INPGI FUTURO, TUTELE PIÙ CONCRETE AI PRECARI E SONDAGGI CONSULTIVI TRA GLI ISCRITTI ALL’INPGI 2

La riforma dell’INPGI 2 entrata in vigore il primo gennaio 2020 ha accresciuto i diritti, ma anche i doveri, dei giornalisti nominalmente lavoratori autonomi e dei freelance, categorie che nella stragrande maggioranza dei casi nascondono un vero e proprio sfruttamento del lavoro, spesso ai limiti del caporalato. Ecco le nostre idee per il futuro.

La Gestione Separata dell’Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani è perfettamente in salute perché, nata su iniziativa dell’Ordine quale alter ego dell’omonimo fondo INPS, data al 1996 e non ha ancora iniziato ad erogare un numero significativo di trattamenti di quiescenza ai colleghi ritirati.

PENSIONI GIUSTE, SPINGENDO SULL’EQUO COMPENSO

Parlare di pensioni eque significa immaginare un dignitoso versamento di contributi previdenziali, ma nel caso dei lavoratori autonomi essi dipendono comunque dai contratti sottoscritti con i datori di lavoro, cioè editori e uffici stampa e comunicazione.
È dunque indispensabile un’accelerazione dell’applicazione delle norme sull’Equo Compenso, della cui Commissione attuativa prevista dalla legge 233/2012 fa parte un rappresentante INPGI, affinché vengano effettuali controlli accurati su pagamenti dignitosi per i collaboratori. Questa figura, da scegliersi fra i giornalisti free lance e precari, dovrà/potrà opporsi ad accordi e a parametri che dovessero comportare il tradimento dell’articolo 36 della Costituzione in materia di salari sufficienti ai bisogni di vita.

CONTRIBUTO INTEGRATIVO A CARICO DEGLI EDITORI

Andrà intensificato il monitoraggio del corretto versamento del contributo integrativo di pertinenza degli editori/committenti in sede di fatture e dichiarazione dei redditi, soprattutto perché aumentato dal 2 al 4 per cento, senza che ad anticiparlo siano i lavoratori, e previste migliori forme di rateizzazione dei contributi dovuti dai free lance, saliti attualmente dal 12 al 14 per cento del reddito. Il Comitato Amministratore dell’INPGI 2, di concerto con la Commissione sull’Equo Compenso, dovrà elaborare un sistema per evitare che l’onere integrativo a carico dei datori di lavoro ricada sui lavoratori, già subissati di tasse e balzelli statali e locali.

PIÙ SOLDI IN TASCA AI COLLEGHI IN DIFFICOLTÀ

Le prestazioni erogate ai giornalisti autonomi, eventualmente anche a Partita IVA (nell’attesa che raggiunga l’età del pensionamento la maggioranza degli iscritti a una Gestione previdenziale ancora relativamente giovane), come la nuova indennità di disoccupazione collaboratori (cosiddetta “Dis. Coll”), l’assicurazione infortuni, i sussidi di maternità, paternità, nucleo familiare, congedo parentale, adozione o affidamento, i prestiti, il riscatto dei corsi di studio universitario, aborto nonché la diaria ricoveri ospedalieri/sussidio di malattia, eventualmente in sinergia con la CASAGIT, andranno via via accresciute e omologate a quelle dei lavoratori dipendenti a tempo determinato o almeno dei CO.CO.CO e alla più “generosa” Gestione Separata INPS.

REFERENDUM TRA I GIORNALISTI PRIMA DI DECIDERE

INPGI Futuro propone forme periodiche di consultazione online degli iscritti all’INPGI 2, attraverso la piattaforma del voto elettronico, per sondarne le priorità di vita e il gradimento in materia di prestazioni pensionistiche e assistenziali. Ciò consentirebbe all’Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti di intercettare in maniera puntuale i desiderata dei colleghi e assecondare i bisogni che dovessero via via manifestarsi.

PATTO CON L’ODG PER STANARE EVASORI E FURBETTI

I nostri candidati, qualora venissero eletti nel Comitato Amministratore o tra i Sindaci della Gestione Separata, si impegnano a portare avanti il progetto di un protocollo d’intesa con l’Ordine dei Giornalisti, segnatamente il Consiglio Nazionale e i singoli Consigli Regionali, allo scopo di “stanare” i colleghi pubblicisti e professionisti che, iscritti all’Albo professionale, non dovessero avere una cristallina posizione previdenziale presso l’INPGI e dunque rappresentassero una sorgente di concorrenza sleale nei confronti dei giornalisti in regola. Va da sé che l’ipotesi di una loro evasione od omissione contributiva, al di là degli aspetti fiscali, integra anche una violazione etica e deontologica.

Qui le biografie dei candidati

Qui il programma in brevissimo di Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


20 − diciassette =