INPGI2, CAOS SULLE MAIL PER IL BONUS COVID. SI INGOLFA E POI RIPARTE IL SISTEMA INFORMATICO

di Andrea Bulgarelli e Paola Cascella *

Il sistema mail dell’Inpgi ha ceduto subito, già all’alba mandato in tilt dai collegamenti dei colleghi interessati al bonus di 600 euro annunciato dal governo per gli iscritti alla nostra cassa.

Il blocco tecnico risolto a metà mattinata, è dovuto, dicono in Istituto, al pesante volume delle richieste – 2000 in meno di un’ora, 2500 in un’ora e mezza – arrivate in via Nizza a partire dalla mezzanotte di ieri (le altre casse private hanno attivato il server solo da mezzogiorno, in attesa dell’ultimo, ultimissimo decreto ministeriale che ha corretto alcuni passaggi, non fondamentali, di quello precedente).

Tuttavia non si capisce come la casella postale informatica Inpgi sia rimasta pressocchè schiacciata da un evento del tutto prevedibile. Che il numero delle richieste potesse essere immediatamente molto alto e in simultanea, non doveva e non deve certo stupire data la difficoltà economica creata dall’ emergenza Covid 19 anche alla nostra categoria.

Prova ne sia che in via Nizza la previsione è che saranno almeno 17.000 i giornalisti che faranno domanda, degli oltre 44000 iscritti ad Inpgi 2. Ora comunque i colleghi che si sono visti rifiutare la “consegna” della prima mail dalla casella dedicata bonuscovid19@inpgi.it, bloccata, hanno potuto, anzi dovuto, inviare di nuovo la domanda, riportando in calce il messaggio di mancato recapito generato dal server, che ha registrato la data e l’ora, del primo tentativo di invio.

Questa modalità è indispensabile per formare la graduatoria delle richieste. Graduatoria che, dice Inpgi, deve essere seguita per la valutazione temporale della correttezza delle domande. Infatti l’Istituto terrà conto della cronologia relativa al primo invio fallito per colpa del blocco tecnico. Naturalmente senza alcun effetto negativo sugli iscritti.

Qui il comunicato dell’Inpgi con nuove istruzioni per gli iscritti.

* Consiglieri generali per Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


cinque + sette =