INPGI, PUNTOEACAPO IN PIAZZA PER SENSO DI RESPONSABILITÀ A DIFESA DELLA PREVIDENZA

di Paola Cascella *

Anche Puntoeacapo è scesa in piazza per ricordare alla politica che Inpgi è la casa comune di tutti i giornalisti, un bene che va salvaguardato con l’obiettivo di garantire libertà e democrazia ai cittadini e all’informazione che questi hanno il diritto di ricevere.

Un atto di responsabilità, l’ennesimo, da parte di una associazione come la nostra che – prima in Italia – da quasi vent’anni segnala il degrado e la perdita dei diritti da parte della professione, oltre che le ripercussioni sugli enti e sulle istituzioni della categoria.

Alla manifestazione, indetta dalla Fnsi davanti al Pantheon, hanno partecipato mercoledì 18 dicembre parlamentari, rappresentanti di altre Casse previdenziali, dell’Ordine e di Casagit, dipendenti Inpgi e un folto gruppo di colleghi preoccupati per le notizie degli ultimi giorni, un pacchetto di misure contenute nella legge di manovra 2019 che – ben lungi dall’aiutare la cassa dei giornalisti – rappresenta, ha detto la presidente dell’Inpgi Marina Macelloni “un attacco alla professione” e un pesante aggravio per i conti di via Nizza.

Grazie al nuovo, ennesimo sblocco dei prepensionamenti, nel 2020 usciranno dalle redazioni 120 persone, con una perdita di contributi per l’Istituto di 4,5 milioni l’anno. Questi giornalisti verranno sostituiti con un rapporto due a uno, ma le società editoriali potranno assumere anche figure prive di status giornalistico, con competenze professionali utili “al progressivo rilancio, alla riconversione digitale e allo sviluppo delle aziende”. Questo prevede la legge appena passata in Senato.

In poche parole uno scardinamento delle basi della professione. Oltre a una incongruenza insuperabile, ha ricordato Macelloni. Da un lato si impone a Inpgi di tagliare le spese, dall’altro si comprimono le sue entrate attraverso il prepensionamento dei colleghi e la loro sostituzione con persone che versano contributi all’Inps. Per questo, appare difficile esprimere gratitudine, come ha fatto il segretario Fnsi Raffaele Lorusso, al sottosegretario all’Editoria Andrea Martella, pur meritevole per aver annunciato ieri di voler introdurre una norma nel decreto Milleproroghe che sposti al 30 giugno prossimo il termine dato all’Inpgi per trasmettere ai ministeri vigilanti l’esito di una riforma di tagli per porre sotto controllo i conti di via Nizza.

Per la cronaca, Martella ha affermato che il governo è pronto a inserire nel Decreto Milleproroghe che dovrebbe essere approvato nel prossimo Consiglio dei ministri, il provvedimento che escluderebbe il commissariamento dell’istituto fino al prossimo 30 giugno.Ö

Peraltro Lorusso si è detto pronto a proclamare uno sciopero generale in difesa del lavoro, ricordando che negli ultimi giorni è stato respinto un emendamento per abolire i contratti cococo. Lo scudo anticommissariamento è “una buona norma – ha commentato Macelloni – ma senza l’allargamento della platea degli iscritti non possiamo sostenere altri prepensionamenti”. L’assottigliarsi del bacino degli assicurati è un problema che riguarda anche altri enti previdenziali, ha ricordato Tiziana Stallone, presidente dell’Enpab, la Cassa dei biologi.

* Consigliera di amministrazione per Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


5 × 1 =