CASAGIT ROMA, DOVE CONSEGNARE LE PRATICHE. NUOVE REGOLE SULLE VISITE AL POLIAMBULATORIO

di Mario Antolini *

In questi giorni e fino a nuove disposizioni, i soci della Casagit del Lazio potranno lasciare le pratiche nelle cassette messe a disposizione all’ingresso della sede della Consulta, presso la sede dell’Associazione Stampa Romana in piazza della Torretta. Hanno a disposizione buste e penne.

Il personale, dotato di mascherine e guanti, lavora nelle stanze al di là della barriera di sedie, che dunque divide gli ospiti di passaggio dagli impiegati. Si ringraziano i soci per la collaborazione.

Di seguito altre informazioni utili.

SCADENZE – Casagit ha prorogato a giovedì 30 aprile la scadenza – altrimenti fissata al 31 marzo – per la presentazione al rimborso delle fatture di spesa sanitaria datate ottobre, novembre e dicembre 2019. Naturalmente, possono essere presentate anche le fatture datate gennaio, febbraio e marzo 2020.

I colleghi hanno così a disposizione l’intero mese di aprile – quando ci si augura che sia superata la attuale emergenza sanitaria – per portare in tutta tranquillità agli uffici della Consulta in piazza della Torretta 36, o presso la Direzione generale in via Marocco 61, la documentazione delle loro spese sanitarie datate ottobre, novembre e dicembre 2019. La proroga intende infatti evitare ai colleghi le file e gli assembramenti tradizionali nei giorni di fine scadenza.

RIAPERTURA ISCRIZIONI – Con il passaggio a Mutua, la Cassa apre una finestra per permettere il ritorno a quanti erano iscritti tempo addietro: fino al 30 aprile 2020 sarà quindi possibile presentare domanda di iscrizione a uno dei quattro Profili di assistenza di Casagit, da parte di chi:

  • sia già stato iscritto a Casagit in qualità di titolare;
  • sia uscito dalla copertura Casagit prima del 31 dicembre 2019;
  • abbia contribuito complessivamente per non meno di 25mila euro nel periodo 1994-2019.

Per la domanda di iscrizione (di titolari o familiari) e ogni ulteriore informazione vedere il sito www.casagit.it o recarsi presso gli uffici della Consulta.

NORMATIVE POLIAMBULATORIO – A partire da aprile, la convenzione in forma diretta per le visite specialistiche sarà sospesa a chi, per due volte anche non consecutive, non si presenterà  all’appuntamento programmato con il medico, senza aver avvertito almeno 24 ore prima. Il socio che per due volte non rispetta l’appuntamento programmato non avrà poi la possibilità di fruire della convenzione diretta per tutto l’anno solare in corso. In altre parole, dovrà in questo caso pagare le eventuali visite specialistiche future, per poi chiederne il rimborso a Casagit.

La misura intende essere un deterrente al fenomeno delle “buche”, cioé delle visite saltate senza preavviso, che ormai incidono per oltre il 15 per cento degli appuntamenti. Un fenomeno che provoca un doppio danno: da un lato il medico attende inutilmente un paziente che non arriva, dall’altro quel tempo sprecato pesa inevitabilmente sul calendario delle visite. Un 15 per cento di “buche” significa infatti un 15 per cento di tempo di attesa più lungo nella lista di assegnazione degli appuntamenti. Così, la misura del “due buche e niente convenzione diretta per l’anno in corso” intende stimolare una maggiore attenzione per gli appuntamenti presi con i medici del Poliambulatorio.

Per le sedute di fisioterapia, invece, il deterrente è diverso: la seduta saltata senza adeguato preavviso (almeno 24 ore prima) è semplicemente scalata dal numero delle sedute autorizzate.

* Fiduciario Casagit Lazio

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


sette − 4 =