CORONAVIRUS, UNA TANTUM INPGI PER 2800 AUTONOMI, IN ATTESA DEL DECRETO DEL MINISTRO

di Paola Cascella *

Indennizzo di 500 euro una tantum per 2800 giornalisti autonomi (ma solo a partire da giugno), congedo parentale, rinvio senza sanzioni, nè ulteriori interessi, del versamento dei contributi minimi previdenziali, prestiti ai colleghi in difficoltà grazie al nuovo Fondo di garanzia solidale appena costituito, e sospensione delle rate dei prestiti già in corso di rimborso.

Ai tempi dell’emergenza Covid 19, ecco il pacchetto delle misure di sostegno ai giornalisti iscritti all’Inpgi 2, finora “dimenticati” dal Decreto Cura Italia varato l’altro giorno dal governo. Lo ha deciso il 27 marzo il Comitato amministratore dell’Istituto in quattro ore di videoconferenza, stanziando, annuncia la presidente Marina Macelloni, complessivamente 42 milioni di euro.

Indennizzo per taglio del lavoro

Riceveranno un assegno da 500 euro i colleghi iscritti in via esclusiva alla Gestione separata che nell’ultimo triennio abbiano realizzato un reddito tra i 2100 e i 30000 euro e che abbiano dovuto registrare nel periodo marzo-aprile-maggio 2020, un calo dei compensi di almeno il 33 per cento, rispetto a quelli ricevuti nell’ultimo trimestre del 2019.

Sono 2800 ai quali verrà destinata la parte non spesa dello stanziamento per il programma di assistenza sanitaria triennale che nei mesi scorsi Inpgi aveva avviato insieme a Casagit. Il residuo è di circa 1,4 milioni annui. I beneficiari saranno quelli che non hanno usufruito di tale programma.

Ma, è bene sottolinearlo, l’autocertificazione richiesta dall’Istituto prevedendo che venga presa in considerazione la diminuzione dei compensi fino al 31 maggio prossimo, potrà essere inviata solo dal 1. giugno.

A proposito del contributo per i lavoratori autonomi, da segnalare l’intervento della ministra del Lavoro Nunzia Catalfo. “Sto emanando – ha annunciato a Radio Capital – un ulteriore decreto ministeriale per tutelare tutti gli autonomi iscritti alle casse di previdenza private. Ora stiamo scrivendo le nuove misure e sicuramente i 600 euro per le partite Iva saranno confermati, anzi è allo studio un aumento. Stiamo prevedendo un indennizzo per tutti, per coprire tutti i lavoratori”. E ancora: “Stiamo prevedendo un indennizzo per tutti, e con l’Inps stiamo pensando a un procedimento velocizzato per far arrivare i soldi ai cittadini. Vogliamo farlo attraverso le banche, per chi ha un conto corrente o in contanti per chi non ce l’ha”.

Congedo parentale

Il provvedimento, già previsto dal governo a beneficio dei giornalisti iscritti alla Gestione separata Inps, viene esteso agli iscritti alla Gestione separata Inpgi. Permetterà a chi abbia figli di età inferiore ai 12 anni, o di età anche maggiore se disabili, di usufruire fino a 15 giorni di permesso con l’erogazione di un’indennità economica.Questa misura non entra in vigore subito, ma solo previa approvazione dei ministeri vigilanti.

Rinvio del versamento dei contributi

I colleghi che nel 2019 abbiano avuto un reddito non superiore ai 30000 euro, esclusivamente da lavoro autonomo, potranno pagare il contributo minimo 2020 anche oltre il termine del 31 luglio corrente e fino allo scadere del saldo, il 31 ottobre 2021. Potranno godere di una rateizzazione semestrale e non si vedranno applicate sanzioni. La stessa categoria di giornalisti autonomi potrà saldare a rate, fino ad un massimo di 12 mesi, il contributo sui redditi 2019, la cui scadenza è prevista per il 31 ottobre 2020. Di nuovo senza interessi, ma anche qui solo dopo l’approvazione dei ministeri vigilanti del Lavoro e dell’Economia.

Pagamenti delle rate dei prestiti sospese e credito agevolato

Chi ha in atto un piano di rateizzo per il rimborso di un finanziamento erogato dalla Gestione separata potrà ottenere la sospensione delle rate fino ad un massimo di 12 mesi autocertificando la situazione di difficoltà dovuta ai contraccolpi economici dovuti ll’emergenza sanitaria che stiamo vivendo. Infine gli iscritti ad Inpgi 2 che abbiano subito una riduzione dei propri compensi tra marzo e maggio 2020 nella misura del 33 per cento rispetto al periodo ottobre – dicembre 2019 potranno richiedere un prestito a tasso zero, con un piano rateale fino a 36 mesi di importo variabile, legato all’ammontare della riduzione dei compensi e all’anzianità contributiva alla Gestione separata, in una fascia compresa tra i 2.000 e i 25.000 euro.

* Cda Inpgi per Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


2 × quattro =