia. Prendiamone atto. Salviamo dignità della professione e sostenibilità delle pensioni, dei giovani e dei vecchi.

  2. Gianfranco, non ci sono mai stati così tanti giornalisti attivi come adesso in Italia. Gli è che sono arruolati, spesso molto controvoglia, fra i lavoratori autonomi anziché venire assunti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*