PRECARIATO, UNA FREELANCE DEL MAGGIORE QUOTIDIANO RACCONTA CHE COSA SIAMO DIVENTATI

di Stefania Conti

La giornalista freelance Barbara D’Amico con un post su Facebook annuncia che interromperà la sua collaborazione con il Corriere della Sera. Il testo è pacato, ma il contenuto è tritolo. I motivi sono due.

Il primo: i compensi lordi per gli articoli online “sono stati arbitrariamente abbassati, stavolta del 25% (la prima volta fu del 50%: da 40 euro lordi a 20 euro lordi ora siamo a 15 euro lordi)”. Arbitrariamente, ci tiene a spiegare, perché non le è stato comunicato niente. Lo ha appreso dalla cosiddetta “busta paga”. Chiaro: il padrone decide e non si vede perché debba comunicarlo al servo. Lo saprà quando sarà il caso che lo sappia.

Così è oggi il lavoro giornalistico. Quella che dalla “gente” comune viene recepita come una casta (con il poderoso aiuto di politici demagoghi cui non pare vero di buttarci addosso tutto il fango che possono), è una categoria in maggioranza fatta da persone come Barbara D’Amico. Lavora e zitta.

Certo, c’è la crisi, il calo delle vendite e della pubblicità, i giornali non vendono più. Ma c’è anche una responsabilità precisa ed esplosiva di un sindacato – la FNSI – che non solo non difende chi dovrebbe rappresentare, ma in passato ha tollerato (se non aiutato) il peggioramento della situazione dei giornalisti.

Nel 2014 una legge approvata dal Parlamento demanda all’Ordine dei giornalisti e al sindacato di formare una commissione per definire un compenso accettabile per i collaboratori. Messasi al lavoro con molta, mooolta calma, la commissione partorisce una tabella per l’ “equo compenso” di 1800 euro lordi per 144 articoli e altri 1800 per i successivi 144 in un anno. Interpretata con solerzia dagli editori. Per esempio due giornali del gruppo Finegil, Piccolo e Messaggero Veneto, stabilisce che oltre i 288, ogni articolo in più venga pagato 10 – DIECI – euro mensili, 120 euro all’anno forfettariamente. Altri quotidiani fanno anche peggio.

Una tabella deflagrante che in sostanza sancisce che il giornalismo è un mestiere che si fa per hobby o perché si è ricchi di famiglia.

Ma la FNSI – allora segretario Franco Siddi e presidente Roberto Natale – tace. Il presidente dell’Ordine – allora Enzo Iacopino – no. E fa ricorso al Tar, che gli dà ragione. Stessa cosa dal Consiglio di Stato (chiamato in causa dal governo). Anzi, il Consiglio di Stato nella sua sentenza dice a chiare lettere che questa tabella viola la costituzione e aumenta il potere degli editori. Nessun giornale, né cartaceo, né sul web, ne parla. NESSUNO.

E qui veniamo al secondo punto sollevato dalla collega. Il silenzio. “Non deve essere un tabù comunicare in modo chiaro ai collaboratori che non c’è budget sufficiente, che non ha senso continuare”, scrive D’Amico. “Non si tratta dei 5 euro in più o in meno, ma della fiducia di chi collabora. Poi ognuno, sapendo come stanno le cose, può decidere se lavorare quasi gratis oppure no”. Appunto.

La richiesta è di essere considerati interlocutori, non schiavi. D’Amico scrive ancora: “Penso che la responsabilità di questo stato di cose non sia solo “degli altri” né dei piani alti: è anche e soprattutto di chi non denuncia, e quindi mia in qualità di freelance. Avete capito bene. E’ mia corresponsabilità perché nel momento in cui accetto certe condizioni poi diventa difficile chiedere cose come maggior trasparenza, chiarezza, tempestività”.

Ma il resto della categoria la pensa così? Quante cose, oggi, vengono accettate anche dai cosiddetti garantiti? Ritmi di lavoro insostenibili che portano, come è successo, a esaurimenti nervosi fino a gesti estremi, silenzio di fronte agli ordini di scuderia, individualismo del si salvi chi può. L’etica della solidarietà e dell’azione collettiva, oggi sembrano concetti lunari. La legge che nel 1963 ha istituito l’Ordine ha definito il giornale come un’opera collettiva. Siamo sicuri che lo sia ancora?

In attesa di un sospiro dal Cdr del Corriere della Sera, si è espresso Pieluigi Battista, editorialista del medesimo quotidiano: “15 euro lordi a pezzo è moralmente inaccettabile. Editori e giornalisti garantiti e silenti dovrebbero vergognarsi. Io mi vergogno”.

E noi altri?

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


diciotto + diciassette =