INPGI, QUANTE BUGIE E MEZZE VERITÀ IN QUESTA CAMPAGNA. INPGI FUTURO TI GUIDA IN UN BEL FACT CHECKING

Ufficio Studi e Ricerche di Puntoeacapo

Ne hai sentite veramente di tutti i colori. Sulle possibilità di salvare le pensioni aggrappandosi allo Stato ma mantenendo l’autonomia gestionale. Sugli ammortizzatori sociali che, se passassero a carico dello Stato, potrebbero salvare l’Inpgi. Sulle pensioni che sarebbero tagliate automaticamente in caso di confluenza nell’Inps. Sul ricalcolo selvaggio dei contributi di chi è ancora in attività.

Ma è proprio tutto vero? O questa aspra campagna elettorale è stata combattuta anche a colpi di bufale?

Va di moda chiamarlo fact checking. Noi la chiamiamo nel modo in cui, da sempre, la definiscono i giornalisti: verifica dei fatti.

Ecco la nostra versione delle tesi, delle antitesi e della verità dei fatti. Secondo noi.

LA SOPRAVVIVENZA DELL’ISTITUTO

1) L’ingresso nell’Inps

TESI

Ormai non c’è nient’altro da fare che contrattare un ingresso nell’Inps.

ANTITESI

Costerebbe troppo: circa 600 milioni all’anno di prestazioni in parte coperti dai contributi che sono in calo. Lo «sbilancio», oggi circa 150 milioni, sarebbe interamente a carico dello Stato. A meno di non prevedere un drastico taglio alle prestazioni in essere.

VERITÀ

Se lo sbilancio previsto per esempio nel 2020 è pari a circa 190 milioni, ipotizzando un passaggio quest’anno all’Inps, il costo a carico dello Stato sarebbe di questa somma e non di 600 milioni. In realtà è giusto tentare di salvare l’Inpgi per la specificità della professione giornalistica e perché, in futuro, se il salvataggio riuscisse e se il mercato del lavoro ripartisse, si potrebbe pensare di ristabilire una serie di prestazioni che la crisi di questi anni ha cancellato.  Senza nascondersi comunque che nessuno è tenuto a realizzare le cose impossibili.

2) Il ricalcolo dei contributi

TESI

Con l’Inpgi il sistema di calcolo contributivo è in atto solo dal 2017

ANTITESI

Con il passaggio all’Inps sarebbe applicato il sistema di calcolo contributivo dal 1996

VERITÀ

Perché avvenisse il ricalcolo dal 1996, il giornalista dovrebbe avere maturato almeno 18 anni di contributi al 1995, avere oggi circa 43 anni di contributi, avere cominciato a versare nel 1977, essere tuttora in attività ed essere nato intorno al 1952. Quanti sarebbero oggi i potenziali soggetti interessati? Più possibile il ricalcolo dei contributi dal 2012, data di entrata in vigore della legge Fornero.

3) Le pensioni di anzianità

TESI

Contributi minimi della pensione anzianità dell’Inpgi: 40 anni e 5 mesi (e 62 di età).

ANTITESI

Contributi minimi pensione vecchiaia anticipata Inps: donne, 41 anni e 10 mesi + 3 mesi di finestra; uomini, 42 anni e 10 mesi + 3 mesi di finestra.

VERITÀ

Giusto ma parziale: oggi con l’Inps almeno fino a tutto il 2021 si va in pensione a 62 anni con 38 di contributi.

4) L’indennità di disoccupazione

TESI

Disoccupazione Inpgi +28% rispetto alla Naspi Inps.

ANTITESI

Naspi -28% rispetto alla Disoccupazione Inpgi.

VERITÀ

Parzialmente vero: se la disoccupazione Inpgi è superiore del 28% a quella Inps, quella Inps non può essere inferiore di quella stessa percentuale, ma di circa il 20%. Non poco, comunque.

5)  La “garanzia pubblica delle pensioni”

TESI

L’Inpgi ha compiti e oneri eccezionali di cui deve farsi carico, in quanto ente completamente sostitutivo di Inps e Inail.

ANTITESI

Se lo Stato facesse tornare l’istituto alla situazione precedente alla privatizzazione, cioè ente di diritto pubblico con gestione autonoma, si otterrebbe la garanzia pubblica delle pensioni.

VERITÀ

Nel 1994 è stato avviato un processo strutturale di privatizzazione delle casse che coinvolge un intero sistema previdenziale e che ha il suo cardine nella totale indipendenza finanziaria dei vari enti, oltre che nel divieto di chiedere soldi allo Stato.  Non esistono, purtroppo, soluzioni intermedie da Prima Repubblica che consentano di avere (o riavere) la botte piena (cioè l’Inpgi ente pubblico, di cui assorbire le perdite) e la moglie ubriaca (cioè un consiglio di amministrazione autonomo che continui tranquillamente a gestire un ente in perdita). Sarebbe inaccettabile per la politica e anche per l’intero sistema delle casse privatizzate. Se “garanzia pubblica delle pensioni” significa questo, attenti perché è una balla.

6) Gli ammortizzatori sociali allo Stato

TESI

L’Inpgi è tenuta a pagare gli ammortizzatori sociali e questa è una delle cause principali del suo dissesto.

ANTITESI

Se lo Stato prendesse in carico gli ammortizzatori, l’istituto verrebbe sgravato di un passivo estremamente oneroso.

VERITÀ

E’ vero che nell’ultimo decennio l’Inpgi ha pagato qualcosa come 250 milioni in ammortizzatori sociali. Senonché, a partire dal 2017, grazie a una provvidenziale riforma della 416, sono stati di fatto annullati i cosiddetti stati di crisi prospettici che tanti esodi hanno creato e reso molto più difficili i ricorsi a cassa integrazione e solidarietà.

Gli oneri per l’Inpgi si sono molto ridotti e il fondo ammortizzatori è tornato dopo anni in utile poiché beneficia da un lato della aliquota contrattuale sui salari versata dagli editori e dall’altro del calo degli esborsi Inpgi.

L’ex sottosegretario all’Editoria Vito Crimi è stato intervistato da una lista per fargli dire che la politica potrebbe alleggerire l’Inpgi degli ammortizzatori sociali.

Senonché, se tu togli all’Inpgi la gestione degli ammortizzatori in pratica gli togli una parte sostanziale della propria ragione sociale.

Infine, se lo alleggerissi degli ammortizzatori, lo priveresti dell’unica voce attualmente in attivo della previdenza/assistenza.

Diverso, ma molto difficile, sarebbe se lo Stato riconoscesse che l’Inpgi si è fatto carico negli anni di costi abnormi e che nel frattempo ha messo al suo interno contenuti tossici come i contributi figurativi per chi era in cig. Sarebbe sì magnifico se lo Stato volesse ristorare l’istituto su questi costi.

 

IL DESTINO DEI PENSIONATI

7) Le rate delle pensioni

TESI

Il trattamento pensionistico dell’Inpgi è liquidato in 14 mensilità.

ANTITESI

Trattamento pensionistico liquidato in 13 mensilità.

VERITÀ

Che siano 13 o 14 le mensilità, quello che conta è l’importo lordo annuo.

8) Il contributo di solidarietà

TESI

Contributo solidarietà a carico dei giornalisti pensionati: termine definitivo febbraio 2020.

ANTITESI

Taglio delle pensioni alte nel sistema generale: fino al 2023.

VERITÀ

Anche i pensionati Inpgi, a partire dal 2012, sono stati sottoposti a prelievi forzosi sulle pensioni alte. Inoltre, il contributo dal 2017 al 2020 è stato applicato sulle pensioni Inpgi a partire dai 38.000 euro annui, non solo su quelle più alte. E sono dovuti arrivare fino al Consiglio di Stato per farsi riconoscere la non ripetibilità della misura.

9) Il taglio delle pensioni in caso di passaggio all’Inps

TESI

Nessun ricalcolo dei trattamenti pensionistici in essere scatterebbe in caso di permanenza all’Inpgi.

ANTITESI

In caso di passaggio all’Inps, è probabile un ricalcolo dei trattamenti pensionistici (taglio che oscilla dal 15% al 30%)

VERITÀ

Nessuno oggi può dire con certezza che ci sarebbe un ricalcolo, men che meno ipotizzando percentuali. Di certo aiutano gli esempi del passato: quando Inpdai o Fondo Elettrici passarono all’Inps, furono mantenuti intatti i trattamenti pensionistici in corso, mettendo a carico degli enti in liquidazione delle quote di patrimonio a titolo di ristoro per i maggiori oneri posti a carico dell’Inps.

10) Il versamento del contributo alla Casagit

TESI

L’Inpgi trattiene la quota Casagit

ANTITESI

Il pensionato dovrebbe versare da sé la quota Casagit

VERITÀ

Fossero questi i problemi…

Visto che linea sottile tra bugie e verità? Buon voto e buona fortuna a tutti noi.

Qui il nostro programma in pochissime parole

Qui le biografie dei nostri candidati

Qui il volantino con tutti i nomi da votare in blocco

Qui le istruzioni pratiche di voto

IL 10, 11, 12, 15 E 16 FEBBRAIO
NON STARE A GUARDARE
VOTA INPGI FUTURO PER DIFENDERE
IL TUO WELFARE DI OGGI E DI DOMANI

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


18 − undici =