CASAGIT, PASSI IN AVANTI BIPARTISAN SU PARITÀ DI GENERE E MAGGIORE DEMOCRAZIA

di Mario Antolini *

Alcune noterelle politiche sul nuovo Statuto della Casagit.

La stesura del nuovo Statuto e del nuovo Regolamento è stata particolarmente laboriosa. L’attenzione e l’impegno di Casagit Per Te (la componente espressione di Puntoeacapo, assolutamente maggioritaria nel Lazio) in accordo con la squadra milanese guidata dal fiduciario Costantino Muscau (largamente maggioritaria in Lombardia) e con il sostegno personale di alcuni colleghi di altre delegazioni regionali, hanno ottenuto che i principi basilari di garanzia democratica trovassero esplicito e puntale riconoscimento tra le nuove regole.

In particolare, grazie alle nostre pressioni, il Fiduciario regionale continuerà ad essere eletto dai giornalisti della sua Regione: la prima stesura dello Statuto, infatti, prevedeva una nomina dall’alto (cioè direttamente dal Consiglio di amministrazione) e solo dopo le nostre argomentate contestazioni si è concordata e approvata una formulazione che vede il Fiduciario nominato sì dal Cda ma su “designazione vincolante” della Consulta di appartenenza: insomma, i giornalisti continueranno scegliersi il loro Fiduciario.

Altro tema di frizione, il diritto a chiedere il voto segreto in Assemblea, che la versione dello Statuto approvata dal Cda semplicemente ignorava: anche qui una serrata trattativa ha portato a una soluzione soddisfacente, e cioè che il voto segreto (una garanzia sui temi di opinione o di coscienza per le minoranze, anche e soprattutto quando trasversali agli schieramenti ufficiali) potrà essere chiesto in Assemblea da almeno un quarto dei delegati presenti; ovviamente il voto segreto (sempre obbligatorio sulle persone) non sarà ammissibile sulle materie economiche.

Ancora. Due emendamenti – votati bipartisan in Assemblea, dopo un costruttivo confronto – hanno il primo tutelato una esigenza politica e il secondo fissato il formale riconoscimento di un principio di civiltà. Il primo (presentato da me, ma sostenuto da firme bipartisan) recupera infatti ai delegati uno spazio di azione politica ammettendo la possibilità di presentare e far votare in Assemblea anche mozioni di indirizzo su questioni di interesse generale.

La stesura originaria dello Statuto limitava invece le deliberazioni dall’Assemblea ai soli punti indicati nell’Ordine del giorno, di fatto bloccando ogni possibilità di sottoporre all’attenzione anche temi sentiti importanti da settori dei delegati, ma ignorati da chi abbia la responsabilità di stendere l’ordine ndel giorno.

Il secondo emendamento (presentato da Alessia Schiaffini, in evidente risposta all’argomentato intervento dalla tribuna di Rossella Lama, anche questo sostenuto da firme bipartisan) dà una prima soluzione alla annosa, in Casagit, controversia sul tema di genere.

L’emendamento approvato stabilisce che negli organi eletti dall’Assemblea i due generi debbano essere entrambi rappresentati e che, di conseguenza, sono nulle le schede elettorali che – esprimendo due o più preferenze – non rispettino quell’obbligo. Diciamo che non è molto, ma non si poteva fare di più: in ogni caso, per la prima volta uno Statuto Casagit riconosce formalmente l’esistenza di un tema – la questione di genere – e la opportunità politica, sociale e civile di affrontarlo.

* Vice-portavoce aggiunto di Puntoeacapo, Fiduciario Casagit per il Lazio

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


cinque × cinque =