INPGI, SOSTEGNO AL LAVORO AUTONOMO: IN QUESTA CRISI OCCORRONO SCELTE CORAGGIOSE

di Andrea Bulgarelli *

“Deludenti gli interventi per il lavoro autonomo. A breve, l’Inpgi convocherà il Comitato amministratore della Gestione separata per provvedimenti specifici”: questo il titolo di un articolo pubblicato sull’ultimo numero di InpgiNotizie.

Una presa di posizione in linea con la sollecitazione e la segnalazione di Inpgi Futuro, che già martedì con una lettera che ho inviato alla presidente Marina Macelloni (nota a cui, peraltro, si attende ancora una risposta) aveva evidenziato come tra gli articoli del decreto “Cura Italia” non vi fosse nessuna tutela immediata per i giornalisti con partita Iva o titolari di contratti Co.co.co.

E’ necessario, proprio a tutela di quei lavoratori maggiormente in situazioni di difficoltà e precariato, che l’Inpgi possa attivare tutele considerate indifferibili, con provvedimenti urgenti. Una dilazione dei versamenti contributivi al 31 maggio 2020 è stata disposta da Inpgi nella circolare del 18 marzo 2020.

A mio avviso il periodo temporale va ampliato. E’ ragionevole prevedere che colleghi giornalisti che hanno visto crollare le proprie entrate a causa di un calo generalizzato delle attività imprenditoriali, sportive, culturali, eccetera, difficilmente avranno una ripresa immediata del loro lavoro nei prossimi mesi con la relativa puntualità nei pagamenti.

In particolare, poi, il rinvio andrebbe previsto ben più ampio anche a supporto dei colleghi che stanno in questo momento versando contemporaneamente contributi arretrati a seguito di accertamenti, verifiche, ritardati pagamenti dovuti all’impossibilità passata ad adempiere ai versamenti.

* Consigliere generale Inpgi per il Friuli Venezia Giulia, Inpgi Futuro

Aggiornamento

Rispetto al testo pubblicato più sopra, per correttezza aggiungo che sono stato contattato dalla presidente dell’Inpgi, Marina Macelloni, alla quale ho espresso le considerazioni rispetto alle necessità dei colleghi titolari di partita Iva e Co. co. co. Da parte sua, la presidente ha assicurato l’attenzione sulla questione da parte dell’Istituto informando che a breve l’Inpgi aggiornerà sui possibili provvedimenti.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


5 × 4 =