EX FISSA, PASSANO I MESI E ANCORA NESSUN INCONTRO TRA FNSI E FIEG. IL SOSPETTO DELL’ENNESIMO BLUFF

di Paola Cascella *

Doveva essere l’inizio degli inizi, la ripartenza, l’uscita da un letargo colpevole di mesi, ovvero l’ex fissa di nuovo inserita nell’agenda della FNSI e della FIEG.

Un primo passo verso la soluzione del problema dopo anni di inadempienze. A dicembre del 2019 la Federazione della stampa aveva annunciato di aver avviato insieme agli editori “una verifica per individuare soluzioni che possano accelerare la liquidazione di quanto dovuto, ai giornalisti che aspettano di percepire l’indennità”.

Comunicazione urbi et orbi sul sito del nostro sindacato, musica per le orecchie dei circa 2200 pensionati in attesa da anni (anche dal 2009) di vedere soddisfatto il proprio credito, e guarda caso, proprio alla vigilia delle elezioni Inpgi per il rinnovo delle cariche di vertice.

Bello, bellissimo. Peccato che tre mesi dopo, di questo lodevole proclama di intenti non si rilevi alcuna traccia. Tre mesi non sono tanti, è vero, come è vero che è necessario che venga eletto il nuovo presidente dell’ Inpgi, al quale tocca un posto nella Commissione paritetica ex fissa.

Quello che preoccupa, però, è che dopo quel roboante annuncio nulla è alle viste neppure per il prossimo futuro. E per la verità neanche per quello più remoto. Non risulta che editori e giornalisti della Federazione si siano parlati, né incontrati, ma neppure dati un appuntamento per sviscerare l’argomento.

Al sindacato nessuno ne sa nulla. Gli editori avevano promesso che avrebbero verificato se da qualche parte si potessero reperire le risorse per riaprire le trattative di rottamazione del debito con i colleghi che avevano già mostrato interesse per la proposta. L’hanno fatto? Hanno scoperto qualche spicciolo di quelli necessari, in qualche portafogli dimenticato? La potente Federazione degli editori si è rivolta alle banche per ottenere le somme necessarie a onorare il proprio debito? Oppure si è trattato soltanto di un annuncio pre-elettorale, come Inpgi Futuro aveva preconizzato (sempre sperando di essere smentiti).

In questo caso la storia infinita potrebbe continuare. A meno di soluzioni drastiche: prima fra tutte lo sblocco dei 14 milioni già deliberati dall’Inpgi per finanziare un prestito “dedicato” alla FIEG. Milioni rimasti nelle casse di via Nizza per il divieto dei ministeri vigilanti preoccupati per la situazione economica dell’Istituto.

Anche se l’interesse del 4,6 per cento netto, che gli editori erano disposti a pagare, sarebbe stato com’è ovvio estremamente vantaggioso. Al punto che potrebbe dimostrarsi lungimirante trasferire il finanziamento da Inpgi 1 in capo a Inpgi 2, la Gestione separata, che gode di un bilancio con un ricco segno più e potrebbe avere interesse ad erogare un prestito a condizioni per sé tanto favorevoli.

* Cda Inpgi per Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


5 × 5 =