INPGI, CEDUTO A 29 MILIONI IL PALAZZO A LUNGOTEVERE DE’ CENCI CHE FU SEDE DELL’ODG

di Alessandra Spitz *

Pacco dono sotto l’albero di Natale per le esangui casse dell’Inpgi.

Pochi giorni fa la società InvestiRe ha firmato il preliminare di vendita dell’immobile, di proprietà del Fondo “Giovanni Amendola”, situato a Lungotevere de’ Cenci a Roma. L’immobile, dove anni fa si trovava la sede dell’Ordine dei giornalisti, è stato venduto per 29 milioni di euro in linea con la sua valutazione che è di 29,4 milioni di euro ed era sul mercato da circa due anni

Finora non aveva trovato acquirenti che offrissero un prezzo congruo, sia per la crisi del mercato terziario che ha subito la Capitale, sia per la sua situazione locativa. Circa il 40 per cento dell’edificio, di circa 4800 metri quadri commerciali, è infatti locato all’ospedale “Fatebenefratelli” con un contratto ancora in essere e di cui ora si farà carico l’acquirente che è la “Citizen M”, una catena alberghiera con sede nei Paesi Bassi.

I nuovi proprietari acquistano l’immobile nello stato di fatto, caricandosi così anche le spese di ristrutturazione che sarebbero state rilevanti e che altrimenti sarebbero potute gravare sul venditore.

Il rogito è previsto per i primi mesi del 2020.

Insomma, una bella boccata d’ossigeno per l’istituto di previdenza che aiuta anche il bilancio, finora in affanno, del processo di smobilizzo di una parte del patrimonio immobiliare dell’Inpgi.

Entro la fine di quest’anno sono previsti incassi complessivi dal piano di vendite per circa 280 milioni di euro che salirebbero a circa 320-330 entro il mese di aprile 2020, dopo tre anni esatti dall’avvio concreto del piano, quando cioè sono state poste in vendita le prime case.

Un bilancio che si avvicina all’obiettivo fissato nel business plan aggiornato ma che delude se confrontato con le previsioni iniziali che indicavano in 450-500 milioni di euro gli incassi previsti..

Il piano di vendite non ha avuto grande successo tra gli inquilini Inpgi, nonostante lo sconto del 25 per cento deciso dal Cda in loro favore. A fine ottobre scorso infatti, gli incassi previsti dalle vendite agli inquilini sono stati pari ad oltre 147 milioni di euro, superati da quelli delle vendite effettuate a terzi che hanno invece raggiunto circa 156 milioni di euro. Questi risultati sembrano dare ragione a ciò che ha sempre sostenuto Inpgi Futuro e cioè che in molti casi le valutazioni degli immobili erano superiori alle cifre di mercato del momento, tanto da vanificare in parte lo sconto concesso agli inquilini.

Ora, con la cessazione del blocco degli affitti, l’obiettivo da raggiungere è quello di portare il tasso di sfittanza a livelli fisiologici e, anche in questo caso, è necessario allineare il livello dei canoni alla realtà del mercato per non rischiare di avere troppi appartamenti che non forniscono reddito alcuno.

È un rischio che le casse dell’Inpgi non possono certo permettersi.

* Consigliera generale per Inpgi Futuro, comitato di gestione del Fonso Amendola

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


16 + otto =