INPGI, IL TOUR DE FORCE ELETTORALE DELLA PRESIDENTE CHE VIOLA LA PAR CONDICIO

Padova, Genova, Ancona, Potenza. La prossima settimana Torino, Napoli, poi Palermo addirittura a due giorni dal voto. E’ un vero tour de force quello cui si sta sottoponendo la presidente dell’Inpgi Marina Macelloni, che partecipa in tante parti d’Italia a iniziative elettorali della lista con la quale si candida, Controcorrente.

Avevano fatto discutere anche altre due iniziative tentate e all’ultimo momento cancellate a Milano per la protesta di liste concorrenti.

Non apprezziamo e non facciamo mai polemiche personali. E infatti questa non lo è. Chiediamo che venga rispettato il ruolo istituzionale super partes della presidente. Libera di candidarsi e di fare propaganda elettorale per la sua lista in Lombardia e ovunque, ma non nella sua veste di presidente.

Analogamente, ad alcune di queste iniziative hanno partecipato o parteciperanno di volta in volta la direttrice generale dell’istituto, il presidente della Casagit anch’egli candidato, il segretario e il presidente della FNSI. Anche queste figure che dovrebbero per la natura del proprio ruolo mantenere una elementare terzietà.

Molto più opportuno e utile sarebbe stato se la presidente che, ripetiamo, si è ricandidata con Controcorrente tra gli attivi della Lombardia, avesse partecipato casomai a confronti con tutti i candidati regionali e nazionali anche delle liste concorrenti. Evitando iniziative di chiara propaganda elettorale a senso unico che di fatto violano la par condicio elettorale.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


tre × due =