INPGI FUTURO, LE NOSTRE 12 IDEE PER SALVARE LA PREVIDENZA DEI GIORNALISTI

Qui le biografie dei candidati

Qui il programma in brevissimo di Inpgi Futuro

Tutelare e rafforzare l’Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani è la sfida di INPGI FUTURO, la lista che concorrerà dal 10 al 16 febbraio 2020 alle prossime elezioni per il rinnovo degli organismi amministratori.

Ecco il programma elettorale della lista sostenuta da Puntoeacapo, che si presenta in cinque regioni per i giornalisti attivi di INPGI 1 e in tutta Italia per i pensionati, i sindaci e l’INPGI 2.

1 – AUTONOMIA DELL’INPGI DALLE PARTI SOCIALI

Fine del consociativismo con FIEG e FNSI, che ha affossato i conti dell’INPGI scaricando sull’Istituto i costi della crisi. Chiederemo con risolutezza una modifica dello statuto dell’INPGI che escluda le parti sociali dalla gestione dell’ente e punti a una dirigenza autonoma, responsabilizzata, nonché dall’alto profilo professionale. D’ora in avanti, qualunque decisione assunta dalle parti sociali che riguarda l’INPGI non potrà trovare applicazione se non sarà stata approvata anche dagli organi dirigenti dell’Istituto e non godrà di una copertura finanziaria certa.

2 – ALLARGARE LA BASE CONTRIBUTIVA, INCENTIVARE L’OCCUPAZIONE STABILE

Diamo atto che, anche in seguito alle sollecitazioni e al lavoro attivo di INPGI Futuro, con la legge n. 58 del 2019 è stato previsto l’allargamento della base contributiva dell’INPGI attraverso l’iscrizione obbligatoria della categoria dei comunicatori, pubblici e privati, a partire dal 2023. Questo però non è sufficiente. L’ingresso dei comunicatori nell’INPGI va almeno anticipato al 2021.

Dopo le manovre di tagli del 2015 e del 2016, ci si dovrà dedicare al risanamento dell’ente attraverso l’incremento dell’occupazione e delle entrate. È necessario, perciò, avviare un dialogo costruttivo con Governo e Parlamento per una profonda revisione della normativa sull’editoria e della legge 416/1981, con l’obiettivo della eliminazione dei prepensionamenti. In ogni caso, il costo integrale sopportato dall’INPGI, in particolare per la mancata contribuzione, andrebbe collocato a carico della fiscalità generale.

3 – NUOVE STRATEGIE PER ALLARGARE LA BASE CONTRIBUTIVA

Va creata una innovativa task force INPGI che affianchi il prezioso lavoro ispettivo, per informare con tutti gli strumenti comunicativi le aziende e i lavoratori che non versano all’Istituto e prevenire in questo modo l’evasione e l’omissione.

Va stipulato un nuovo protocollo d’intesa con l’INPS per il trasferimento automatico dei contributi di giornalisti che versano indebitamente all’Assicurazione Generale Obbligatoria.

Vanno altresì promossi incontri con le maggiori realtà datoriali (Confindustria, Confcommercio, Confesercenti, eccetera) per il trasferimento all’INPGI delle posizioni contributive di giornalisti impegnati negli uffici stampa e comunicazione.

Si rende necessaria la sottoscrizione di un rigoroso protocollo d’intesa fra l’INPGI e il rinnovato Ispettorato Nazionale del Lavoro, nonché l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, il Nucleo per la radiodiffusione e l’editoria della Guardia di finanza e il Nucleo ispettorato del lavoro dei Carabinieri, per l’intensificazione di specifici controlli finalizzati al contrasto al lavoro sommerso o irregolare in ambito giornalistico.

Inasprimento delle sanzioni civili, in base all’autonomia conferita all’INPGI dalla legge 140/1997, in materia di omissioni ed evasioni contributive, per quei datori di lavoro che dovessero mantenere in servizio con compiti di desk o responsabilità di settori informativi giornalisti pensionati già dipendenti o lavoratori in nero.

Lanciamo una proposta che può rivelarsi più semplice ed efficace dei tentativi di inseguire le grandi multinazionali del digitale con la web tax. Poiché è soprattutto attraverso gli smartphone che si condividono e si sfruttano in modo gratuito (e illecito) i contenuti dei mezzi d’informazione, proponiamo un “ticket” di 1 euro al mese su ogni smartphone, per restituire al settore dell’editoria quello che gli viene rubato con la lettura gratuita di massa. Ci sono in Italia circa 35 milioni di schede sim, si potrebbero quindi raccogliere 35 milioni di euro al mese, circa 400 milioni all’anno. La somma potrebbe essere destinata per un terzo all’Inpgi (circa 130 milioni all’anno), mentre i due terzi potrebbero essere ripartiti fra i gruppi editoriali, in proporzione ai lettori e alla diffusione, ma soprattutto alla applicazione corretta del contratto di lavoro.

Va infine previsto l’incremento dell’attività di recupero degli oneri previdenziali.

4 – STOP AI PREPENSIONAMENTI SELVAGGI

I prepensionamenti, ormai più di 1.100 prima della nuova ondata prevista dalla legge di Bilancio per il 2020, sono una mazzata per i conti dell’Istituto perché fanno perdere entrate contributive nel momento di maggior maturità professionale e retributiva dei giornalisti.

Andrebbe introdotto l’obbligo di sostituire ogni prepensionamento con almeno una nuova assunzione, con contratto di lavoro giornalistico a tempo indeterminato, in modo da creare nuova occupazione e assicurare nuova contribuzione all’INPGI. Ma anche i pensionamenti ordinari andrebbero rimpiazzati da nuove assunzioni.

L’INPGI dovrebbe ricevere il rimborso dallo Stato delle somme pregresse spese per ammortizzatori sociali (cassa integrazione guadagni, solidarietà, disoccupazione, eccetera): soltanto negli ultimi dieci anni (2010-2019) sono stati spesi 250,7 milioni.

Inoltre, dovrà essere creato un inedito Fondo per l’Editoria o un Fondo Nazionale per i Diritti d’Autore, in cui confluiscano le royalties mai pagate dai grandi motori di ricerca Internet, che rilanciano i contenuti giornalistici altrui. Una parte di tale quota dovrà finanziare direttamente l’INPGI, che la utilizzerà per iniziative di sostegno e rilancio dell’occupazione stabile.

5 – LOTTA AL PRECARIATO, PER UN COMPENSO EQUO

Per i giovani che accedono alla professione è necessario ripristinare un meccanismo che riduca il precariato. Una soluzione potrebbe essere simile a quella che disciplinava una volta i contratti di formazione: almeno il 50 per cento degli accordi di lavoro stipulati (di 18 mesi) dovevano essere poi trasformati in contratti a tempo indeterminato, pena l’impossibilità di accedere a ulteriori rapporti di lavoro o ad altri contratti di collaborazione.

In collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti, non soltanto dovranno essere riportate nell’alveo dell’INPGI tutte quelle figure (si veda il contenzioso con la RAI o il caso degli atleti-commentatori sportivi) che nei fatti svolgono lavoro giornalistico, ma anche gli uffici stampa pubblici e privati, per i cui giornalisti non c’è versamento di contributi all’INPGI e neanche contratti da professionisti.

Inoltre, andranno compiuti controlli stringenti sulle forme di finanziamento presenti in bilancio a favore delle imprese editoriali e previste maggiori tutele per l’Istituto in caso di insolvenza degli editori o altri datori di lavoro pubblici e privati.

6 – DIFESA DELLE PENSIONI, L’INDEBITO PRELIEVO FORZOSO

INPGI Futuro è da sempre contraria all’applicazione di “contributi di solidarietà” sulle pensioni – in realtà prelievi forzosi che di fatto minano il principio della intangibilità delle pensioni in essere – e ha votato contro le delibere del Consiglio d’Amministrazione, nel luglio 2015 e quindi nel settembre 2016, quando tale contributo è stato approvato.

Nel contenzioso promosso dal Comitato No Prelievo, sostenuto da INPGI Futuro, il Consiglio di Stato, pur riconoscendo legittimo il contributo triennale (che scade a fine febbraio 2020), ha stabilito che tale contributo non è ripetibile. INPGI Futuro tuttavia non esclude ulteriori iniziative riparative del verdetto negativo del Consiglio di Stato.

Riteniamo però sia utile prevedere meccanismi di solidarietà volontari da parte di quei pensionati che riterranno di aderire.

Avvio di un confronto con Governo e Parlamento per ristabilire un giusto livello di perequazione di tutte le pensioni. Rivedere al rialzo, se possibile, il limite di cumulo per i pensionati, a condizione di garantire la sostenibilità dei conti e un equo patto generazionale.

La difesa delle pensioni, anche di chi sta ancora versando i contributi, passa anche per una sostenibilità dell’Istituto nel medio e lungo periodo. Oggi l’INPGI 1 è in fortissimo squilibrio economico-finanziario. Nel 2020 è prevista una perdita di gestione di -189 milioni, mentre per il decimo anno consecutivo la gestione è in perdita e si assottiglia il patrimonio. Ogni anno è più grave del precedente. Si è partiti dai -1,3 milioni del 2011, ma chi governava fece finta di nulla, tanto che le prime correzioni furono adottate con anni di ritardo.

Andranno dunque ponderati nuovi interventi, se le misure già previste – ultima, l’allargamento ai comunicatori – non dovessero essere sufficienti. Una prima direzione è allineare le prestazioni INPGI a quelle dell’INPS, laddove ancora divergenti.

7 – DIFENDERE L’AUTONOMIA, MA NON CI SONO TABÙ

L’INPGI ha una storia di autonomia quasi centenaria. Non è un caso. La previdenza è uno dei pilastri dell’autonomia di una professione che vede esposti i giornalisti, oltre ai normali rischi inerenti il rapporto di lavoro, anche all’alea delle vicende politiche. Potere stabilire regole previdenziali autonome è stato visto storicamente dal Parlamento come uno strumento per difendere una professione diversa da tutte le altre e, in definitiva, la libertà d’informazione.

Non possiamo tuttavia nasconderci il fatto che è in atto, da un decennio, una crisi strutturale senza precedenti e che è indispensabile garantire i diritti acquisiti dagli iscritti.

Né va nascosto che l’operazione comunicatori, anche qualora andasse in porto a partire dal 2021, potrebbe non risolvere subito questi problemi strutturali, soprattutto a causa dei tempi necessari per il completo travaso dei contributi dei comunicatori dall’INPS all’INPGI.

L’autonomia non è dunque un totem, così come non può essere un tabù l’argomento del passaggio degli iscritti all’INPS in caso di default dell’Istituto. INPGI Futuro si impegnerà affinché, anche in caso di passaggio della previdenza dei giornalisti all’INPS, la categoria, retta da un Ordine professionale in ragione della sua natura altamente intellettuale, mantenga voce in capitolo nella gestione dell’erogazione delle pensioni e nella raccolta dei contributi assicurativi.

Bisogna però parlare chiaro agli iscritti sui rischi di incidere sulle pensioni in essere e su quelle future: questo pericolo esiste, anche se va detto che in passato le ripercussioni sugli assegni pensionistici non sono state drammatiche. Vedi i casi INPDAI e Fondo Elettrici.

8 – RIDURRE LE SPESE E GLI EMOLUMENTI

Adozione di una più incisiva revisione di spesa all’interno dell’Istituto con lo snellimento del Consiglio Generale, un riequilibrio di genere e la razionalizzazione degli uffici. Vanno inoltre seriamente riconsiderati i compensi del presidente, del vicepresidente, del Cda, del Collegio dei Sindaci e dei fiduciari regionali. Questi ultimi rappresentano una clamorosa anomalia: oggi gli incaricati di Roma e Milano ricevono circa 17.000 euro annui esentasse a titolo di rimborso spese, più di un consigliere di amministrazione o di un sindaco, che hanno ben altre responsabilità: questo compenso dovrà essere parametrato a quello dei fiduciari CASAGIT, il cui tetto massimo non supera i 5 mila euro lordi annui.

Equiparazione dei componenti del Comitato Amministratore dell’INPGI 2 ai componenti del Cda del Fondo di Previdenza Complementare (gettone di presenza di circa 250 euro): oggi i compensi di INPGI 2 viaggiano tra i 44 e i 51 mila euro lordi annui (se disoccupati) e i 22 mila euro lordi annui (se occupati), per riunirsi solo alcune volte all’anno.

Dovrà, inoltre, essere abolito il versamento attuale alla FNSI e rivisto profondamente quello alle Associazioni Regionali di Stampa.

INPGI Futuro propone un radicale cambiamento delle pratiche che regolano i finanziamenti alle ARS per quanto riguarda i servizi agli iscritti. La proposta è quella di indire gare per i servizi o anche pagamento per le pratiche effettivamente lavorate, come avviene per i CAF. Riteniamo assolutamente praticabile l’unificazione dei servizi con CASAGIT.

9 – PIÙ TRASPARENZA NEL RISPETTO DEGLI ISCRITTI

I nostri candidati si impegnano a garantire la massima trasparenza e a evitare conflitti di interesse, sia negli organi di gestione, sia nelle scelte dell’INPGI nei confronti degli editori, delle associazioni sindacali e della FNSI. Si impegnano altresì a pubblicare eventuali stipendi-gettoni a loro favore, presenze e assenze negli organi statutari, informazioni su pratiche contributive e fiscali di interesse per i colleghi, utilizzando sia Internet, sia incontri sul territorio.

Occorre riformulare la delibera 11/1994 sulla pubblicità degli atti e delle decisioni dell’Istituto, per evitare (come accaduto anche di recente) interpretazioni che favoriscano opacità e assenza di chiarezza, come il rifiuto opposto dall’INPGI a chi chiedeva di consultare la delibera del 27 luglio 2015 sulla riforma previdenziale e il verbale del Consiglio di Amministrazione di quello stesso giorno. Analogamente, va riconsiderato il più recente rifiuto dell’INPGI di consentire l’accesso agli atti, richiesto per decisioni riguardanti il Fondo immobiliare e i conferimenti di immobili, da cui è scaturito un contenzioso (il TAR in primo grado ha dato torto all’Istituto).

10 – PAGARE SUBITO LA EX FISSA

La questione Ex Fissa è una delle rappresentazioni più eclatanti della caduta libera della professione giornalistica. L’abbiamo toccata con mano in questi quattro anni di consiliatura INPGI. Perdita dei diritti, cancellazione unilaterale degli accordi sottoscritti, diktat imposti con arroganza, mancanza totale di trasparenza. Persino un paio di accordi segreti tra FIEG e FNSI, scoperti da INPGI Futuro, grazie ai quali già nell’ottobre 2016 quasi si azzerarono gli interessi dovuti ai giornalisti in attesa del loro credito, e nell’aprile 2017 si ipotizzarono cinque rate in cinque anni del dovuto, se si fosse accettato il taglio netto al 50 per cento della somma complessiva. Una partita tra il tragico e il ridicolo, condita da affermazioni epocali presto smentite, marce indietro, toppe peggiori del buco, in un sostanziale circo al quale tutti gli organismi interessati hanno dato il loro pregevole quanto triste contributo.

Occorre continuare a tenere alta la vigilanza perché non siano disattesi gli impegni al pagamento dell’Ex Fissa. INPGI Futuro ha votato a favore della delibera del Cda per l’erogazione di un nuovo prestito dell’INPGI al Fondo Ex Fissa per il pagamento dell’indennità. Il prestito è bloccato per la mancata approvazione dei ministeri vigilanti.

Esigeremo dalle parti sociali una soluzione definitiva che soddisfi le legittime aspettative dei creditori.

11 – PIÙ EFFICIENTI NELLA GESTIONE DEGLI IMMOBILI

Continueremo a vigilare sulle procedure di alienazione di una quota del patrimonio immobiliare affinché non vengano compiuti abusi e siano tutelati gli interessi di tutti gli iscritti. Va fatta, inoltre, totale chiarezza sul valore dei conferimenti e su tutta la gestione del Fondo immobiliare “Giovanni Amendola”.

Grazie alla nostra azione, esercitata in tutte le sedi, siamo riusciti non solo a controllare, ma anche a modificare numerosi aspetti di politiche sulla casa insufficienti od errate.

Intendiamo batterci affinché vengano ridotti al minimo i costi di intermediazione delle agenzie incaricate delle vendite degli immobili e abbassate le percentuali riconosciute oggi a InvestiRE Sgr per la gestione del nostro patrimonio immobiliare.

Chiediamo maggiore trasparenza nei rapporti con la società di gestione del Fondo immobiliare, InvestiRE Sgr. Vanno riviste le commissioni pagate dal Fondo – e quindi in definitiva dall’INPGI – alla medesima società privata, attualmente troppo alte.

Per alleviare le difficoltà nella vendita degli immobili ed evitare la svendita del patrimonio, una quota di minoranza del Fondo “Giovanni Amendola” potrebbe essere trasferita all’INPGI 2, con una valutazione trasparente a valori di mercato, a garanzia di tutti gli iscritti alle due gestioni dell’INPGI.

Intendiamo ribadire la necessità di una politica degli affitti più equa e flessibile che vada incontro alle diverse esigenze degli inquilini e che rimedi all’attuale situazione, caratterizzata da un tasso di sfittanza molto più alto del dovuto. Valutazioni eccessive hanno portato in molti casi a canoni di affitto superiori alla media del mercato con il risultato di comprimere i ricavi immobiliari dell’Istituto.

Va integralmente ridiscusso il rapporto tra INPGI e la InvestiRE Sgr in merito al servizio di gestione degli alloggi affittati, attribuito nel 2018 alla società Yard. Fin dall’inizio si sono verificati gravi disguidi che fanno dubitare della efficienza di un servizio che in precedenza veniva svolto con efficacia e dedizione dall’Ufficio Immobiliare dell’INPGI. Si conferma la lungimiranza di INPGI Futuro, che in Cda votò contro l’incomprensibile trasferimento del servizio a una società esterna all’Istituto, con relativo esborso di una somma considerevole a carico degli iscritti.

12 – UNA GESTIONE SEPARATA AL PASSO COI TEMPI

La riforma dell’INPGI 2 entrata in vigore il primo gennaio 2020 ha accresciuto i diritti, ma anche i doveri, dei giornalisti nominalmente lavoratori autonomi. È indispensabile un’accelerazione dell’applicazione delle norme sull’equo compenso, della cui Commissione attuativa prevista dalla legge 233/2012 fa parte un rappresentante INPGI, affinché vengano effettuali controlli accurati su pagamenti dignitosi per i collaboratori.

Andrà intensificato il monitoraggio del corretto versamento del contributo integrativo di pertinenza degli editori/committenti, soprattutto perché aumentato dal 2 al 4 per cento, senza che ad anticiparlo siano i lavoratori, e previste migliori forme di rateizzazione degli oneri soggettivi dovuti dai free lance, saliti dal 12 al 14 per cento.

Inoltre, le prestazioni erogate ai giornalisti indipendenti, eventualmente anche a Partita IVA, nell’attesa che raggiunga l’età del pensionamento la maggioranza degli iscritti a una Gestione previdenziale nata soltanto nel 1996, come la nuova indennità di disoccupazione collaboratori (Dis. Coll), l’assicurazione infortuni, i sussidi di maternità, paternità, nucleo familiare, congedo parentale, adozione o affidamento e di aborto e la diaria ricoveri ospedalieri/sussidio di malattia, eventualmente in sinergia con la CASAGIT, nonché i prestiti, il riscatto dei corsi di studio universitario, andranno via via accresciute e omologate a quelle dei giornalisti lavoratori dipendenti a tempo determinato o almeno dei CO.CO.CO.

INPGI Futuro propone infine, a titolo sperimentale, forme di consultazione online degli iscritti all’INPGI 2, attraverso la piattaforma del voto elettronico, per sondarne le priorità di vita e il gradimento in materia di prestazioni pensionistiche e assistenziali.

INPGI FUTURO RISPETTA GLI IMPEGNI

La lista di INPGI Futuro è formata da donne e uomini d’esperienza e competenza. Non abbiamo poltrone da distribuire o cariche da elargire, ma ormai da quasi venti anni, con il nostro lavoro, abbiamo dimostrato di riuscire a onorare i nostri programmi con efficienza, lealtà e trasparenza. Oggi ci sentiamo di poter rinnovare il nostro impegno, con entusiasmo e determinazione.

Qui le biografie dei candidati

Qui il programma in brevissimo di Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


5 × due =