INPGI, NEL MILLEPROROGHE LA NORMA ANTI-COMMISSARIAMENTO FINO AL 30 GIUGNO 2020

Al termine di un Consiglio dei ministri durato sette ore è stato approvato “salvo intese” il decreto legge cosiddetto Milleproroghe che contiene una importante norma sull’Inpgi.

Il governo ha deciso che l’istituto di previdenza dei giornalisti non potrà essere commissariato almeno fino al 30 giugno 2020. Si tratta di un termine definito nel decreto “perentorio”, entro il quale l’ente dovrà produrre un bilancio attuariale che dimostri la sostenibilità della gestione futura.

Di fatto, l’Inpgi ha circa sei mesi di tempo per lavorare alle possibili modifiche delle prestazioni che incrementino le entrate e riducano le uscite. Ma soprattutto ha altro tempo per tentare di ottenere l’anticipo della misura che, allo stato delle cose, prevede solo dal 2023 l’allargamento del bacino contributivo ad altre figure professionali.

Tutto questo se il Parlamento approverà entro 60 giorni il decreto e se il “salvo intese” non riserverà sorprese.

Vedremo, come accade ormai da tempo si naviga a vista.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


19 − otto =