CASAGIT, NASCE LA MUTUA APERTA ALLE ALTRE PROFESSIONI. UNA SFIDA PER IL FUTURO

Da associazione non riconosciuta a Società di Mutuo Soccorso: la riforma di Casagit è ufficialmente sancita. Lo ha deciso l’11 dicembre l’Assemblea nazionale dei delegati che ha approvato, con 70 voti favorevoli e un solo astenuto, lo Statuto, l’atto pubblico di trasformazione e il regolamento elettorale della nuova società.

Diciamo subito che per noi giornalisti nulla cambia in negativo: non cambiano i livelli contributivi, non cambia l’offerta delle prestazioni, non cambiano le modalità di utilizzo (rimborsi, autorizzazioni, Poliambulatorio), non cambiano i servizi garantiti dagli uffici delle Consulte, non cambia la gestione. Saremo sempre noi giornalisti a votare ed eleggere – ieri come domani – i colleghi cui affidare la conduzione politica e amministrativa della nostra Cassa. Insomma, nulla davvero cambia per i giornalisti.

Da gennaio 2020, però, quella che per 45 anni tutti conoscevano come “la Mutua dei giornalisti” diventa una “Mutua per tutti gli italiani” che vogliano servirsi di Casagit per garantirsi una adeguata e conveniente copertura sanitaria. La Cassa dei giornalisti, infatti, si trasforma e guarda al mercato, presentandosi ora come “Società Nazionale di Mutuo Soccorso Casagit Salute”.

Questo permetterà di offrire l’assistenza sanitaria anche oltre il recinto della nostra categoria, aprendo le adesioni alla Cassa a gruppi di professionisti (Ordini o associazioni professionali), dipendenti di aziende, ma anche singoli individui che aderiscano a titolo personale. La trasformazione avrà efficacia giuridica a partire dal 1. gennaio 2020, e la Mutua Casagit Salute potrà stipulare convenzioni con altri fondi, mutue e casse. I primi sei mesi del 2020 serviranno per adeguare regolamenti e piani sanitari alle nuove esigenze e prospettive: la nuova Casagit andrà a pieno regime a partire da luglio.

La ragione di questa trasformazione è evidente: i giornalisti sono sempre di meno (e purtroppo anche sempre meno pagati) e quindi è necessario provvedere ad allargare la platea che sostiene Casagit, aprendola ad altre professioni, per adesioni individuali o collettive (Fondi, aziende). Ma è proprio questa apertura a rappresentare ora la madre di tutti i problemi: Casagit ha aperto il negozio, ha anche buona merce da offrire, ma tutto rischia di essere inutile senza una adeguata campagna di presentazione, alla ricerca della possibile clientela. Appare questo, ora, l’impegno più rilevante e pressante che la dirigenza Casagit è chiamata ad assolvere: è qui che si giocano davvero le sorti future nella nostra Cassa.

(m.ant.)

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


uno + 7 =